martedì 24 novembre 2020

Ottawa non si è ancora consultata correttamente sull’appello di Trans Mountain: First Nations

CALGARY – Il governo federale non è riuscito di nuovo a consultarsi adeguatamente con i gruppi First Nations interessati sul progetto di espansione del gasdotto Trans Mountain, hanno dichiarato lunedì gli avvocati di gruppi contrari al gasdotto.

Lawyers for First Nations gruppi contrari al progetto di espansione del gasdotto Trans Mountain tra Alberta e la Columbia Britannica hanno discusso lunedì dinanzi alla Corte d’appello federale di Vancouver che Ottawa, ancora una volta, non ha sostenuto il proprio dovere di consultare in modo significativo le comunità aborigene sul progetto.

Scott Smith, un partner di Gowling WLG che agisce per conto della nazione Tsleil-Waututh, ha fatto riferimento ai commenti del primo ministro Justin Trudeau e del ministro delle finanze Bill Morneau che descrivono l’impegno del governo federale che il progetto “sarà costruito” e “ per riportare le pale in terra “come prova del fatto che le consultazioni di Ottawa non erano significative.

I politici federali, disse, erano” unilateralmente concentrati sull’approvazione del progetto. “

” L’ordine in consiglio deve essere annullato “, ha detto Smith mentre sosteneva che la Corte d’appello avrebbe dovuto annullare l’approvazione del progetto da parte del gabinetto federale perché Ottawa era” ancora una volta molto al di sotto del segno “su consultazione.

In particolare, Smith ha affermato che il governo ha trattenuto importanti prove scientifiche e studi sugli impatti ambientali da parte di Tsleil-Waututh durante il periodo di consultazione anche quando tali studi erano stati richiesti.

L’audizione di tre giorni si sta svolgendo presso la Corte d’appello federale a Vancouver, che ha concordato a settembre di considerare le preoccupazioni della band indiana dei Coldwater, Squamish Nation, Tsleil-Waututh Nation e Ts’elxweyeqw Tribe che la consultazione del governo con loro quest’anno è stata insufficiente.

La sfida legale è l’ultima battuta d’arresto per Trans Mountain, i cui precedenti proprietari avevano inizialmente proposto l’espansione in 2013. È una delle numerose espansioni di oleodotti in stallo proposte per facilitare i canali di esportazione congestionati.

Il governo dell’Alberta ha ridotto la produzione per impedire l’accumulo di scorte di petrolio.

La corte d’appello ha già governato con la Tsleil-Waututh e contro il governo federale una volta, nell’agosto dello scorso anno, quando ha scoperto che Ottawa non si era consultata correttamente con i gruppi aborigeni interessati e non era nemmeno in grado di rendere conto del 590, 000 – potenziali effetti della pipeline al barile al giorno sulle orche fuori dal BC costa.

Da quel momento, Ottawa ordinò una nuova serie di consultazioni e ordinò anche al National Energy Board, ora Canada Energy Regulator, di riconsiderare la sua raccomandazione a favore del progetto contro i potenziali effetti sulla killer whales.

Al termine di questi processi simultanei, il governo federale ha nuovamente approvato il progetto. Questo mese, Trans Mountain ha annunciato che i primi tratti del gasdotto sarebbero stati messi a terra lungo il percorso in Alberta.

Ora, quel secondo processo di consultazione è di nuovo in discussione mentre la costruzione continua.

Il primo giorno dell’udienza, gli avvocati sia della Tsleil-Waututh che della Coldwater Indian Band hanno sostenuto che alcuni degli stessi errori commessi durante il primo processo di consultazione imperfetto erano stati ripetuti durante le consultazioni più recenti.

“Coldwater non ha mai detto di no a questo progetto, ma hanno sempre sostenuto che la protezione della loro acqua potabile deve venire prima”, ha affermato Matthew Kirchner, socio dirigente dello studio legale North Vancouver Ratcliff e Co. LLP, che agisce per conto della Coldwater First Nation, vicino a Merritt, BC

Kirchner ha dichiarato che la band ha “dovuto combattere ogni passo del cammino” per proteggere la falda acquifera e ha sostenuto che il Le più recenti consultazioni del governo federale sul potenziale pericolo per l’acqui fer erano inadeguati.

Un portavoce delle risorse naturali canadese ha dichiarato che il governo ha approvato il progetto dopo un dialogo significativo con le popolazioni indigene, comprese nuove misure per soddisfare le loro preoccupazioni.

Il progetto, che gemellerà un gasdotto esistente tra la regione di Edmonton e la metropolitana di Vancouver, attraverserà la falda acquifera che fornisce acqua potabile per la riserva, che ospita dei membri della band 850.

Il governo federale è in programma di presentare il suo caso martedì. Un portavoce del dipartimento delle risorse naturali canadese ha dichiarato che il governo ha approvato il progetto dopo un dialogo significativo con le popolazioni indigene, comprese nuove misure per soddisfare le loro preoccupazioni.

Né Trans Mountain Corp. né il governo di Alberta – elencati come interveniente in questo caso – finora ha presentato argomentazioni orali sulla dignità del processo di consultazione.

Ad Ottawa, il ministro delle finanze Bill Morneau ha affermato che il governo spera di vendere Trans Mountain ed è aperto ai gruppi indigeni essere coinvolti come proprietari.

“Il nostro obiettivo generale è garantire che le popolazioni indigene lungo il percorso possano essere coinvolte (e) che possano esserci benefici … per gli indigeni in senso più ampio.”

Con file da Reuters

• Email: gmorgan@nationalpost.com | Twitter: geoffreymorgan

Come riportato da Financial Post