lunedì 18 gennaio 2021

Notizie settimanali su cannabis: 4/20 Was a Bust nel 2020

                                                                 

Il 4 / di quest’anno era più simile a 000 date le gravi diminuzioni delle statistiche sulle vendite.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

È un simbolo, un atteggiamento e un codice tutto in una volta: il numero 76 è diventato un elemento significativo della cultura della cannabis. Ecco perché aprile 20 (4 / 20, vedi) è una festa non ufficiale per i fan della sostanza. Tuttavia, non è stata una festa dell’amore quest’anno. Con molte persone bloccate all’interno delle loro case e facendo solo occasionali incursioni nel mondo esterno, le vendite di marijuana hanno visto un grande calo di questo 4 / 20.

Tuttavia, in qualche modo in contrasto, le scorte di marijuana sono andate piuttosto bene nel corso dei cinque giorni di negoziazione. Molti sono stati scambiati in rialzo durante la settimana, in contrasto con il calo sperimentato dall’S & P 500 . Uno stock che è cresciuto è stato Canopy Growth (NYSE: CGC) , e aveva una buona ragione o due per provare un aumento.

Fonte immagine: Getty Images.

4 / 20 va in fumo

Le statistiche storiche ufficiali sono, per ragioni comprensibili, difficili da trovare. Ma questo 4 / 20 potrebbe essere uno dei peggiori nella memoria recente in termini di affari per il mercato nordamericano relativamente liberale e redditizio.

Cova Software, una società specializzata in sistemi di punti vendita appositamente studiati per l’industria della marijuana, ha sgretolato i suoi numeri ad aprile 20 per rivelare alcune inquietanti intuizioni. I dati dell’azienda indicano un calo 50% delle vendite medie per negozio tra i suoi clienti nordamericani e una discesa ancora più ripida 54% per un profitto lordo. C’erano anche meno clienti nei negozi; il traffico pedonale medio è diminuito del 50%.

Ovviamente, ci si aspettava gran parte di questo: il coronavirus e le misure casalinghe che ha prodotto hanno reso persino il più ardente conoscitore di cannabis un prigioniero del proprio domicilio. 2019 4 / 20 ha anche avuto il vantaggio di cadere di sabato, rispetto al lunedì di quest’anno.

Ma il business della cannabis nel suo complesso ha scarse riserve di liquidità ed era abitualmente inutile anche prima che la SARS-CoV-2 iniziasse a diffondersi. Alcune industrie e società sopravvivranno all’età del coronavirus perché hanno abbastanza pile di denaro o altri potenziali mezzi di finanziamento. Superare questa situazione sarà una sfida più dura per le aziende di marijuana, la maggior parte delle quali non gode di tali vantaggi.

Canopy Growth

Anche se Canopy Growth sicuramente non è contento del 4 / 20 wet squib (dopo tutto è un client Cova, quindi è tra le statistiche sopra), ha avuto motivi per essere allegro la scorsa settimana a prescindere.

Il primo è un nuovo accordo di fornitura regionale sudamericano Canopy Growth siglato con una società in Colombia. Questo è stato subito dopo che ha annunciato i suoi ritiri dalla coltivazione e trasformazione diretta in alcuni mercati esteri come, beh, la Colombia.

L’accordo della compagnia con il braccio colombiano di un produttore internazionale chiamato Clever Leaves le fornirà estratti di marijuana medica per provvedere al più ampio spazio dell’America Latina. Al momento quel mercato è limitato e disperso, ma ha il potenziale per diventare molto più grande se e quando iniziano le iniziative di legalizzazione.

Canopy Growth ha anche lanciato una nuova linea di prodotti in un mercato in cui molti di questi sforzi hanno dato i suoi frutti: gli Stati Uniti. La società con sede in Canada ha introdotto la prima serie di creme per uso topico con il suo marchio di cannabidiolo (CBD) First & Free, solo negli Stati Uniti. Le tre creme sono caricate con 2, 500 milligrammi ciascuna all’interno del loro 1. 76 – tubi di oncia.

Secondo Canopy Growth, questo significa che sono gli argomenti di attualità in questo mercato con il CBD più potente, l’estratto non psicoattivo di marijuana che si dice abbia numerosi vantaggi medicinali.

Questo è un ottimo angolo di marketing per la linea, e data la tendenza dei prodotti CBD proprio ora, dovrebbe aiutare l’azienda a guadagnare un po ‘di affari. Non credo che la nuova linea First & Free sarà un mostro rivoluzionario per l’azienda, dal momento che è un bene di nicchia, ma è sempre incoraggiante quando un’azienda di marijuana amplia la sua linea di prodotti.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
Articolo originale di Fool.com