mercoledì 27 gennaio 2021

Notizie sui mercati azionari: i 3 titoli che necessitano maggiormente di un vaccino contro il coronavirus

Lunedì ha portato nuovo entusiasmo a Wall Street, poiché gli investitori hanno guardato favorevolmente agli sforzi per riaprire l’economia degli Stati Uniti. Con diversi stati che implementano nuove procedure per consentire l’apertura delle imprese, milioni di americani non vedono l’ora di tornare a una parvenza di vita normale. I partecipanti al mercato hanno inoltre reagito positivamente ai commenti del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, domenica sera, che hanno dato credibilità all’idea che la banca centrale abbia ancora modi di aiutare nella lotta economica contro gli effetti della pandemia. Subito dopo 11 am EDT, il Dow Jones Industrial Average (DJI) era su 806 punta a 24, 492.

S&P 500 GSPC) rosa 86 indica 2, 950 e il Nasdaq Composite (IXIC) raccolto 218 punta a 9, 233.Una delle cose che ha alimentato il sentimento tra gli investitori è stato lo sforzo di sviluppare un vaccino contro il coronavirus. Azioni di Moderna (NASDAQ: mRNA) erano più alti di 23% a seguito di risultati positivi dai primi test del suo COVID – 19 il vaccino nell’uomo. Certamente gli studi preliminari sui candidati al vaccino avranno un impatto diretto sui titoli farmaceutici e biotecnologici che li sponsorizzano. Ma a lungo termine, i tre titoli che trarranno il massimo da un vaccino contro il coronavirus sono operatori di navi da crociera Carnevale (NYSE: CCL) , Norwegian Cruise Line Holdings (NYSE: NCLH) e Royal Caribbean (NYSE: RCL) . Questa è una grande parte del motivo per cui le tre scorte di navi da crociera sono in mezzo 13% e 18% Lunedi mattina.

Le sfide speciali che le compagnie di crociera devono affrontare
La chiave per il rally del mercato azionario negli ultimi due mesi è stata la speranza che il ritorno agli affari come al solito sia ancora un’opzione a lungo termine. In particolare, la necessità di far avanzare le imprese il più presto possibile può essere avvertita nelle comunità di tutta la nazione.

La maggior parte delle aziende, con la guida di funzionari sanitari, potrebbe prendere provvedimenti per riaprire, pur offrendo una certa protezione contro il contagio del coronavirus. Vedremo alcuni di questi passaggi nei prossimi mesi, tra cui la limitazione del numero di persone nei negozi in qualsiasi momento, la prenotazione di determinati orari per i clienti a più alto rischio di malattie gravi e la necessità di utilizzare dispositivi di protezione individuale.

Tuttavia, gli operatori delle navi da crociera avrebbero difficoltà ad adattare i loro modelli di business per soddisfare le linee guida normative di stopgap. L’esperienza della nave da crociera è inerente a grandi gruppi di persone che viaggiano insieme in un ambiente chiuso per diversi giorni e periodicamente vanno a riva in vari luoghi per trascorrere del tempo interagendo con la gente del posto.

Le compagnie di crociera potrebbero tentare di imporre nuove restrizioni ai viaggiatori, ad esempio mantenendo gruppi di passeggeri nelle loro cabine per limitare il numero di persone che si riuniscono in qualsiasi momento. Tuttavia, ciò toglierebbe l’intero punto di una crociera. Inoltre, l’applicazione di tali requisiti porterebbe molti degli stessi problemi che i governi statali e locali hanno incontrato nel tentativo di imporre il blocco e gli ordini di soggiorno

La necessità di un vaccino

Alla luce di ciò, ha senso che un vaccino completo sarebbe la soluzione migliore per gli operatori di navi da crociera. In questo modo, secondo gli investitori fiduciosi, società come Royal Caribbean, Norwegian e Carnival possono tornare in gran parte ai loro precedenti modelli operativi. Con la protezione contro il coronavirus in atto, i passeggeri si sentirebbero a proprio agio come prima della pandemia.

La grande domanda è il tempismo. Anche con sforzi rapidi per sviluppare un vaccino, i ricercatori sono ancora solo nelle prime fasi. Nel frattempo, gli operatori di navi da crociera hanno cancellato mesi di viaggi e, sebbene abbiano raccolto capitali per attraversare un periodo sostanzialmente senza entrate, c’è un limite a quanta liquidità saranno in grado di ottenere. Questo lascia queste compagnie in una corsa contro il tempo, senza alcuna certezza se sopravviveranno allo scoppio.

Le scorte sanitarie che hanno sviluppato un vaccino sono state volatili, con i prezzi in aumento quando le prospettive per il vaccino di una determinata azienda sembrano buone. Ma per le scorte di navi da crociera, un vaccino è ancora più importante, perché l’intero futuro del settore potrebbe basarsi su un modo affidabile per impedire che la malattia possa riprendersi.