sabato 18 settembre 2021

Online sul sito INPS il Certificato di Pensione (ObisM) in modalità dinamica

Per i beneficiari di prestazioni previdenziali e assistenziali, l’INPS mette a disposizione dei cittadini in modalità on line il certificato di pensione ( ObisM), che può essere visionato e scaricato accedendo alla sezione “Servizi e servizi”. sito web (www.inps.it).

A differenza degli anni precedenti, il certificato viene consegnato in modo dinamico, quindi le informazioni sulle pensioni vengono aggiornate al momento del rilascio su richiesta. Ciò significa, ad esempio, che per le pensioni dei dirigenti privati ​​e dei lavoratori dell’industria dello sport e dello spettacolo verranno corrisposte anche le indennità in corso d’anno.

Tuttavia, per i certificati dal triennio al 2021, è disponibile una versione statica e storica. Il certificato tiene conto della rivalutazione delle pensioni e delle prestazioni sociali e fornisce i criteri per il calcolo della perequazione automatica che, a partire da gennaio 2021, garantisce l’applicazione delle rettifiche derivanti dall’applicazione dell’indice definitivo fissato per l’anno precedente (0,5% rispetto allo 0,4% stimato, per il quale sono stati effettuati calcoli previsionali nel 2020). Inoltre, il certificato di pensione contiene una serie di dati analitici: importo lordo mensile della rata di gennaio e tredicesima (eventuale); i due mesi successivi se ci sono cambiamenti (ad esempio, interruzione del trattamento familiare e complementare); l’importo delle detrazioni fiscali individuali; detrazioni fiscali applicabili. La novità del 2021 è che da quest’anno le detrazioni IRPEF sono calcolate in base all’importo totale della pensione annua, quindi le ritenute vengono trattenute mensilmente (solo nei casi previsti dalla legge, l’importo della detrazione giornaliera che il pensionato deve denuncia al datore di lavoro).

Nel certificato di pensione vengono poi riportati specifici avvisi: ai titolari di pensioni anticipate “quota 100” e “precoci” la incumulabilità con la percezione di redditi da lavoro e quindi l’obbligo di inviarne comunicazione; ai soggetti dichiarati irreperibili l’obbligo di dichiarare la variazione di indirizzo o il trasferimento di residenza. Infine, nel certificato di pensione viene visualizzata l’informazione sulla erogazione della somma aggiuntiva (quattordicesima) qualora corrisposta per l’anno corrente.