venerdì 27 novembre 2020

Paura e disperazione su Main Street mentre le piccole imprese lottano per sopravvivere nonostante i programmi federali

Le persone si riflettono in una vetrina chiusa, come la diffusione della malattia di coronavirus (COVID –

) continua, su Main Street vicino alla stazione sciistica di Breckenridge a Breckenridge, Colorado, Stati Uniti, aprile 13, 2020.

Shannon Stapleton | Reuters

Lia Hakim era entusiasta di prenderla $ 292, 000 prestito del programma federale di protezione dello stipendio per coprire i salari nelle sue quattro sedi di Hott Salons ad Armonk e Rye Brook, a New York, ma arrivò molto prima che il suo stato fosse aperto.

Quando la crisi l’ha costretta a chiudere le porte di Hott Salons a marzo 21, la incoraggiò 47 dipendenti da presentare domanda di disoccupazione; ha anche presentato la sua domanda per il prestito tramite Chase, il suo prestatore di servizi, il primo giorno in cui la banca stava accettando le domande.

Dopo cinque settimane il prestito di Hakim è stato accettato e ha ricevuto i fondi in aprile 20. C’era un problema: lo stato non consentiva ancora l’apertura dei saloni. Lo stato di New York su ordine PAUSA è in vigore fino a maggio 15, quando è prevista una riapertura graduale. Secondo le regole relative al prestito, Hakim può utilizzare i soldi solo per le buste paga da aprile 20 fino a giugno 15. “È arrivato del tutto troppo presto”, afferma.

Nel frattempo, i suoi dipendenti entry-level sono riluttanti a tornare. “Non vogliono tornare”, dice. “Stanno facendo più soldi seduti a casa.” Si riferisce al $ 600 impennato nei controlli di disoccupazione ai sensi della legge CARES aggiunta ai tradizionali assegni di disoccupazione, che nello Stato di New York raggiungono il massimo a $ 504 una settimana.

La soluzione alternativa di Hakim è stata quella di ottenere consigli dal gruppo Mastermind per i proprietari di saloni per trovare soluzioni creative, come riportare stilisti più pagati, che guadagnano sei cifre reddito, non appena le è stato concesso, e pagando in anticipo i loro bonus per le vacanze in modo da poter utilizzare i soldi del PPP per pagare il contratto di locazione. “Dubito che saremo di nuovo aperti al termine del PPP”, afferma. “È molto sconvolgente. Ne abbiamo disperatamente bisogno.”

Lia Hakim, proprietaria, Totally Hott Salon

Lia Hakim

Molti proprietari di piccole imprese si trovano in una situazione simile. Alcuni nutrivano grandi speranze per il programma di protezione dello stipendio, una parte della legge sugli aiuti, la protezione e la sicurezza economica del Coronavirus, che offre alle imprese prestiti perdonabili per coprire le buste paga per otto settimane dopo la firma del prestito, così come l’affitto, gli interessi su mutui e servizi pubblici. Almeno 75 % del denaro deve andare in busta paga in ordine; il resto deve essere utilizzato per altri scopi commerciali al fine di ottenere il perdono del prestito.

Sebbene parte del denaro sia stato erogato alle piccole imprese, il PPP ha esaurito i $ 349 miliardi di fondi stanziati entro aprile 16. Ha quindi ripreso il prestito ad aprile 21, dopo che il Congresso ha autorizzato altri $ 310 miliardi di round di finanziamento. Con una domanda molto alta, il direttore del Consiglio economico nazionale Larry Kudlow ha dichiarato il 3 maggio che potrebbe essere necessaria una terza tranche di finanziamenti.

Un rapporto SBA sul PPP datato aprile 13 ha rilevato che 1, 661, 367 prestiti di valore $ 342, 277, 999, 103 elaborato attraverso 4, 975 i prestatori erano stati approvati da quel punto.

Un altro rapporto SBA, da aprile 20, trovato che 1, 192, 519 anticipi nell’ambito del programma EIDL, per un totale di $ 4, 805, 897, 000, era stato elaborato come o f quella data; un altro rapporto SBA ha trovato il 29, 984 prestiti, del valore di $ 7, 967, 174, 888, era stato approvato come della stessa data.

Altro da Invest in You:
La piattaforma di prestito online SoLo Funds apre lo spigot sugli interessi senza micro-prestito peer-to-peer
Ha ottenuto un prestito perdonabile. I suoi dipendenti la odiano per questo
Come questa azienda ha completamente trasformato il suo modello di business per sopravvivere al coronavirus

Nel frattempo, molti proprietari non hanno ottenuto rapidamente i fondi e milioni sono caduti nelle fessure e stanno ancora aspettando aiuti. Con la legge e le successive indicazioni che non tengono conto della realtà che molte aziende non possono ancora aprire negozi fisici, molti proprietari, come Hakim, stanno lottando per capire cosa fare con i dipendenti che sono stati licenziati o furloughed.

“Non vuoi assumerli indietro e farli sedere”, afferma Marc Lion, un CPA e partner in Mazars USA e leader di pratica per i Servizi imprenditoriali Gruppo presso l’azienda.

Milioni non hanno ottenuto finanziamenti PPP

Eppure, Hakam è uno dei fortunati. Milioni di proprietari di piccole imprese non hanno avuto successo nel ricevere aiuti pubblici. Coloro che non hanno ricevuto finanziamenti dal CARES Act si stanno affrettando a usare qualsiasi risorsa riescano a trovare per rimanere in affari. Molti non hanno richiesto fondi ai sensi del CARES Act perché pensavano di non essere idonei. Solo 45% di piccole imprese che hanno partecipato al sondaggio CNBC | Survey Monkey Sondaggio sulle piccole imprese condotto da aprile 21 – 27 ha detto che hanno applicato. Di quelli, solo 11% è stato approvato per il finanziamento, il 7% ha ricevuto finanziamenti e 18% sta ancora aspettando una risposta di un prestatore.

Anche gli anticipi del programma EIDL (Economic Injury Disaster Loan), un’altra componente della legge CARES, sono stati lenti ad arrivare. Nell’ambito del programma EIDL, le aziende che stanno sperimentando una perdita temporanea di entrate sono state in grado di richiedere un anticipo di prestito che non deve essere rimborsato fino a $ 10, 000. Quel programma, anche martellato dalle applicazioni, ha ottenuto anche $ 45 miliardi di finanziamenti durante la seconda tranche di finanziamenti per i programmi CARES Act.

“Stiamo sentendo l’intensità nella voce di tutti e il senso di urgenza è molto, molto reale”, afferma Christina Camacho, fondatrice e CEO di Ivy Lender, una società fintech che ha creato un COVID – 19 Mercato dei prestiti SBA, che offre applicazioni a istituti di credito approvati dalla SBA. “Quello che vedo è paura e disperazione.”

Sebbene Ivy Lender abbia visto 90% dei prestiti che ha elaborato vengono finanziati, alcune banche che Camacho ha avvicinato con applicazioni preconfezionate non le vogliono, lasciando molte aziende non finanziate. Alcuni vogliono accordi a una certa distanza dalle loro filiali, osserva, e alcuni tipi di attività, come quelle coinvolte nel noleggio e nel leasing immobiliare e nelle strutture residenziali che non forniscono servizi sanitari o medici, non sono autorizzate a ottenere finanziamenti ai sensi del PPP.

Bootstrap 101

Ma anche le aziende che alla fine hanno ottenuto finanziamenti sono state costrette a tagliare le loro spese fino all’osso dopo settimane di interruzione economica. “Vedo uno straordinario taglio dei costi”, afferma Amanda Elam, ricercatrice del Diana Institute Research presso il Babson College e presidente / CEO di Galaxy Diagnostics, Inc., un 12 – persona società di diagnostica medica a Durham, nella Carolina del Nord.

La sua società ha sospeso la retribuzione dei dirigenti, incluso lo stipendio di Elam, al fine di effettuare le buste paga prima di ottenere il PPP in aprile 28 e un anticipo EIDL subito dopo. “Speriamo che questo ci porti a termine”, afferma.

Vanessa Roer ha anche dovuto essere creativa nel modo in cui mantiene a galla i suoi affari, a causa dei fondi che arrivano lentamente . Quando Roer dovette chiudere lo Zoofari di Roer, lo zoo della sua famiglia a Reston, in Virginia, a causa della chiusura del coronavirus nello stato, si preoccupò molto. L’attività di famiglia è stagionale e dipende dalle sue entrate dai mesi più caldi.

Per mantenere in attività lo zoo, Roer ha licenziato sei dei suoi impiegati durante tutto l’anno, che di solito numero 000 per 13; raccolto $ 28, 000 in una campagna GoFundMe e messo fuori una scatola di donazione per raccogliere carne e verdure dalla comunità per nutrire gli animali . Ha richiesto un prestito nell’ambito del Paycheck Protection Program (PPP), parte del pacchetto di aiuti per le piccole imprese ai sensi della legge CARES, il 3 aprile, ma il finanziamento non è arrivato fino ad aprile 20, costringendola a una posizione in cui ha dovuto differire il suo mutuo per tre mesi.

“È dovuto alla fine di quelli tre mesi “, afferma Roer. “Se non riusciamo a pagarlo, perderemo lo zoo.”

La madre di tre figli sta ora contemplando un atto di disobbedienza civile: l’apertura dello zoo nel mezzo di Maggio, prima che lo stato rimanga a casa, gli ascensori di giugno . Lei crede che l’ambiente esterno allo zoo consentirà un sacco di distanziamento sociale.

“Siamo appena usciti dall’inverno ed eravamo a corto di fondi quando questo successo”, dice Roer. “Stiamo arrivando nel luogo del fare o morire. Non riceviamo finanziamenti federali e facciamo affidamento sulle vendite di ammissione.”

Il tempo sta per scadere

Chris Guerrero ha lavorato due volte per vendere abbonamenti online per portare in entrate presso Westchester Fit, una boutique boutique di allenamento per il fitness a White Plains, New York, dove è fondatore e presidente. Ha aspettato settimane per i suoi $ 47, 000 dopo aver fatto domanda il 2 aprile attraverso Blue Ridge Bank e finalmente ottenuto questa settimana. A causa di una modifica che doveva apportare alla sua domanda, un intermediario che lavora con il suo prestatore ha dovuto rifare la domanda a mano e non ha firmato i documenti di prestito fino ad aprile 30. A quel punto il programma fu chiuso.

Nel frattempo, Guerrero perse circa 20% delle sue entrate a causa delle iscrizioni che sono state cancellate o congelate da quando ha dovuto chiudere le porte del suo studio a marzo 16. Continuò a pagare i suoi otto impiegati, ma non era sicuro di quanto potesse resistere ancora.

“Il mio obiettivo era mantenere le persone impiegate il più a lungo possibile”, ha disse. “” Ma se la chiusura non verrà revocata a New York e non potrò aprire affari entro il mese prossimo, potrei dover chiudere l’attività e passare a qualcos’altro. “

In alcuni casi, i proprietari che hanno ricevuto fondi hanno ricevuto così poco denaro in aiuti fino a poco tempo fa che hanno appena coperto i loro costi.

È il caso di Jerome Infantado, che co- possiede Blink Aesthetics, un salone che offre servizi come l’estensione delle ciglia a Ft. Myers, in Florida, ha dovuto chiudere i battenti a marzo 30 sotto l’ordine dello stato di residenza dello stato, lui e sua sorella lo comproprietano , affidandosi ad appaltatori per aiuto.

Il negozio, che è stato in attività dal 2006, richiesto per un EIDL attraverso l’SBA, a marzo 27. Ha ricevuto $ 2, 000 avanzare che lo fa non è necessario rimborsare e quindi un prestito di $ 43, 700.

“Non è abbastanza”, afferma Infantado. “Il mio affitto è $ 2, al mese. “

E ha poche altre opzioni. Non ha fatto domanda per la disoccupazione, perché stava anche facendo domanda per il PPP. Circa un mese dopo la sua richiesta, ricevette una richiesta di caricamento di documenti aggiuntivi, ma non ricevette più notizie dalla banca. Frustrato, fece domanda per il PPP attraverso la società fintech Square e ottenne l’approvazione “condizionale” entro l’ora di aprile 20.

Infantado ha scavato a malincuore i suoi risparmi personali in attesa dell’esito della sua domanda. “Non dovresti usare i tuoi risparmi personali per salvare la tua attività”, afferma Infantado. “Se la tua attività fallisce, non avrai denaro.”

Dato che l’ordine di soggiorno dello stato è scaduto ad aprile 30, Infantado decise che l’unica opzione era tornare al salone. Ha esaminato le linee guida di sicurezza dello stato per i cosmetologi ed è stato completamente prenotato entro venerdì 1 maggio. Ha rifornito il negozio di maschere, guanti e disinfettante per le mani sia per la sua squadra che per i suoi clienti in modo che potessero sfruttare al meglio una situazione difficile: “È la stagione delle tasse ,” Egli ha detto. “Le persone hanno ottenuto i loro rimborsi e controlli di stimolo.”

Poi ha scoperto che lo stato non aveva ancora consentito l’apertura di servizi personali come i saloni e ha dovuto contattare i clienti che aveva prenotato. “Ho dovuto cancellarli tutti o rischiare di andare in prigione per 45 giorni “, afferma.


ISCRIVITI: Denaro 101 è un corso di apprendimento di 8 settimane sulla libertà finanziaria, offerto settimanalmente nella tua casella di posta.

CHECK OUT: Cosa fare se pensi che il tuo controllo dello stimolo sia per la quantità sbagliata tramite Cresci con ghiande + CNBC.

Disclosure: NBCUniversal e Comcast Ventures sono investitori in Ghiande .

Articolo originale di CNBC