martedì 28 giugno 2022

Per il due giugno pensa ad una fuga dalla terraferma e scegli di andare su di un’isola

Il Ponte Lungo del 2 giugno di quest’anno sembra perfetto per collegare il continente della nostra quotidianità con le isole che punteggiano il Mediterraneo in una fuga nel blu. Tra le tante possibili mete in Italia dove trascorrere qualche giorno di riposo e relax, niente regala all’isola più di un senso di distacco e di avventura.

Gli splendidi isolotti che costellano le nostre coste sono luoghi incantevoli abitati dai pescatori, costellati di case colorate e arricchiti da suggestivi paesaggi naturali che si svelano al meglio lontano dai tempi di maggiore attrazione turistica. Anche i più chill-out che ancora non vogliono immergersi nel mare cristallino che li circonda possono godersi una serie di attività e luoghi da visitare senza pensieri tra un suggestivo tramonto sul mare e un buon pasto tipico.

Alcune idee: 
Procida – Campania
Ponza – Lazio
Carloforte – Isola di San Pietro – Sardegna
Isole venete
Isola Palmaria – Liguria
Capraia – Toscana
Isola di San Giulio – Lago d’Orta – Piemonte

Procida: L’isola più piccola del Golfo di Napoli, sorella minore delle località più turistiche di Ischia e Capri, Procida è l’isola perfetta per un weekend lungo questo 2 giugno. Facilmente raggiungibile in traghetto dal porto di Napoli, Procida è un angolo di mondo che custodisce con cura la propria identità e le proprie tradizioni, che si possono scoprire passeggiando per le sue stradine tortuose nei fine settimana lontano dalla folla dei turisti. Oltre alle sue pittoresche spiagge, scelte come location per le riprese di importanti film, Procida attira visitatori già dal porto di Marina Grande con le sue case colorate a picco sul mare, caffè e ristoranti dove gustare la cucina tipica locale e fare shopping. Attraverso Roma. Passeggiando per le sue pittoresche stradine, incontrerete l’antico borgo medievale di Terra Murata, l’Abbazia di San Michele Arcangelo e l’imponente ex carcere di Palazzo d’Avalos. Una visita a Procida non è completa senza una visita ai vicoli di Corricella, il suo borgo marinaro più antico e affascinante, dove immergersi nell’atmosfera locale tra le case colorate a picco sul mare, passeggiare tra le barche ormeggiate al molo e annusare il pesce fresco dei ristoranti locali. Inoltre, nel 2022 Procida è stata nominata anche Capitale Italiana della Cultura, prima isola a ricevere questo ambito premio, grazie ai suoi 44 progetti culturali, 330 giorni di programmi, 240 artisti e 40 opere d’arte originali che garantiscono un soggiorno capace. combinare la sua bellezza naturale con la riscoperta del suo ricco patrimonio culturale.

Ponza è la più grande delle sorelle del Ponto per storia e dimensioni ed è considerata una delle isole più belle d’Italia. Galleggiante sul Golfo di Gaeta, fu abitata dagli antichi romani, di cui è ancora visibile il passaggio al porto vecchio, numerose ville, acquedotti, cisterne e peschiere dove fare il bagno, e i resti di un’antica nave ritrovata sulla riva . . fondo del mare. Oggi Ponza è amata per il mare cristallino, la vegetazione selvaggia e un’atmosfera festosa che si respira anche in piena estate. Ponza ha una superficie complessiva di circa 8 km², costituita da due insediamenti principali collegati tra loro, sui quali sorgono promontori montuosi come i monti del Cor, Tre Venti, Pagliaro e il più alto Monte Guardia.

Per la sua origine vulcanica, le sue coste sono generalmente rocciose, irregolari e suggestive e abbondano scogliere e scogliere come Lucia Rosa, La Guardia e Punta Incenso, oltre alle suggestive scogliere di Chiaia di Luna. A metà strada tra terra e mare, ci sono anche suggestive grotte marine dai colori sorprendenti che si possono raggiungere via mare per immergersi nei giochi di luce su acque turchesi, oltre a spiagge sabbiose ricche di bagnanti, come la famosa spiaggia di Frontone e Cala Feola  L’identità di questa bellissima isola è rafforzata dal suo centro mondano di case colorate, strade strette, case di pescatori, boutique alla moda e spettacolari bar scavati nella roccia.