domenica 28 febbraio 2021

Notizie dal mercato azionario: perché le azioni di marijuana non sono aumentate durante i blocchi?

      

                

        

                                               

                                     

                                                                                          

La borsa ha continuato a perdere terreno giovedì.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Giovedì mattina sono state registrate maggiori perdite a Wall Street poiché gli investitori hanno continuato a reagire negativamente a un coro crescente di valutazioni al ribasso del futuro a breve termine dell’economia globale. Numerosi rispettati investitori istituzionali hanno avvertito che l’ottimismo derivante dal rimbalzo del mercato dal mercato orso del coronavirus potrebbe non essere giustificato, soprattutto alla luce di un’ulteriore debolezza dell’occupazione. A partire da subito : 30 am EDT, il Dow Jones Industrial Average (DJINDICES: ^ DJI) era inattivo 89 punta a 23, 159. Il S&P 500 (SNPINDEX: ^ GSPC) cadde 17 punta a 2, 803 e il Nasdaq Composite (NASDAQINDEX: ^ IXIC) rilasciato 85 indica 8, 778.

Gli investitori di cannabis sono stati in gran parte delusi dall’andamento degli stock di marijuana negli ultimi mesi. Proprio come i consumatori accumulavano carta igienica e altre necessità, alcuni azionisti delle compagnie di cannabis si aspettavano di vedere la domanda crescente da parte dei clienti bloccati a casa. Tuttavia, anche se così fosse, non si è tradotto in guadagni per i maggiori produttori di cannabis. L’ETF ETFMG Alternative Harvest (NYSEMKT: MJ) , ad esempio, ha perso più di 30% del suo valore negli ultimi tre mesi.

Fonte immagine: Getty Images.

Nessun successo con la divisione inversa di Aurora

Ultimamente uno dei peggiori artisti nello spazio della marijuana è stato Aurora Cannabis (NYSE: ACB) , che è in basso di 66% da metà febbraio. La società canadese di cannabis che molti avevano precedentemente visto come uno dei prediletti del settore si è imbattuta in persistenti problemi operativi e i tempi della pandemia di coronavirus hanno introdotto nuove sfide ai suoi piani di espansione che l’hanno costretta a ridimensionare.

Le cose sono andate così male per Aurora che il suo prezzo delle azioni è sceso sotto il segno di $ 1, e questo ha costretto la società a fare un 1 per – 11 divisa al contrario. Tali mosse sono progettate per aumentare il prezzo delle azioni, ma comportano che gli investitori abbiano meno azioni dopo la divisione inversa. Ciò ha finora preservato il diritto di Aurora di continuare a fare trading alla Borsa di New York, ma il titolo ha continuato a perdere terreno. Il prezzo delle azioni è sceso di un altro 17% proprio questa settimana dopo la divisione inversa, mostrando il pericolo di tali mosse nel danneggiare la fiducia tra gli investitori.

Più brutti guadagni avanti?

Anche gli investitori non sono contenti di ciò che hanno visto negli ultimi tempi. Tilray (NASDAQ: TLRY) ha riportato i risultati del primo trimestre all’inizio di questa settimana, includendo vendite che sono più che raddoppiate rispetto ai livelli di un anno fa e una triplicazione delle entrate internazionali derivanti dalla marijuana medica. Tuttavia, le perdite erano molto maggiori di quanto gli azionisti si aspettassero.

Ora, alcuni di coloro che guardano l’industria della marijuana pensano che l’argomentazione delle scorte potrebbe effettivamente ritorcersi contro le compagnie di pentole. Se le persone rifornivano il vaso all’inizio delle misure di blocco, le vendite potrebbero essere ridotte ora mentre gli acquirenti si fanno strada attraverso le loro scorte salvate.

Inoltre, i punti vendita al dettaglio di cannabis si trovano ad affrontare le stesse sfide di altri negozi, compresa la necessità di affrontare i problemi di sicurezza legati al coronavirus. Molti negozi hanno ridotto le ore o chiuso del tutto, e dover rispettare requisiti statali e locali più elevati potrebbe porre ulteriori problemi da risolvere per i negozi di pentole.

C’è persino una crisi di fiducia nella suite executive di alcune aziende. Crescita del baldacchino

(NYSE: CGC) Il COO Andre Fernandez e il direttore commerciale Dave Bigioni hanno lasciato la compagnia, unendosi a una miriade di altri che hanno dovuto affrontare licenziamenti, licenziamenti e altre misure.

Alcuni avevano sperato che gli stock di cannabis sarebbero stati un porto nella tempesta durante la crisi del coronavirus. Tuttavia, ciò non ha dimostrato di essere il caso, e potrebbero essere necessari importanti sviluppi positivi affinché gli investitori abbiano alcuna reale speranza di un’inversione di tendenza nel prossimo futuro.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               
Articolo originale di Fool.com