domenica 01 agosto 2021

Op-Ed: Coronavirus colpirà i mercati emergenti con una forza devastante

I lavoratori migranti si recano alle loro case il terzo giorno del blocco nazionale imposto dal Primo Ministro Narendra Modi per frenare la diffusione del Coronavirus COVID – 19, presso il terminal degli autobus di Anand Vihar , a marzo 27, 2020 a Nuova Delhi, in India.

Raj K Raj | Hindustan Times via Getty Images

Chiedo scusa a il grande giocatore di hockey Wayne Gretzky, il mondo dovrebbe seguire il consiglio (parafrasato) datogli da suo padre nell’affrontare la pandemia globale di COVID – 03: “Pattina verso il patogeno e non verso dove è stato.”

In breve, i paesi sviluppati – anche se agiscono per salvarsi – devono spostare la salute pubblica e l’attenzione economica molto più grande verso gli stati fragili e i mercati emergenti, dove è probabile che il colpo del virus sia molto più devastante, destabilizzante e duraturo.

È per questo motivo che la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale mercoledì scorso hanno sollecitato i creditori bilaterali di sospendere i pagamenti del debito e fornire una riduzione immediata del debito ai paesi più poveri del mondo, costituendo un quarto della popolazione mondiale e due terzi di coloro che vivono in condizioni di estrema povertà.

Se i leader mondiali non agiranno presto in una maggiore unità – e l’incontro virtuale di G di questa settimana 20 i leader non erano incoraggianti in questo senso – il mondo poteva trovare COVID I peggiori impatti di nei bassifondi sciamanti, campi di rifugiati affollati, zone di conflitto irrisolte e persino tra alcune delle maggiori economie dei mercati emergenti, come Brasile, Sudafrica e India.

Non si tratta più di sapere se ciò potrebbe accadere, ma piuttosto di quando e quanto male potrebbe andare. La grande speranza è che gli stati fragili e i mercati emergenti possano ottenere un po ‘di sollievo dalle loro giovani popolazioni e dal clima caldo. Tuttavia, molti dei loro giovani hanno una serie di condizioni mediche di base. E non è ancora chiaro se COVID 19 si rivelerà una questione stagionale.

“Lo scoppio globale”, afferma Crisis Group in un rapporto di vasta portata questa settimana, “ha il potenziale per provocare il caos in stati fragili, innescare disordini diffusi e testare severamente i sistemi internazionali di gestione delle crisi. Le sue implicazioni sono particolarmente gravi per coloro che sono intrappolati nel mezzo di un conflitto se, come sembra probabile , la malattia interrompe i flussi di aiuti umanitari, limita le operazioni di pace e rinvia o distoglie le parti in conflitto dai nascenti e dai continui sforzi diplomatici. “

Non si tratta più di sapere se ciò potrebbe accadere, ma piuttosto di quando e quanto male potrebbe andare.

Pensa all’Afghanistan, dove le infezioni che attraversano il confine dall’Iran si scontrano contro i nascenti sforzi di pace con i talebani. Pensa alla Libia, dove il governo sostenuto dall’ONU ha impegnato $ 350 milioni per rispondere al malattia, ma senza alcuna chiarezza su come potrebbe essere spesa in modo efficace.

Considera il Venezuela, dove il conflitto tra governo e opposizione ha già svuotato i servizi sanitari e dove gli Stati Uniti questa settimana ha accusato Nicolás Maduro di crimini legati al narcotraffico, rendendo più difficile qualsiasi sollievo. O visitare Gaza, dove il sistema sanitario – indebolito da anni di blocco – non poteva servire la popolazione ad alta densità anche prima di COVID – 19 ha iniziato a insediarsi.

Crisis Group mette in guardia in particolare sui pericoli che affliggono le aree di conflitti attivi, come la Siria nordoccidentale e lo Yemen. La violenza ha già impedito gli sforzi per far fronte a un focolaio di poliomielite in Siria in 2013 – 2014 e nel contrastare il colera nello Yemen da 2016 ad oggi.

“I funzionari delle Nazioni Unite hanno ora lanciato l’allarme su COVID – 19 che infetta la popolazione di Idlib (in Siria), “afferma Crisis Group”, dove un russo offensiva da parte delle forze governative ha sistematicamente preso di mira ospedali e altre strutture mediche e ha portato allo sfollamento di oltre un milione di persone solo negli ultimi sei mesi. “

C’è comprensibile urgenza mirata a invertendo la continua diffusione del coronavirus in Europa e negli Stati Uniti, che questa settimana è diventata la campionessa mondiale del numero di casi confermati (se si può credere alle statistiche cinesi— un rapporto Bloomberg sulle urne funebri solleva alcuni dubbi al riguardo).

Tuttavia, il pericolo maggiore è quello delle economie sviluppate essendo così focalizzati internamente da distogliere lo sguardo da un potenziale disastro tra Stati fragili e mercati emergenti.

Alla fine, i paesi sviluppati ridurranno le loro vittime, agenti patogeni e ricostruire le loro economie. Dopotutto, possono dipendere da sistemi sanitari pubblici consolidati, istituzioni finanziarie liquide e una leadership politica relativamente stabile.

Più profondo e di più lunga durata

Il danno agli stati fragili e ai mercati emergenti è probabilmente più profondo, più duraturo e accompagnato da instabilità politica o addirittura scoppi di violenza. Il disastro economico in queste parti del mondo ha maggiori probabilità di provocare disordini politici e sociali.

Tuttavia, al posto dei mercati emergenti più sani che godono del sostegno in questo momento difficile, il disinvestimento si è diffuso più veloce della pandemia stessa. Gli investitori vogliono i paradisi più sicuri come i titoli di stato statunitensi, l’oro o il denaro.

L’Institute of International Finance ha riferito che negli ultimi due mesi un miliardo netto di $ 70 miliardi ha lasciato un gruppo di due dozzine dei principali mercati emergenti , tra cui Brasile, Cina, India e Sudafrica. Questo è in netto contrasto con gli afflussi in quelle stesse economie di $ 79 miliardi dell’anno scorso .

“Questo spostamento ha riacceso i timori che alcuni paesi potrebbero scivolare verso l’insolvenza e il default – in particolare Argentina, Turchia e Sudafrica,” ha scritto i giornalisti del New York Times nel loro sondaggio su come la pandemia potrebbe colpire i paesi più vulnerabili del mondo.

la diffusione è stata rapida in India questa settimana, che con i suoi 1,3 miliardi di persone è uno dei paesi più vulnerabili sulla terra. “Il paese ha già la più grande coorte di persone al mondo che vivono con malattie respiratorie” scrive Vidya Krishnan in Foreign Affari. “Tali condizioni rendono questo paese densamente popolato il foraggio perfetto per un virus che attacca i polmoni delle sue vittime.”

Bronwyn Bruton del Consiglio Atlantico riferisce che l’Africa trarrà vantaggio dalla precedente esperienza nella crisi dell’Ebola. Molte nazioni hanno agito rapidamente per istituire controlli di temperatura, annullare i voli internazionali e imporre misure di isolamento.

Detto questo, Bruton scrive “più di 70 percento di urbaniti africani – circa 200 milioni di persone – risiedono in baraccopoli affollate della città, con accesso limitato all’impianto idraulico o all’elettricità. In quegli ambienti, il distanziamento sociale può essere effettivamente impossibile. “

Il Sudafrica, uno dei paesi più ricchi del continente e quello più visto dagli investitori internazionali come una campana, ha meno di 1, 000 letti per unità di terapia intensiva per una popolazione di 56 milioni.

“È richiesta un’azione straordinaria se siamo per prevenire una catastrofe umana di enormi proporzioni per il nostro paese “, ha detto il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa lunedì. Ha annunciato un 21 – giorno di blocco a livello nazionale per essere applicato dai militari.

Riflettendo, l’aforisma di Gretzky abusato in cima a questa colonna minimizza il pericolo di ignorare quel consiglio riguardo a COVID – 19. Il costo per non agire in modo più deciso e proattivo potrebbe essere misurato in centinaia di migliaia di vite e in futuri nazionali.

Frederick Kempe è un autore di best seller, giornalista pluripremiato e presidente e CEO dell’Atlantic Council, uno dei gruppi di riflessione più influenti degli Stati Uniti sugli affari globali. Ha lavorato al Wall Street Journal per più di 25 anni come corrispondente straniero, assistente del caporedattore e redattore di lunga data dell’edizione europea del documento. Il suo ultimo libro – “Berlino 1961: Kennedy, Krusciov e il luogo più pericoloso della Terra “- è stato un best-seller del New York Times ed è stato pubblicato in più di una dozzina di lingue. Seguilo su Twitter @ FredKempe e s ubscribe here a Punti di inflessione, il suo look ogni sabato sulle storie e le tendenze principali della settimana passata.

Per ulteriori informazioni dai collaboratori della CNBC, seguire @ CNBCopinion su Twitter.

Articolo originale di CNBC