lunedì 14 giugno 2021

Op-Ed: “I legami di guerra” potrebbero finanziare la lotta contro il coronavirus: ecco come potrebbero funzionare

Thinkstock | Getty Images

Il mio collega, Jim Cramer, ha formulato una raccomandazione molto interessante lunedì mattina, chiedendo al Ministero del Tesoro degli Stati Uniti di emettere $ 1 trilione di dollari, 30 – “legame di guerra” dell’anno per finanziare la nostra battaglia contro il coronavirus.

Ha lanciato l’idea su CNBC a Larry Kudlow, che presiede il Consiglio economico nazionale della Casa Bianca e ha promesso di proporre l’idea direttamente al presidente Donald Trump.

Gli Stati Uniti, ovviamente, hanno pubblicato legami di guerra in passato, e nel contesto di conflitti militari reali, sia nella prima e nella seconda guerra mondiale.

Il governo è tornato in 1917 è arrivato al punto di ottenere l’aiuto di celebrità come Charlie Chaplin, Douglas Fairbanks, Mary Pickford ed Ethyl Barrymore per vendere Liberty Bonds.

Bob Hope, Bing Crosby, Barbara Stanwyck e Humphrey Bogart aiutò uno sforzo simile durante la seconda guerra mondiale.

Questa volta, forse, JLo, Kanye West, George Clooney e Jennifer Aniston potrebbero obbligare.

Gli americani patriottici hanno spezzato le obbligazioni e hanno contribuito a finanziare gli sforzi bellici.

Allo stesso modo, oggi, gli Stati Uniti sono impegnati in una guerra contro un virus che ha bloccato l’attività economica in modo virtuale. , facendo immediatamente salire la disoccupazione e un possibile calo del prodotto nazionale lordo del secondo trimestre del 30% o più.

La guerra- il concetto di obbligazioni è solido nella misura in cui la domanda di debito di alta qualità è in aumento tra gli investitori istituzionali e individuali.

Sono stato a lungo a favore degli Stati Uniti estendendo la scadenza dei loro prestiti dal La grande recessione ha spinto i tassi di interesse a registrare i minimi.

Gli Stati Uniti, tuttavia, non sono stati terribilmente aggressivi nel commercializzare tali strumenti di debito e i finanziatori non sono stati terribilmente entusiasti di scambiare rendimenti più elevati per la quasi certezza che gli Stati Uniti, ancora un credito AAA, li ripagheranno per intero. Tuttavia, questo potrebbe essere uno di quei momenti in cui il mutuatario e il creditore giungono ad un accordo reciproco su un Tesoro di lunga data che produce il 2%.

Oltre alla qualità creditizia relativamente alta dell’America, inoltre sta ancora prendendo a prestito a tassi più elevati rispetto alla maggior parte del resto del mondo.

Anche se i deficit statunitensi aumentano, si stima che saliranno fino al 7% a 10% del PIL nazionale nei prossimi due anni, il rapporto debito / PIL dell’America, mentre cresce, rimarrà inferiore a quello di Giappone, Cina, Italia e la maggior parte degli altri paesi sviluppati, riducendo il rischio relativo di acquisto di un’obbligazione statunitense.

Un’emissione potrebbe richiedere un po ‘di assistenza da parte della Federal Reserve per compensare le potenziali perdite su capitale a coloro che acquistano le obbligazioni.

La “durata” di un’obbligazione 30 – anno con un rendimento del 2%, è poco più di 22 anni, il che significa che un obbligazionista il pareggio di un’obbligazione a lungo termine è di circa 22 anni.

Nel frattempo, il valore principale di un’obbligazione a lungo terminefluttua più selvaggiamente con ogni spostamento dell’1% dei tassi di interesse rispetto agli strumenti di debito a breve termine.

È un fattore che impedisce a molti di ottenere titoli di alta qualità ma a basso rendimento le cui scadenze sono di tre decenni

Alcuni investitori hanno ipotizzato che la Federal Reserve potrebbe mettere un limite ai rendimenti del Tesoro lungo tutta la curva dei rendimenti.

Ora la Fed non può garantire che deterrà 30 – rendimenti obbligazionari annui pari o inferiori al 2% per sempre. Tuttavia, usando la sua guida diretta, la Fed può dire che limiterà la curva a meno che o fino a quando l’inflazione non superi un nuovo obiettivo numerico, o quando la crescita nominale supera una certa soglia, diciamo 5%.

Una tale mossa ridurrebbe il rischio di possedere Treasury a lungo termine e renderebbe l’emissione di un’obbligazione di guerra molto più appetibile rispetto a lasciare il mercato dei tassi ai propri dispositivi.

Dato che il Ministero del Tesoro e la Fed, attraverso il recente disegno di legge CARE approvato dal Congresso, stanno ora lavorando in concerto in modi mai visti prima, un accordo così reciprocamente rafforzante aiuterebbe gli Stati Uniti a uscire da questo shock biologico e spianare la strada al governo per finanziare il necessario aiuto – ora e nei prossimi mesi.

Articolo originale di CNBC