Entra in contatto con noi

Mercati americani

Parlando delle migliori azioni

Pubblicato

il

In questo podcast, l’analista senior di Motley Fool Jason Moser discute:

  • Il caso delle azioni value tradizionali come Banca d’America e Berkshire Hataway.
  • Inclusione di grandi aziende tecnologiche come Alfabeto e Amazzonia in una delle migliori liste di azioni.
  • Perché una valutazione interessante non è sufficiente per interessarlo Madison Square Garden Sport.

Jason e il collaboratore di Motley Fool, Matt Frankel, esaminano alcune previsioni audaci che hanno fatto l’anno scorso e condividono alcune previsioni su tassi ipotecari, inflazione e azioni nell’anno a venire.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Per catturare gli episodi completi di tutti i podcast gratuiti di The Motley Fool, dai un’occhiata al nostro centro podcast. Per iniziare a investire, dai un’occhiata al nostro guida rapida per investire in azioni. Una trascrizione completa segue il video.

10 azioni che ci piacciono di più di Walmart
Quando il nostro pluripremiato team di analisti ha un suggerimento per gli investimenti, può essere utile ascoltarlo. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni che gli investitori possano comprare in questo momento… e Walmart non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Vedi i 10 titoli

Advertisement

Stock Advisor torna a partire dal 1° dicembre 2022

Questo video è stato registrato il 19 dicembre 2022.

Chris Hill: Barron’s è uscito con la sua lista dei 10 migliori titoli per il nuovo anno e abbiamo alcune idee su ciò che hanno escogitato. Motley Fool Money inizia ora. Sono Chris Hill. Insieme a me oggi, l’analista senior di Motley Fool, Jason Moser. Felice lunedi.

Jason Moser: Buon lunedì, davvero.

Advertisement

Chris Hill: Ai nostri ascoltatori in Francia, congratulazioni per l’incredibile corsa. Ai nostri ascoltatori in Argentina, chi stiamo prendendo in giro? Non stanno ascoltando. Stanno ancora festeggiando la loro vittoria in Coppa del Mondo. Come hanno fatto per un po’ di tempo, Barron’s Magazine ha messo insieme le loro scelte per i 10 migliori titoli per il prossimo anno. Apprezzo il fatto che Barron’s abbia guidato il suo articolo con la sua scorecard dei 10 titoli che hanno scelto l’anno scorso. La scelta media è scesa di quasi il due percento. Sta ancora superando il S&P 500 di 10 punti percentuali. Non esamineremo in dettaglio tutti e 10 questi titoli per il 2023, ma i ticker per tutti e 10 sono nelle note dello spettacolo per questo episodio in modo che la gente possa controllarli. Possiamo entrare in alcuni che troviamo degni di nota, ma è chiaro, Jason, quando guardo questo elenco, i ragazzi di Barron’s stanno adottando un approccio con obiettivi di valore per investire in azioni nel nuovo anno. Lo vedi in scelte come Bank of America e Berkshire Hathaway.

Jason Moser: Penso che sia giusto dirlo. Sembra che gli investitori, in particolare lo scorso anno, diciamo sempre che il prezzo conta sempre e sembra che molti investitori abbiano rinnovato la loro fiducia in quel sentimento. Per molto tempo non ci siamo dovuti preoccupare così tanto della valutazione ed è certamente al centro dell’attenzione in questi giorni per ovvie ragioni. Mi piace che la loro scelta. Questi sono 10 titoli e non sappiamo per quanto tempo alla fine, immagino, in realtà si stanno solo giudicando su un anno e, quindi, questo non è del tutto in linea con il modo in cui facciamo le cose qui, ma lo faccio così è così ben diversificato. Guardi questa raccolta di aziende, hai la tecnologia, hai la finanza, hai l’assistenza sanitaria, hai i costruttori di case, hai le compagnie aeree, hai l’intrattenimento. Penso che ci siano anche delle materie prime lì dentro. È da quella prospettiva, penso, una piccola collezione di aziende davvero attraente. Alcuni mi sento un po’ più rialzista rispetto ad altri, ma penso sia giusto dire che stanno guardando questo attraverso il loro obiettivo inclinato di valutazione.

Chris Hill: Ho sorriso al fatto che Amazon fosse uno dei loro migliori titoli un anno fa e ora che le azioni sono in calo, chiamatelo 45, 50 percento, è di nuovo in questa lista.

Jason Moser: Sicuro.

Advertisement

Chris Hill: Ora che è molto più economico, è davvero una scelta eccellente. Ho ridacchiato con quello.

Jason Moser: Bene, sembra che tu abbia alcune aziende qui che sono entità molto più comprovate di altre. Amazon, sento che tutti abbiamo un certo livello di convinzione. Sono un azionista di Amazon da 11, 12 anni o qualcosa del genere, ed è una parte fondamentale del mio portafoglio a cui non ci metto nemmeno un secondo ho pensato che quest’anno è sceso del 50 percento. Certo, seguo gli affari. Voglio sapere perché e quali potrebbero essere alcuni dei venti contrari o delle sfide che l’azienda deve affrontare. Ma in generale, parlandomi, è stato un duro colpo per le azioni Amazon, come hai detto tu, in calo di circa il 50 percento per l’anno. Ma ti chiedi, perché è così? Non è una storia unica in quanto stiamo vedendo molti di questi titoli casalinghi tornare sulla Terra. Amazon, penso che molto qualificato sia uno di quei titoli casalinghi negli ultimi due anni. Era facile vedere che l’ottimismo forse era andato un po’ fuori controllo, anche per un business così consolidato.

Hanno chiaramente sovradimensionato, hanno a che fare con un eccesso di spazio di magazzino che ora hanno le giuste dimensioni e hanno avuto a che fare con la crescita, normalizzandosi qui nell’ultimo anno rispetto a quello a cui abbiamo assistito nei due anni precedenti. Ma ancora una volta, guardi aziende come Amazon, e Alphabet è un’altra che hanno raccomandato, per me queste sono solo idee molto ovvie in questo spazio oggi. Abbiamo già parlato di come alcune di queste aziende stiano diventando qualcosa di più di quello che sono state, stiamo parlando di come stiamo ridefinendo la parola utility, ad esempio, non è più solo la tua compagnia elettrica e la tua compagnia idrica. Questi fornitori di servizi cloud sono servizi di pubblica utilità moderni e, quindi solo da quella prospettiva, penso che vedresti qualcosa come Amazon e un alfabeto e solo i venti favorevoli che riconosceremo nei prossimi anni attraverso AWS e Google Cloud, quelli sono ragione sufficiente, credo, per possedere queste attività, ma hanno anche molto di più da offrire.

Ha senso vedere quelli in quella lista. Bank of America, penso, è davvero interessante perché sembra decisamente che sia impostato per avere successo dato questo ambiente di tassi di interesse in aumento. Ma quando guardi a come si è comportato il titolo quest’anno, sta sottoperformando il mercato da inizio anno e pensiamo che molti avrebbero probabilmente previsto il contrario, dato quello che sappiamo. Abbiamo aspettato per un po’ che questo contesto di tassi d’interesse iniziasse a cambiare e sappiamo che alla fine ciò avrà un buon impatto sui dati finanziari delle banche per quanto riguarda il reddito netto da interessi che generano. Ma questo non è stato un buon investimento quest’anno, non è stato nemmeno un grande investimento negli ultimi tre e cinque anni.

Advertisement

Ma tornando al tuo punto di valutazione, Bank of America è scambiato con uno sconto JP Morgan, Morgan Stanley, US Bancorp. sulla base del prezzo rispetto al valore contabile tangibile e, quindi, forse vedono un’opportunità lì nella valutazione, così come il quadro più ampio favorevole per queste banche. Penso che un’altra cosa da tenere a mente con Bank of America sia, guardi al rapporto di efficienza come una metrica per dirti quanto bene, quanto efficientemente stanno operando le banche, e che alla fine sono solo le spese non per interessi divise per le entrate. Vuoi vederlo più in basso. Se vedi nell’ultimo trimestre che hanno riportato che il rapporto di efficienza era del 62 percento e tende al ribasso. Ma se torni al 2019, quel numero era del 45% e, quindi, penso che questo ti mostri davvero che c’è chiaramente spazio per miglioramenti per Bank of America su questo fronte e sembra che la tendenza sia diretta in quella direzione, il che mi fa sentire questa potrebbe essere un’altra buona scelta da parte loro.

Chris Hill: Hai menzionato il track record degli ultimi anni per il titolo. Questo compare in uno degli altri titoli sulla lista di Barron, che è Medtronic, che in realtà non è stato un grande titolo negli ultimi cinque anni. Ma hai parlato di come questo gruppo di titoli sia piuttosto ben diversificato, e penso che tu possa dirlo in un paio di modi diversi, certamente per settore, ma anche per cosa mi aspetto da questo titolo? Penso che sia ragionevole avere aspettative diverse. Guardi un’azienda come Medtronic, che è così brava in quello che fa in termini di dispositivi medici, ed è un aristocratico dei dividendi.

Non possiedo azioni di Medtronic, ma questo è uno di quei titoli in cui se lo fai, fintanto che hai le tue aspettative in linea con cosa aspettarti dal titolo, penso che tu sia in buona forma. Volevo conoscere i tuoi pensieri Comcast perché anche Comcast è in questa lista. È un business di cui non parliamo molto, ma sembra che uno dei colpi su Comcast sia stato il servizio di streaming Peacock rispetto ad altri streamer là fuori, minore adozione, meno clienti paganti. Comcast, secondo te, è stato ingiustamente ammazzato per questo? È un business diversificato e alcune parti del business ricevono più attenzione di altre e capisco perché Peacock ottiene l’attenzione che fa, ma mi chiedo se questo sia parte del motivo per cui è in questo elenco in cui è come se Comcast stesse facendo molto di altre cose che fanno una discreta quantità di denaro. Sì, vogliono portare Peacock al punto di redditività, ma non puniamo indebitamente questa azienda.

Jason Moser: Non so se vengono visti ingiustamente attraverso quell’obiettivo. Sembra che siano stati raggruppati insieme a tutti gli altri streamer più o meno. Hai, ovviamente, Disney ha avuto a che fare con alcuni venti contrari nello spazio e sembra che con Comcast sia un affare straordinario in quanto hanno questa offerta a banda larga molto solida e tuttavia, per lo stesso motivo, la sua attività via cavo sta soffrendo a causa, ovviamente, del taglio del cavo e quindi entra in Peacock e Peacock alla fine lo sappiamo, è il loro servizio di streaming, è incentrato sulla NBC. Non è mai stato pensato per essere un Netflix concorrente in questo, oh, stanno solo cercando di ottenere il maggior numero di abbonati ed è un’attività di abbonamento ed è così che generano i loro soldi. Ovviamente, Peacock ha una serie di livelli diversi per gli abbonati che possono pagare da annunci gratuiti a nessun annuncio, o almeno annunci minimi.

Advertisement

Jason Moser: Ma sembra che, dato il cambiamento nel panorama, tu stia passando da questo panorama dei media incentrato sui cavi a un panorama dei media incentrato sullo streaming. Penso che gli investitori stiano iniziando a vedere Comcast attraverso quell’obiettivo. Penso che vediamo ancora molte incertezze in quello spazio su come questo alla fine si risolverà e alla fine su quanto sarà davvero redditizio. Torni alla Disney e alle sfide che stanno affrontando. Abbiamo parlato di questo passaggio da Bob Chapek che se ne va e Bob Iger che torna. Va tutto bene e dandy, ma cosa farà Iger in modo diverso? Perché anche se hai una nuova leadership lì dentro, forse è un adattamento culturale migliore e forse le persone hanno più fiducia che sia davvero la persona giusta per guidare questo business in questo ambiente in evoluzione. Alla fine cosa farà di diverso? Perché sappiamo che è stato un punto chiave su cui concentrare l’attenzione è che la Disney porta l’operazione di streaming alla redditività.

Non solo redditività, ma vuoi vedere una redditività solida e sostenibile. Penso che questa sia la grande domanda con Comcast in questo momento. Hai il vantaggio lì nei tubi e quante informazioni ci vengono fornite, ma oltre a ciò, cosa ha fatto così bene per così tanto tempo e nell’avere quell’offerta diversificata e fare di più che essere solo i tubi , avendo quello intrattenuto offrendo il business via cavo. C’è solo meno certezza in questo momento su come sarà il futuro del business dello streaming in particolare nei prossimi anni. Ci sarà un consolidamento. Ci sarà un po ‘di rotazione delle cose in cui Comcast cade deve ancora essere determinato. Quindi penso che il carattere jolly con Comcast alla fine della giornata sia che ha una pessima reputazione per il servizio clienti. Non sono un cliente Comcast. Non sono un azionista di Comcast. Ma mi sento come se qui almeno una storia o due ogni settimana sulle scappatelle di qualcuno con Comcast e su quanto siano infelici come Cliente Comcast.

Chris Hill: Penso che sia un segno di quanto fosse pessimo il servizio clienti di Comcast. Torna indietro di 5,7 anni circa, che l’hanno migliorato. Hanno legittimamente migliorato il loro servizio clienti e stai ancora ascoltando quelle storie. Un ultimo stock prima di concludere. Madison Square Garden Sports, la società madre dei New York Knicks e dei New York Rangers, è in questa lista. Capisco il caso di valutazione quando guardi a dove viene scambiato il titolo rispetto al valore di quelle due squadre. Ma guardo quell’affare e ho solo una domanda e cioè, Jim Dolan sta ancora gestendo le cose? Perché qualsiasi fan dei New York Knicks che ascolta in questo momento sta annuendo e dicendo, oh sì, uno dei proprietari più disfunzionali negli sport professionistici in America è ancora in testa all’organigramma. Non mi interessa quanto sia attraente la valutazione, Jim Dolan ancora in cima alla classifica, mi fa dire, no, grazie. Trasmetterò questo.

Jason Moser: Bene, hai sollevato un punto molto buono. Penso che sia qualcosa che molte persone dovrebbero tenere a mente è che anche se un’azienda può presentare una proposta di valore interessante, c’è dell’altro da considerare e la leadership è certamente una di quelle cose. Penso che Elon Musk sia probabilmente un buon esempio oggi di, probabilmente potresti guardare qualcosa del genere Tesla e dì, amico, questa è un’azienda che ha davvero aperto la strada e detiene un’invidiabile posizione di mercato, ma è guidata da questo leader volubile. Non sai mai cosa otterrai. C’è un compromesso. Sento che quel compromesso esiste anche qui con Madison Square. Sono d’accordo, devi capire che questo è un biglietto derivato dalla famiglia Dolan. Come ho detto, ogni investimento richiede un certo atto di fede e probabilmente c’è un atto di fede maggiore in questo.

Advertisement

In qualsiasi periodo di tempo reale, questo non è stato un buon investimento. Detto questo, non è per dire che non potrebbe funzionare, ma alla fine, se hai intenzione di giocare quel lato di valore in un investimento come questo, alla fine si tratta del valore che viene realizzato. Devi realizzare il vero valore di quelle squadre. Allo stato attuale, non sembra che la famiglia Dolan abbia alcuna inclinazione a lasciare andare quelle squadre in qualunque momento presto. Quindi devono rendersi conto che apprezzano altri modi. Questo è attraverso accordi con i media, è attraverso la vendita dei biglietti, qualunque cosa sia. Questo potrebbe certamente essere qualcosa che si sviluppa nel tempo. Ma renditi conto, e sono con te, che questa non è un’idea di investimento che mi attrae davvero per questo, quell’atto di fede di Dolan che ho appena visto nel tempo. Ho sentito proposte nel tempo di questa faccenda. Capisco la logica. Ma abbiamo visto come è andata a finire negli ultimi anni e sembra che non funzioni. Per quei motivi che amano dire su Shark Tank, sono fuori.

Chris Hill: Jason Moser, è stato un piacere parlare con te.

Jason Moser: Si signore.

Chris Hill: Ora che abbiamo parlato delle azioni per il 2023, parliamo delle carte del bingo per il 2023. Jason Moser e Matt Frankel stanno tenendo conto delle loro audaci previsioni dell’anno passato. Hanno nuove previsioni per l’anno a venire, tassi ipotecari, inflazione e mercato azionario.

Advertisement

Jason Moser: Prima di entrare nel dettaglio di come stanno andando le cose per il 2023 nelle tue audaci previsioni, diamo uno sguardo al 2022, quest’anno che è stato. Diciamo la verità. Penso che ti piacerà questo segmento perché hai fatto abbastanza bene. Andiamo avanti e parliamo di quali erano le tue previsioni per quest’anno 2022 e come è andato tutto a finire?

Matteo Frankel: Come hai detto, ho fatto abbastanza bene quest’anno. Ho esaminato le mie cinque previsioni l’anno scorso. Ho detto che le azioni value avrebbero sovraperformato la crescita. Hanno circa 27 punti percentuali al momento. Quindi lo definirei una vittoria. All’inizio del 2022, le proiezioni vedevano la Fed alzare i tassi di interesse una o due volte per un totale di circa 25 punti base. Ho detto che la Fed aumenterà i tassi di interesse più velocemente del previsto. È successo sicuramente. Ho detto che i prezzi delle case aumenteranno di nuovo a due cifre, cosa che molte persone pensavano fosse una cosa folle da dire visto quello che è successo l’anno prima. È andata bene. I prezzi delle case sono aumentati del 13,5% anno su anno a partire dalla fine di ottobre, i dati più recenti. Ho detto che le criptovalute avrebbero avuto un anno difficile. Non che sapessi che il crollo dell’FTX sarebbe avvenuto, ma Bitcoin e Ethereum entrambi hanno fatto piuttosto male. Quello che ho sbagliato è stato dire che le SPAC sarebbero tornate. Non vale nemmeno la pena riconoscerlo. Quello ha fatto malissimo.

Jason Moser: Sì. SPACs è stata una storia deludente per l’anno. Onestamente, ripensandoci, non è terribilmente sorprendente. Penso che con le SPAC, questa è una delle lezioni più importanti che ho tratto dal 2022 è che mentre le SPAC hanno portato alcune società molto interessanti nei mercati pubblici e hanno dato agli investitori l’opportunità di prenderle in considerazione, lo svantaggio è che portano così tante di queste società ai mercati pubblici molto prima di quanto probabilmente dovrebbero diventare pubblici. Alla fine, questo gioca davvero sul prezzo che paghi. Abbiamo visto ovviamente che molti di questi SPAC diminuiscono. Non è terribilmente sorprendente col senno di poi quando si guardano le attività reali e i numeri che registrano. Non è per dire che non abbiano un futuro brillante, ma altera davvero la linea temporale. Quell’investimento SPAC, penso che tu debba adottare un orizzonte temporale molto più lungo in quell’investimento.

Una bella lezione appresa dal 2022 che ho sicuramente intenzione di portare avanti. Tanto di cappello a te. L’hai inchiodato proprio lì. Hai capito bene un sacco di cose. Salterò lì e dirò ascolta, il Motley Fool Money Preview Show l’anno scorso mentre stavamo visualizzando l’anteprima del 2022 ho detto, non sorprenderti se avremo un anno negativo nel mercato. L’ultimo anno negativo è stato il 2018 prima di allora. Il proverbio dice che ogni tre anni il mercato è in media in ribasso. Penso che se torni indietro fino al 2002, escluso il 2022, abbiamo avuto quattro anni in cui il mercato era effettivamente in ribasso. Ovviamente anche il 2022 sarà in calo. Ma stavo dicendo le stesse cose. Vedremo un certo livello di inflazione, gli stimoli diventeranno un ricordo del passato, i tassi di interesse aumenteranno. Certamente è tutto finito e il mercato ne ha sofferto. Ma si spera che il 2023 sia un anno migliore. Nessuna garanzia. Ma hai alcune previsioni audaci per noi per il 2023. Passiamo subito a quelle. Qual è la tua prima previsione audace per il 2023?

Advertisement

Matteo Frankel: Il primo è che la Fed terrà sotto controllo l’inflazione. In realtà, modificalo per dire che hanno già sotto controllo l’inflazione un po ‘più di quanto il mercato stia dando loro credito. Quello che voglio dire è che se vedi il numero di inflazione principale, che il mese scorso era del 7,1 percento, è un numero anno su anno. Questo è confrontandolo con novembre dell’anno scorso. Ma se guardi i dati sull’inflazione mese per mese, racconta una storia completamente diversa. Il CPI è aumentato dello 0,1% mese su mese a novembre. Anche se elimini l’energia e guardi solo all’inflazione core, era dello 0,3 percento su base mensile. Estrapolalo su un periodo di 12 mesi e avrai un’inflazione inferiore al quattro percento. Penso che l’inflazione sia già sotto controllo più di quanto il mercato le dia credito. Con le azioni della Fed, penso che diventerà ancora più evidente nel nuovo anno.

Jason Moser: Sì, sembra che non si allenteranno presto sulla base dei recenti commenti di Jay Powell riguardo al 2023 e persino al 2024.

Chris Hill: Pensi che ci sia la possibilità che esageri con questa politica tariffaria? Voglio dire, capisco la mentalità. Penso che la cosa peggiore che sentono di poter fare sia allentarsi troppo presto e poi le cose tornano fuori controllo. Sentono che forse è più sicuro andare un po’ troppo lontano piuttosto che non abbastanza. Cosa ne pensi?

Jason Moser: In testa, siamo alla previsione audace numero 2 è che vedremo il calo del tasso sui fondi federali nel 2023. Penso che a causa della previsione numero 1 che l’inflazione sarà un po’ più sotto controllo rispetto al mercato sembra pensare in questo momento, e penso che accadrà verso l’inizio del 2023, quando vedremo davvero i numeri dell’inflazione scendere in modo significativo. Penso che la Fed dirà, beh, potremmo aver esagerato un po’ e iniziare a pompare i freni. Penso che finiremo il 2023 con un tasso sui fondi Fed inferiore a quello che abbiamo adesso.

Advertisement

Chris Hill: Interessante. È affascinante, in particolare visti i loro commenti riguardo al non tentare di allentare fino al 2024 o almeno, immagino che non abbiano detto di non tagliare i tassi fino al 2024. Come pensi che tutto questo andrà a finire per il mercato nel 2023?

Jason Moser: Ad essere onesti, all’inizio del 2022 dicevano l’esatto contrario di ciò che è realmente accaduto. Prendilo con le pinze, ma con il mercato, penso che il mercato avrà un grande anno nel 2023. Non sono un eterno ottimista, la maggior parte delle mie previsioni per il 2022 erano piuttosto negative. Penso che il 2023 sarà un anno di ripresa. Per questi motivi, terranno sotto controllo l’inflazione, inizieranno a tagliare i tassi, credo, più velocemente del mercato e anche loro pensano che stiano attraversando proprio ora. Penso che il mercato avrà un 2023 molto forte. C’è molto di più che può andare bene che male nel mercato in questo momento, ed è la prima volta che lo dico da molto tempo.

Chris Hill: Sembra che quello che sta succedendo in questo momento con la politica della Fed, solo l’economia in generale, voglio dire, stiamo vedendo che il consumatore sta entrando in una situazione più difficile. Voglio dire, potrei sicuramente capire, fai queste telefonate sugli utili bancari e parlano del fatto che il consumatore si trova in un posto fantastico. Certamente, quella narrativa è cambiata qui nell’ultimo mese e mezzo. Penso che stavo guardando la chiamata della Bank of America, Brian Moynihan in ottobre che parlava del fatto che il consumatore si trova in una buona posizione e poi un paio di settimane fa, abbiamo visto il titolo in cui Moynihan e Well Fargo e altri dicono che stanno iniziando a vedere il consumatore diventare un po’ più teso. Mi sembra che entreremo nel 2023 con molto di quello che sta succedendo in questo momento e mi porta a chiedermi, voglio dire, pensi che forse quella performance di mercato, pensi che sarà più ponderata verso la seconda metà dell’anno?

Jason Moser: Direi che è giusto dirlo. Non credo che usciremo ruggendo dal cancello a gennaio o febbraio. Dipende davvero da quando l’inflazione inizia a essere sotto controllo. Detto questo, penso che assisteremo a un bel rimbalzo man mano che entreremo in quella metà dell’anno. Non importa cosa accadrà con l’inflazione, la Fed non emetterà subito il via libera. Tornerà ad alleggerirsi. Ci vorrà un po’ di tempo prima di poter dire che l’inflazione è decisamente sotto controllo. Penso che sia giusto dirlo. Penso che un rally nel secondo semestre sia più probabile di un rally nel primo semestre.

Advertisement

Chris Hill: Ora mi sembra che la previsione audace numero 4 abbia molto senso. Direi che probabilmente anche questo è il caso, ma pensi che le criptovalute continueranno a essere deboli. Perché?

Jason Moser: Stiamo solo assistendo a un effetto domino da questo crollo FTX. Ho appena visto la notizia stamattina che molte delle celebrità che erano negli spot pubblicitari di FTX ora non solo stanno uscendo e dicendo, ero solo il portavoce della pagina, non c’entravo davvero niente, ora stanno dicendo , non credo in niente di crittografico, era solo uno stipendio per me. Stai vedendo un sacco di scambi di sentimenti.

Sembra un castello di carte in un certo senso, FTX lo ha fatto, e non solo in termini di business, in termini di effetti che ha avuto sulla percezione pubblica delle criptovalute perché ora vedi tutte queste celebrità che in passato due anni hanno detto, oh, compra Bitcoin, compra questo, è il futuro e ora stanno invertendo la rotta. Non vedo quale sarebbe il prossimo vantaggio nel mercato delle criptovalute. Non vedo una bolla speculativa tornare presto. Non vedo i tassi di interesse arrivare al punto in cui il denaro è essenzialmente gratuito per essere perfetto con le criptovalute. Penso che la Fed ridurrà i tassi con cautela. Penso che i catalizzatori siano tutti verso prezzi di criptovaluta più bassi in futuro.

Chris Hill: Sembra che abbiamo un posto zione qui con quello che sta succedendo con FTX e tutti gli altri shakeout nel settore per quello che è ancora un settore molto nascente per cominciare. Direi che probabilmente sono per lo più pieni di primi utilizzatori, probabilmente hanno un sacco di persone che sono state sul recinto per quanto riguarda le criptovalute e le considerano come un investimento e vogliono farne parte e stanno vedendo cosa sta succedendo bene ora, e questa è solo la goccia che fa traboccare il vaso. Sono come, oh, ero sul recinto prima di considerare, ma ora, assolutamente no, sono fuori.

Advertisement

Jason Moser: L’ultima previsione audace è negativa, afferma che i tassi ipotecari saranno inferiori al cinque percento entro la fine del 2023. Potrebbe sembrare la previsione più audace delle cinque in questo momento, potrebbero dire molte persone, considerando quello che è successo nel mercato . I tassi ipotecari sono circa il tre percento all’inizio del 2023.

Chris Hill: È audace.

Jason Moser: Hanno raggiunto il picco di oltre il sette percento. Sono scesi un po’. Sono circa il 6,4% in questo momento su un mutuo di 30 anni. Non è così lontano dall’obiettivo inferiore al cinque percento. Ma quello che molte persone non capiscono è, uno, anche se la Fed non inizia a tagliare i tassi nel 2023 come dice la mia previsione numero 2, i mutui, sono guidati dalla domanda e dall’offerta. Non sono legati direttamente alla reazione della Fed, quindi i tassi dei mutui possono aumentare se la Fed li abbassa e viceversa. In questo momento non c’è né offerta né domanda nel mercato immobiliare. Il mercato è semplicemente terribile. Penso che vedrai, mentre l’inflazione inizia a tornare sotto controllo, i prestatori saranno più disposti ad assumersi dei rischi.

In questo momento gli standard di prestito sono molto rigidi rispetto agli ultimi due anni, cosa che spesso accade in tempi di incertezza economica. Ma se riusciamo a tenere sotto controllo l’inflazione ed evitare una recessione, vedremo tornare sul mercato molta più offerta di mutui ipotecari, gli istituti di credito più disposti a prestare e la domanda sono praticamente inesistenti in questo momento, quindi per aumentare tale domanda, gli istituti di credito dovranno iniziare a ridurre i tassi dei mutui. Penso che la direzione naturale dei tassi ipotecari scenderà nel 2023. Penso che la previsione del tasso ipotecario di Freddie Mac fosse del 4,5% alla fine del 2023. Non sono solo in questo, ma sembra una previsione audace data dove si trova il mercato dei mutui in questo momento.

Advertisement

Chris Hill: Ora, tutto quello che posso dirti, amico, è che sono molto grato, mese dopo mese, di dare un’occhiata a quel tasso fisso trentennale del tre percento che abbiamo bloccato nella nostra casa non molto tempo fa. Non so se torneremo mai a quel livello, ma certamente quei tassi sono aumentati molto rapidamente. Lo ha reso proibitivo per molti acquirenti sul mercato, quindi è molto comprensibile che il settore immobiliare stia attraversando un periodo difficile. Queste sono cinque previsioni molto interessanti. Sai cosa, non vedo l’ora che arrivi questo momento nel 2023 in cui possiamo tornare indietro e rivederli e guardare alle tue audaci previsioni per il 2024.

Jason Moser: Grazie per avermi ospitato. Speriamo di farlo di nuovo l’anno prossimo.

Chris Hill: Assolutamente. È sempre un piacere. Matt, spero che tu e la tua famiglia abbiate trascorso delle meravigliose festività natalizie.

Jason Moser: Grazie.

Advertisement

Chris Hill: Come sempre, le persone nel programma potrebbero essere interessate alle azioni di cui parlano e il Motley Fool potrebbe avere raccomandazioni formali a favore o contro, quindi non acquistare o vendere azioni basandosi esclusivamente su ciò che senti. Sono Chris Hill. Grazie per aver ascoltato. Ci vediamo domani.

JPMorgan Chase è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. Bank of America è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. Suzanne Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. John Mackey, CEO di Whole Foods Market, una sussidiaria di Amazon, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Wells Fargo è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. Chris Hill ha posizioni in Alphabet, Amazon.com, JPMorgan Chase e Walt Disney. Jason Moser ha posizioni in Alphabet, Amazon.com e Walt Disney. Matthew Frankel, CFP® ha posizioni in Amazon.com, Bank of America, Berkshire Hathaway, Walt Disney e Wells Fargo. The Motley Fool ha posizioni in e raccomanda Alphabet, Amazon.com, Bank of America, Berkshire Hathaway, Bitcoin, Ethereum, JPMorgan Chase, Netflix, Tesla e Walt Disney. The Motley Fool consiglia Comcast e raccomanda le seguenti opzioni: lungo gennaio 2023 $ 200 chiamate su Berkshire Hathaway, lungo gennaio 2024 $ 145 chiamate su Walt Disney, breve gennaio 2023 $ 200 put su Berkshire Hathaway, breve gennaio 2023 $ 265 chiamate su Berkshire Hathaway e breve gennaio 2024 $ 155 chiamate su Walt Disney. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending