venerdì 23 ottobre 2020

Notizie settimanali su cannabis: Tilray’s Revenue Squeeze e perdite di montaggio

                                                                 

Le azioni della marijuana hanno visto un forte calo della debolezza generale del mercato, oltre ad alcune cattive notizie da diverse importanti aziende del settore.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

La scorsa settimana non è stata particolarmente movimentata per le scorte di marijuana, salvo il fatto scomodo che la maggior parte dei loro prezzi è scesa a tassi percentuali a due cifre. Ciò, naturalmente, era dovuto più alle paure generali dell’effetto del coronavirus sull’economia globale e alla ricaduta per le società quotate in borsa attive al suo interno.

Detto questo, ci sono stati alcuni sviluppi specifici della nota con le compagnie di cannabis nell’arco di cinque giorni. Diamo un’occhiata a due elementi degni di brevi riassunti.

Fonte immagine: Getty Images

Serbatoi inclinati su prestazioni Q4

La prima grande notizia per gli stock di pentole della settimana è stata Tilray ‘S ( NASDAQ: TLRY ) la sua versione Q4 e risultati fiscali per l’intero anno 2019. Ciò non è stato un buon inizio del periodo e ha spinto le azioni della società di più di 30% dal lunedì al venerdì.

Per il trimestre, Tilray ha registrato entrate per $ 23 milioni. Negli ultimi tempi ciò è andato nella direzione opposta rispetto alle società con le migliori prestazioni di marijuana – in altre parole, è sceso su base trimestrale, dell’8% per l’esattezza. La perdita netta si è ampliata considerevolmente a poco più di $ 112 milioni dal deficit Q3 di quasi $ 36 milioni, per non parlare del Q4 2018 deficit di $ 31 milioni.

La diapositiva di punta era dovuta in gran parte al calo delle entrate nelle categorie di cannabis ricreativa e alla rinfusa, entrambi sviluppi piuttosto preoccupanti per un’azienda che fa ancora la maggior parte delle sue monete sulle vendite di marijuana. Un grande motivo per la perdita netta approfondita era un $ 112 milioni di accuse di svalutazione per l’investimento di Tilray in un accordo di compartecipazione alle entrate con Authentic Brands Group. Ciò riguarda anche, poiché sembra che la società stia ottenendo poco o nulla dal suo coinvolgimento in questo accordo.

Detto questo, ci sono ragioni per cui gli investitori di Tilray resistono e sperano in tempi migliori. Uno è Manitoba Harvest dell’azienda , un investimento che sta effettivamente producendo risultati: il re dei prodotti alimentari di canapa ha portato a quasi $ 19 milioni di entrate durante il trimestre. Ciò non solo ha costituito una parte significativa delle entrate totali, ma dà anche alla società una certa diversificazione e riduce la sua ex dipendenza pesante dalla cannabis.

Tuttavia, i risultati non erano esattamente incoraggianti. Se fossi un azionista, non abbandonerei necessariamente il titolo – è abbastanza economico in questi giorni e c’è una debole possibilità che ci siano tempi migliori per l’azienda. Tuttavia, se stavo pensando di acquistarlo di nuovo, probabilmente gli darei un passaggio: le entrate stanno appassendo e quell’inchiostro rosso è zampillato di recente.

Canopy Growth chiude due serre

Un’altra notizia scoraggiante durante la settimana è stata Canopy Growth ‘S ( NYSE: CGC ) annuncio che sta chiudendo due delle sue serre , entrambi situati nella provincia occidentale della British Columbia ricca di erbe infestanti, e piani di costruzione di un terzo in Ontario.

Le serre non sono economiche da costruire, mantenere e far funzionare, quindi la crescita del baldacchino limitata dalla redditività sta sensibilmente cercando di risparmiare qualche dollaro. Inoltre, come l’azienda non ha esitato a sottolineare, le strutture esterne possono essere più economiche. Fortunatamente, gestisce uno di questi siti che attualmente contribuisce alle sue esigenze di produzione.

Naturalmente gli arresti – o “piano di ottimizzazione della produzione” nel linguaggio bizantino dell’azienda – avranno un prezzo. Canopy Growth prevede di addebitare al lordo delle imposte di 521 milioni di dollari canadesi ($ 136 milioni) a CA $ 596 milioni ($ 596 milioni) questo quarto per queste mosse.

Questa è una pillola grande e amara da ingoiare considerando che il fatturato lordo totale dell’azienda nell’ultimo trimestre segnalato – in cui ha funzionato meglio del previsto , tra l’altro – era inferiore a CA $ 101 milioni ($ 31 milioni).

Non molto tempo fa, le compagnie di cannabis come la crescita del baldacchino erano in modalità a qualsiasi prezzo . È un segno della loro maturità che almeno alcuni stanno invertendo la rotta cercando di capire come risparmiare piuttosto che spendere.

Il “piano di ottimizzazione della produzione” di questa società non è abbastanza per influenzarmi sulle sue quote, ma almeno è disposto a chiudere i boccaporti in una certa misura. Spero che questo contribuirà a migliorare i suoi profitti a un certo punto.

                                                                                                                                                                                                                 Eric Volkman non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

Articolo originale di Fool.com