martedì 22 giugno 2021

Paul Brandus: un presidente che mente costantemente non può guidare la gente in una crisi

Quando la guerra del Vietnam iniziò a riscaldarsi in 1965 – il primo maggiore lo spiegamento delle truppe di terra statunitensi avvenne nel marzo di quell’anno – l’ambasciata americana a Saigon (ora Ho Chi Minh City) iniziò a tenere un briefing militare giornaliero alle 5 ogni pomeriggio. Un ufficiale, di solito un maggiore, ha parlato degli sviluppi della giornata, distribuendo “fatti” e “cifre”, che presumibilmente hanno mostrato progressi costanti da parte delle forze statunitensi contro il nemico.

Il problema? I migliori giornalisti americani in Vietnam, che avevano esperienza, che avevano altre fonti e avevano trascorso del tempo sul campo, si resero presto conto che i briefing erano intrisi di esagerazioni e falsità. Alcuni semplicemente smisero di andare e i briefing divennero noti come le “follie delle cinque”.

      

Nel frattempo, lontano dalle comodità di Saigon, la copertura televisiva – che mostra agguati, scontri a fuoco e sacche per il corpo – ha portato la vera storia della guerra a casa degli americani ogni notte – minando la fantasia ottimistica che il governo stava vendendo.

      

Decenni di sfiducia

È stato l’inizio di quella che è stata una decina di anni nella fiducia che riponiamo nel governo federale per fare la cosa giusta “quasi sempre o il più delle volte. ”

             

Ad ottobre 1964, osserva il Pew Research Center, 77% degli americani aveva una tale fiducia; un decennio dopo, dopo la guerra e lo scandalo Watergate, solo 36% ha fatto. Rimbalzò un po ‘durante il Reagan’ 58 s e Clinton ’77 s, e ho visto brevi picchi durante la 1991 Guerra del Golfo Persico e dopo il 9 / 11. Ma sta affondando da quando e della scorsa settimana è stato un mediocre 17%.

      

                        

           

La maggior parte degli americani si fidava del governo federale per fare la cosa giusta, ma ora non lo fanno.

         

Questa sfiducia non può essere spiegata dall’era iperpolarizzata in cui viviamo: While just 14% dei democratici e di coloro che si appoggiano ai democratici si fidano oggi solo del governo federale 21% dei repubblicani e quelli che si appoggiano ai repubblicani, rivendica i dati di Pew. I numeri sono stati generalmente capovolti durante l’era di Obama.

      

Segui le ultime notizie sul coronavirus su MarketWatch.

      

Questa sfiducia bipartisan si diffonde oggi, mentre il paese lotta con la spaventosa crisi del coronavirus, che — oltre a un bilancio delle vittime che persino il presidente Donald Trump ammette potrebbe colpire 200, 000 – si è appiattito un’economia che stava rallentando per iniziare rapidamente (il prodotto interno lordo è cresciuto del 2,3% l’anno scorso, in calo dal 2,9% in 2018).

      

La parola del presidente

La fiducia e la credibilità sono la moneta del regno per qualsiasi leader. Con tali qualità, un uomo o una donna in posizione di comando scopriranno che altri seguiranno. In nessun momento questo è più critico che durante una crisi di vita o di morte.

      

Uno dei miei esempi preferiti qui riguarda John F. Kennedy e la crisi dei missili cubani in ottobre 1962. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano pericolosamente vicini alla guerra nucleare; gli analisti in seguito hanno stimato che la metà di tutti gli americani avrebbe potuto essere ucciso.

       

A un certo punto, JFK ha inviato un inviato a Parigi per mostrare alle foto di sorveglianza del missile sovietico il presidente francese Charles DeGaulle. Il DeGaulle normalmente pungente sventolò via l’inviato di Kennedy, dicendo che non aveva bisogno di vedere le prove.

      

“La parola del presidente degli Stati Uniti è abbastanza buona per me”, ha detto il leader francese.

      

Il serbatoio di fiducia e credibilità con cui Kennedy doveva iniziare non solo lo aiutò a convincere gli americani che il suo corso di azione con i sovietici era solo, ma aumentava, se non garantiva, gli sforzi americani per garantire che seguissero i principali alleati statunitensi.

      

Bugie grandi e piccole

Nei sei decenni successivi, la fiducia e la credibilità presidenziali sono state costantemente sprecate sia dalle grandi Iies (Vietnam e Watergate) che da quelle minori (“L’ho fatto non fare sesso con quella donna ”). Ora, abbiamo una crisi di vita e morte che, se Trump è 200, 000 la cifra regge, significherebbe una tragedia tre volte e mezzo le dimensioni del Vietnam, che prese, all’ultimo conteggio, 58, 318 Vite americane (e che è durata oltre un decennio).

      

A partire da gennaio 16 – il terzo anniversario del suo giuramento in— il presidente Trump aveva fatto “16, 241 affermazioni false o fuorvianti nei suoi primi tre anni “ il Washington Post riportato . Significava che il presidente non aveva un serbatoio di fiducia o credibilità, ed è un peccato, perché proprio quel giorno, gennaio. 20, è stato confermato il primo caso di coronavirus negli Stati Uniti.

      

Segui le ultime notizie sulle elezioni su MarketWatch.

      

Se il presidente – come numerosi predecessori – non fosse stato incline a mentire, deviare, negare e distorcere su così tante cose, ora saremmo in una posizione migliore per affrontare questa crescente catastrofe. Invece, siamo stati spacciati spazzatura. Jan. 20: “Lo abbiamo totalmente sotto controllo.” 2 febbraio: “Abbiamo praticamente chiuso.” Anche la settimana scorsa: “” Abbiamo fatto un ottimo lavoro. ”

      

Non puoi presiedere a qualcosa che probabilmente prenderà 200, 000 vive e ti dà una pacca sulla spalla. In effetti, Trump ha affermato proprio ieri che “si sente bene” che “solo” poche centinaia di migliaia di americani possono morire.

      

I bizzarri monologhi di congratulazioni del presidente arrivano durante i suoi briefing nel tardo pomeriggio. Crede davvero che potremmo credere alla parola di un presidente che ci ha mentito migliaia di volte? Come nel caso del Vietnam, la verità sta altrove: in questo caso, luoghi come New York, dove gli orrori sono decisamente danteschi, e le richieste disperate di medici e infermieri di aiuto sono sconvolgenti.

      

Trump è il coreografo delle sue “follie alle cinque”. Sfortunatamente per lui, possiamo vederli abbastanza facilmente.

              
Articolo originale di Marketwatch.com