martedì 22 giugno 2021

Per i  sindacati la riforma delle pensioni è sostenibile

AGI – Superare la legge Fornero, “un errore drammatico”, con una riforma vera, non una “a pezzettini” che non porta risultati come ha dimostrato Quota 100.

Cgil, Cisl e Uil premono sul ministro del Lavoro, Andrea Orlando, che ha dato la disponibilità ad aprire il Tavolo di confronto: bisogna fare presto perché le pensioni “non sono un lusso, ma un giusto riconoscimento dopo una vita di lavoro”.

I segretari generali Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri promuovono un’iniziativa per illustrare la piattaforma sindacale e assicurare che è assolutamente sostenibile: chiedono flessibilità in uscita, a 62 anni o con 41 anni di contributi.

E ancora: pensioni di garanzia per i giovani, attenzione ai lavori gravosi, riconoscimento del lavoro di cura e della maternità per le donne, promozione delle pensioni complementari, estensione della 14esima.

La sostenibilità dell’impianto è legata alla riforma del lavoro che, sostiene Landini, non deve essere più precario. Ma la sostenibilità a cui puntare, fa notare Bombardieri, non deve essere solo quella economica: c’è una sostenibilità sociale che è ancora più importante.     

Le pensioni vanno “riformate e devono essere superati i tanti vincoli e le tante iniquità ancora presenti nel quadro legislativo”, sottolineano i sindacati, “quelle sulle diseguaglianze di genere, per esempio” perché “le donne sono state le maggiori vittime dell’inasprimento dei requisiti pensionistici degli ultimi anni”.

Sbarra, “Bene tavolo con Orlando ma fare presto”

Il sindacato apprezza l’apertura del m

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo