martedì 19 ottobre 2021

Oud eccezionale: il profumo della regalità

Svelando la seduzione olfattiva, Krishnaraj Iyengar, scrittore di LLM-Luxury Lifestyle Magazine, esplora l’oud, il profumo di lusso più ricercato al mondo.

“Questa è profumeria divina!” brilla Tajul Islam Bakshi. Una leggenda vivente nel mondo delle fragranze, il maestro distillatore di oud fa rivivere la magia della fragranza naturale e più nobile del mondo. Questo estratto di corteccia d’albero dalle fitte foreste dell’India orientale dell’Assam è oggi un lusso da un milione di dollari. “Mentre l’olio, Dahn Al Oud, che in arabo significa ‘grasso del legno’ è l’oro del profumiere, la parte più resinosa del legno diventa Bakhoor o incenso arabo, venduto come patatine”, spiega Bakshi.

Conosciuta per essere la fragranza più costosa ed esotica del mondo, l’odore muschiato, legnoso e terroso dell’oud dalla veste bianca scintillante del miliardario barbuto è spesso il nostro primo appuntamento con la terra dei deserti e dei grattacieli abbaglianti. Accattivante per i sensi, questo profumo con un sillage di intrighi è essenzialmente associato al Medio Oriente e ha sbalordito l’umanità per millenni attraverso razze e culture.

Che si tratti della passione sfrenata degli appassionati per esso, o la curiosità di un neofita innamorato, l’oud possiede una magia inspiegabile e incomprensibile che richiede il massimo ‘aha’ olfattivo.

Innovazione per eccellenza

Mentre gli antichi indiani scoprirono per la prima volta ‘agar ‘o oud, gli arabi l’hanno sperimentato come profumo. Nel 21 st secolo, l’innovazione nell’oud è diventata un fenomeno mondiale. “Gli antichi testi indiani parlano dell’agar per i suoi valori medicinali e afrodisiaci. Oggi, questo materiale misterioso e intrigante ha preso d’assalto il mondo della profumeria, ispirando continuamente innovazioni non solo in Medio Oriente ma anche in Occidente e, naturalmente, in India “condivide il famoso profumiere Mukul Gundhi, la settima generazione dello storico Gulabsingh Johrimal indiano 1816.

Oud, crede, è un enigma che ti incanta con una serie infinita di accordi, da quelli coriacea, da fienile e animalici più comunemente associati all’olio, fino a quelli dolci e legnosi.

Riconosciuta per la sua versatilità, la famiglia Gundhi Il repertorio abbraccia tutte e tre le principali tradizioni di profumeria: francese, araba e indiana. Le loro miscele di oud distintive, come, per citarne alcune, Oud Shahi, un numero maturo ‘Khaleeji’ (Golfo) profondo, viscoso, legnoso-muschiato, e al contrario, uno zafferano floreale agrumato fresco e un Sultano rosa di Damasco sono esemplari interpretazioni del patrimonio di fragranze arabe e famose per le loro prestazioni in qualsiasi condizione atmosferica. “Al giorno d’oggi, il termine” oud “stesso significa misticismo. Sebbene abbia un odore crudo senza pretese nella sua forma più naturale, il modo in cui anche una goccia di esso trasforma una miscela di fragranze in elisir in bottiglia ha il profumiere e chi lo indossa allo stesso modo, rapiti in soggezione “, condivide.

Gli arabi invece profumano quasi tutto con oud, dai capelli alla moda, automobili, uffici, moschee, case e centri commerciali. La stratificazione delle fragranze scorre nei loro geni. “Nessun altro budget razziale per i profumi come gli arabi fanno, nemmeno la classe media. È uno stile di vita “, sorride Abdulla Ajmal, con sede a Dubai, il tedoforo di terza generazione dei leggendari Ajmal Perfumes, il più grande produttore e produttore al mondo di oud e fragranze arabe.

Mentre noi distribuiscilo ad artisti del calibro di Ralph Lauren per creare magie con l’oud – Supreme Oud, lo storditore di oud pepato e legnoso, i profumieri credono che l’occidente si stia ancora risvegliando a questo antico profumo. Nell’intrigante mondo dell’oud artigianale di nicchia, tuttavia, Tajul Bakshi continua a sperimentare senza sosta.

Il suo unico 2021 l’innovazione è l’innovazione Rose Oud – oud distillato in acqua di rose. Il profilo esplosivamente fumoso con un accordo sottostante di mandorle tostate si dispiega in verde, resinoso e si asciuga su un delicato e delicato tappeto di rose, proprio come il personaggio delle rappresentazioni hollywoodiane della quintessenza di Cosa Nostra che sbuffa su un sigaro. Sotto la ferocia si trova spesso un lato profondamente compassionevole e gentile.

À la Arabia

Chi potrà mai negare, la fragranza è un vero simbolo blu della cultura e interpreta l’angelo di ricordi nostalgici? Come quando si dice “Colosseo”, “Roma” non è detto, in fragranza, quando si pronuncia “Ajmal”, è un sinonimo universalmente accettato di “Oud”. Grazie ai decenni di passione e costante dedizione della famiglia Ajmal per mettere l’oud sulla mappa del mondo, questo antico profumo ora appare nel dizionario olfattivo collettivo dell’umanità.

“L’oud è un ingrediente che stimola la creatività come nessun altro. Quando mescolato con altri ingredienti, ciò che presenta all’inizio è un accordo che potrebbe sembrare familiare, ma quando la nota di oud inizia ad apparire, vedi la fragranza trasformarsi in un mistero mistico, avvolgendoti con ricchezza cruda e terrosa “, afferma Abdulla Ajmal.

La sua tradizionale collezione degli Emirati è un viaggio nell’incanto dell’oud. Un fruttato ambrato Qadisa si apre con un delicato profilo floreale fruttato con sfumature del leitmotiv dello zafferano arabo. Qasida è festosa, femminile, emana il calore e il baldacchino confortante di vecchi amici e familiari premurosi, una serata invernale della città vecchia di Damasco sotto un cielo limpido, un morso nell’aria e le note eteree della leggendaria cantante Faiza Ahmed che riempiono l’aria.

Di Khalab, in arabo “ammaliante”, le prime impressioni sono sbalorditive e di classe opulenta. Jackfruit, gelsomino e la persistente coriacea sottostante dell’oud, “Rau’ah!” (Capolavoro) come esclamerebbero gli arabi.

Su una nota più gentile, 1001 Nights lancia un incantesimo unico sui sensi. Un tocco da maestro degli Ajmals conserva l’oud, l’antico tesoro profumato del mondo delle fragranze, in un involucro acquatico pulito, limpido, incontaminato, muschiato con smalto floreale e aldeidico.

I pesi massimi di Ajmal sono icone nella profumeria araba. Il piccante, audace e animalesco Dahn Oudh Al Shams, per esempio. Come spesso accade con una celebrità preferita, mentre gli amanti dei profumi hanno accarezzato i fugaci scorci di oud, eccolo nel suo avatar più completo, svelato e che abbraccia l’olfatto con un abbraccio da orso.

Dahn Al Oudh Ruyah svela l’oud nel suo profondo e robusto avatar maschile, Mukhallat Al Shams è una sinfonia di note varie in sinergia sinfonica con l’antico oud indiano come maestro d’orchestra. Questa meraviglia di un profumo è un viaggio attraverso i vecchi quartieri di Dubai: le torri del vento ‘Barjeel’, l’architettura di fango, le serenate beduine rustiche e l’allettante qahwah con datteri succulenti.

Non si fa menzione dell’oud. completo senza Bakhoors. L’eclettica selezione di dukhoon o tavoli da incenso di Ajmal è una versione rilassante dell’oud. Dukhoons Hanan, Raashid e Al Safa sposano l’oud con note complementari di rosa, zafferano, ambra e fiori delicati, facendo rivivere il romanticismo del vecchio Cairo e le serenate sempreverdi della diva Umm Al Kulthum.

Elisir indiano

Insieme a una lunga storia commerciale, è l’oud che collega l’India al mondo arabo. Dopo aver fornito per secoli il miglior oud del mondo alla regione del Golfo, l’India ora si diletta con il proprio tesoro di materiali naturali per evocare una magia profumata.

Tra le storiche fragranze indiane che spesso incarna l’oud, c’è l’ambra Shamamatul terrosa, legnosa e calda. “Diverse spezie indigene indiane vengono distillate e cotte con legno di sandalo indiano invecchiato per creare l’elaborata Shamamatul Amber. Include anche Oud Al Hindi o oud indiano ed è stato uno dei preferiti dei reali indiani e arabi “, spiega l’esperto profumiere e distillatore Moosa Khan di Ali Brothers Perfumers nel cuore di Kannauj, la capitale indiana dei profumi.

Parlando dei reali, gli oli profumati di attar o tradizionali sono stati un’amata indulgenza dei Nawaab indiani ea Lucknow, la roccaforte dell’ex famiglia reale, l’eredità continua. Sugandhco, a 170 – una profumeria storica di anni fa ancora nel cuore della città sostiene l’autentica selezione di attari di crosta superiore un tempo apprezzati dalla loro clientela reale.

Tra le loro classiche innovazioni di oud Arabesque che fanno scalpore nel mercato internazionale c’è un robusto e legnoso Hasrat e Oudh con una mirra dominante e ouverture fumose, un Mukhallat (in arabo “blended”) elegante, più leggero e floreale, un sensuale floreale Jash e Oudh e il prepotente, muschiato e animalico Oudh Badastur che offre una proiezione e una longevità eccezionali sia sulla pelle che sul tessuto.

Aperture di incenso

“Oud ha la sua, unica aura di bellezza insuperabile e una volta che diventa parte dell’incenso, è un’esperienza spirituale e sensoriale indescrivibile”, spiega il maestro creatore di incenso Guru Acharya di Nandita Fragrances. Alla secolare tradizione dell’incenso dell’India meridionale, ha aggiunto la brillantezza delle innovazioni tipiche dell’Arabesque Dahn el Oudh, Acharya Oud e bastoncini di incenso di lusso Arabian Oud che permeano la grandiosità del bordo dorato in India, Europa e America Latina con la profumata filarmonia le sue note complementari come lo zafferano, il muschio e il legno di sandalo.

Con i dispenser di aromi che stanno diventando una tendenza mondiale, gli oli orientali sono ricercati per le loro vibrazioni intime, accoglienti e affascinanti negli spazi di spa, ufficio e casa. Un rinfrescante soffio di novità, lontano da bakhoors e resine, la collezione mediorientale di Acharya di oli di incenso di alta qualità a base di oud e legno di sandalo incanta classe sottile e raffinatezza.

Mentre Tajul Bakshi ha fatto rivivere i secoli -antica tradizione indiana di bastoncini d’incenso in puro legno di agar senza sintetici, i rituali meditativi giapponesi sono abbelliti con incensi a base di Kinam oud indigeno di fama mondiale. È così che il lusso incontra la spiritualità.