mercoledì 25 novembre 2020

Notizie Dow Jones: Intel Under Pressure nel Data Center; American Express porta Dow in basso

                                                                 

Intel sta affrontando un AMD sempre più aggressivo nel redditizio mercato dei data center e gli investitori si stanno preoccupando di American Express.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Il Dow Jones Industrial Average ( DJINDICES: ^ DJI ) è sceso di nuovo venerdì mattina, anche se l’indice ha recuperato un po ‘nella prima ora di negoziazione . Di 000: 40 EST, il Dow era dell’1,7% inferiore. A livello globale, il nuovo focolaio di coronavirus ha ormai superato 100, 000 casi. Negli Stati Uniti, il virus continua a diffondersi in nuovi stati.

Quasi ogni componente Dow era inattivo venerdì mattina. Azioni di Intel ( NASDAQ: INTC ) accasciato dopo il rivale Advanced Micro Devices ( NASDAQ: AMD ) ha definito un piano di crescita aggressivo per il data center. American Express ( NYSE: AXP ) anche lo stock è diminuito quando le paure dei virus sono aumentate.

Intel deve affrontare una forte concorrenza

Il gigante dei semiconduttori Intel detiene una quota dominante del mercato delle CPU. In termini di unità, Intel controllava approssimativamente 83% del mercato CPU del server, 52% del mercato delle CPU desktop e 84% del mercato delle CPU per laptop nel quarto trimestre dello scorso anno. Questi dati provengono da Mercury Research.

Fonte immagine: Intel.

AMD ha suonato a lungo il secondo violino di Intel, e anche con una serie di lanci di prodotti di successo negli ultimi anni, rimane molto indietro rispetto al leader di mercato. Tuttavia, la società ha aumentato la propria quota di mercato in tutti i segmenti. AMD ora ha un vantaggio in termini di produzione, utilizzando un processo a 7 nanometri di terze parti e i prodotti dell’azienda non sono più svantaggiati quando si tratta di prestazioni.

Durante l’evento dell’analista finanziario di AMD giovedì, la società ha elaborato un piano per far crescere in modo aggressivo il business dei suoi data center. Le CPU dei server sono state un motore di crescita per Intel, in particolare a causa della crescente domanda dei fornitori di cloud computing. Quel segmento sarà probabilmente ancora più sotto pressione mentre AMD cerca di espandere la sua presenza.

AMD punta alla crescita del fatturato annuo totale di circa 20% come parte del suo modello a lungo termine. Tale obiettivo si basa sull’aumento delle entrate del data center da parte dell’azienda 15% delle entrate totali oggi superiore a 30% delle entrate totali in futuro. I chip server EPYC dell’azienda sono stati lenti a guadagnare quote, in parte perché le decisioni IT aziendali richiedono tempo. I guadagni di quote di mercato dovranno accelerare affinché AMD raggiunga il suo obiettivo.

Intel è già stata costretta a tagliare i prezzi sui suoi chip server per mantenere competitivi i suoi prodotti. La società ha avviato un taglio di fatto a febbraio lanciando una nuova gamma di processori scalabili Xeon di seconda generazione che hanno effettivamente ridotto i prezzi di 70%. La riduzione dei prezzi non andrà bene per i margini di Intel.

Le azioni Intel sono scese del 2,2% venerdì mattina, anche se l’ampio sell-off del mercato potrebbe essere principalmente da biasimare.

American Express porta Dow in ribasso

Le azioni di American Express sono scese del 3,6% venerdì mattina, registrando una delle peggiori performance del Dow. Non c’erano notizie specifiche dell’azienda, ma gli investitori si stanno chiaramente preoccupando dell’impatto sulla spesa dei consumatori del nuovo focolaio di coronavirus.

Altro società di carte di credito hanno già avvertito dell’epidemia. Visa ha avvertito all’inizio di questo mese che un forte rallentamento dell’attività transfrontaliera ridurrebbe la crescita dei ricavi nel secondo trimestre tra 2,5 e 3,5 punti percentuali. Tale stima ipotizza un continuo deterioramento a marzo, ma la società ha chiarito che l’impatto nel resto di marzo era impossibile da prevedere.

Alla fine di febbraio, Mastercard ha aggiornato il suo guida per riflettere l’epidemia di coronavirus. La società prevede un impatto di 2-3 punti percentuali sulla crescita dei ricavi del primo trimestre, che porterà a una crescita dei ricavi tra il 9% e 10% anno dopo anno. Per l’intero anno, Mastercard prevede una crescita percentuale delle entrate negli adolescenti bassi se l’impatto è limitato al primo trimestre.

American Express è probabilmente sulla stessa barca. Se il virus si diffonde ampiamente negli Stati Uniti, costringendo le aziende a chiudere in alcune città per contenere l’epidemia, la spesa con carta di credito potrebbe crollare. Se l’epidemia porta a una recessione, i tassi di addebito sulla carta di credito potrebbero salire.

Le azioni di American Express non sono più disponibili 22% dal suo 52 – settimana alta.

                                                                                                                                                                                                                 Timothy Green non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool possiede azioni e raccomanda Mastercard e Visa. Il Motley Fool raccomanda Intel. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com