venerdì 27 novembre 2020

“Nulla è fuori discussione”: cosa ci vorrebbe perché la Fed iniziasse ad acquistare azioni

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell tiene una conferenza stampa a seguito di una riunione di due giorni chiusa del comitato del Federal Open Market a Washington, settembre 18, 2019.

Sarah Silbiger | Reuters

La Federal Reserve ha scatenato ciò che frequentemente stato chiamato bazooka nei suoi sforzi per calmare i mercati. Il prossimo passo potrebbe essere quello di diventare nucleari.

Se le condizioni a Wall Street dovessero peggiorare in modo significativo, la banca centrale potrebbe andare dove non è mai andata prima: intervenire passivamente in borsa per la prima volta in assoluto, secondo analisti di mercato ed economisti.

La Fed ha già scaricato un livello senza precedenti di munizioni contro il tumore provocato dal coronavirus, quindi fare di più porterebbe anche più lontano in acque inesplorate.

Tuttavia, le interviste a vari professionisti del mercato della scorsa settimana hanno mostrato che l’idea che la Fed si avventuri nel mercato azionario sembra tutt’altro che inverosimile. La Fed avrebbe bisogno del permesso del Congresso per estendere le sue operazioni, ma ha già ricevuto ampia latitudine dal Dipartimento del Tesoro attraverso disposizioni di emergenza nel Federal Reserve Act.

“Se ci fossero dislocazioni, è chiaro che entreranno in qualsiasi angolo del mercato che inizi a soffocare “, ha dichiarato Quincy Krosby, capo stratega del mercato di Prudential Financial. “Sappiamo che quando soffocate in una parte del mercato, soffocate in un’altra parte del mercato che porta alla dislocazione. Non appena oltrepassate quella linea, ora state affrontando qualcos’altro che potreste presumibilmente acquistare.”

In effetti, la Fed ha già mostrato una volontà di andare oltre la sua risposta alla crisi finanziaria, e potrebbe essere necessario fare di più se la crisi dovesse peggiorare.

Dato che le conseguenze economiche della pandemia si sono diffuse all’inizio di questo mese, il presidente della Fed di Boston Eric Rosengren stava già dicendo che la Fed potrebbe aver bisogno di ampliare i tipi di attività che può acquistare per sostenere l’economia.

“Dovremmo consentire alla banca centrale di acquistare una gamma più ampia di titoli o attività”, ha detto Rosengren in una riunione del 6 marzo del Shadow Open Market Committee, un consiglio di economisti che veglia sulle attività della Fed.

Obbligazioni societarie, QE illimitato

Nel tagliare il suo tasso di interesse di riferimento a quasi zero, dove era du suonare la crisi finanziaria, la Fed ha anche annunciato che inizierà a comprare obbligazioni societarie. Sebbene l’attenzione si focalizzerà sulle società stabili di livello investment grade, la mossa ha rappresentato un altro passo in avanti verso il rischio e arriva lungo un’analoga incursione nel mercato obbligazionario municipale .

Oltre a tutto ciò, la Fed è passata da un piano limitato per acquistare Treasurys e titoli garantiti da ipoteca attraverso il quarto round del suo programma di allentamento quantitativo in uno sforzo senza limiti per continuare ad acquistare fino a quando ce n’è bisogno.

al di là di tutti quei passaggi e immergersi in una delle parti più rischiose dei mercati dei capitali avrebbe visto la fantasia solo pochi mesi fa. Ma molto è cambiato.

“Nulla è fuori discussione. La domanda è: sarà necessaria? la Fed ha fatto abbastanza per stabilizzare i mercati per alleviare lo stress in modo che i mercati possano funzionare normalmente e correttamente “, ha chiesto Krosby, aggiungendo che” un altro importante giro di riscatti “sul mercato dei fondi potrebbe essere sufficiente per attirare l’attenzione della Fed. “Ora è tutto sul tavolo che non era nemmeno un potenziale sei settimane fa.”

Una simile mossa da parte della Fed verrebbe probabilmente attraverso il mercato dei fondi negoziati in borsa da $ 3,6 trilioni. È qui che la Fed sta andando per il suo intervento nelle obbligazioni societarie poiché gli ETF consentono alla banca centrale di tracciare un indice anziché scegliere le obbligazioni delle singole società da possedere. Gli ETF sono strumenti passivi in ​​quanto seguono indici come lo S&P 500 e la Dow Jones Industrial Average invece di selezionare singoli titoli.

Mentre la negoziazione dell’ETF è rimasta liquida durante questa crisi, gli investitori si sono spinti a frotte, sebbene i rimborsi della scorsa settimana si siano concentrati più sul mercato obbligazionario che sulle azioni. Un raduno diverso da qualsiasi cosa il mercato avesse visto da quando 1930 ha contribuito a portare un po ‘di liquidità nel mercato azionario, ma Wall Street si è conclusa con un tonfo venerdì e probabilmente ci sarà una maggiore volatilità.

Nell’ultimo mese, iShares Core S&P

L’ETF, un fondo popolare utilizzato per ottenere un’ampia esposizione ai titoli a grande capitalizzazione, ha visto ridursi le sue dimensioni di quasi un terzo, poiché gli investitori hanno prelevato circa $ 5,2 miliardi da quello che ora è un $ 11 .8 miliardi di fondi. Mosse continue come questa sono destinate ad attirare l’attenzione della Fed.

Seguendo il Giappone

“Altre banche centrali l’hanno fatto. È la rotta dell’ETF che la Banca del Giappone ha intrapreso”, ha affermato Vincent Reinhart, capo economista e macro stratega di BNY Mellon Asset Management. “Non li escluderei dal fare azioni.”

In effetti, il passaggio della Banca del Giappone agli ETF azionari sarebbe una sorta di modello per la Fed.

La BOJ è stata un acquirente aggressivo di fondi azionari, con le sue partecipazioni totali intorno a $ 256 miliardi di Termini in dollari USA alla fine del quarto trimestre di 2019. Ciò rappresentava fino al 80% del mercato totale, qualcosa che ha portato le critiche bancarie mentre l’economia della nazione continua a zoppicando e mentre le partecipazioni sono state messe sotto pressione durante il forte calo del mercato globale.

Tuttavia, la BOJ sta aumentando i suoi acquisti, che ora saranno pari a più di $ 110 miliardi all’anno.

“Una delle domande più frequenti è, non è la Fed non ha munizioni? No, hanno ancora molti trucchi nella loro borsa. Passare ad ulteriori acquisti di attività a rischio è una delle cose che potrebbero fare “, ha dichiarato Lauren Goodwin, economista e stratega del portafoglio multi-asset di New York Investimenti sulla vita.

Un rischio per la Fed sarebbe la percezione che sta superando il suo ruolo essenziale di regolatore delle banche con ulteriori mandati da promuovere piena occupazione e stabilità dei prezzi. Tuttavia, ha già dimostrato la volontà di adottare misure straordinarie in tempi di crisi, nonostante il rischio di azzardo morale.

“C’è un motivo per cui il governo non ha voluto questa percezione del la banca centrale possedeva attività di rischio in passato “, ha affermato Goodwin. “Ma se una crisi di liquidità si trasforma in una crisi di solvibilità e non abbiamo ancora le strutture per sostenere l’economia, allora sì, penso che potresti vedere la Fed essere creativa.”

La Fed sta lavorando a stretto contatto con il Dipartimento del Tesoro sui suoi vari programmi di liquidità per il sistema finanziario, nonché per le grandi e le piccole imprese e le famiglie.

Durante la crisi finanziaria , Il Tesoro ha preso warrant su azioni in banche in difficoltà come Citigroup e Bank of America e poi ha fatto soldi vendendole. Il segretario al Tesoro Stevne Mnuchin ha dichiarato domenica mattina su “Face the Nation” della CBS che il governo potrebbe ancora una volta prendere warrant o quote di capitale azionario, se necessario.

Se la Fed avrebbe preso una partecipazione in i mercati azionari, tuttavia, probabilmente richiederebbero un peggioramento più marcato delle azioni.

“Abbiamo visto la Fed mostrare che sono disposti e in grado di fare tutto il necessario per fare certo che i mercati si apriranno in modo efficiente. Stanno facendo tutto il possibile “, ha affermato Lindsey Bell, capo stratega degli investimenti di Ally Invest. “Sarebbe un nuovo territorio per la Fed, non che abbiano paura di nuovi territori.”

Articolo originale di CNBC