sabato 25 settembre 2021

Per le persone con prestiti studenteschi privati, poco sollievo in mezzo alla pandemia

Il mercato dei prestiti per studenti privati ​​è in crescita da un decennio e ora, nel mezzo di un’economia quasi bloccata dalla pandemia di coronavirus, i mutuatari si trovano con poche opzioni di soccorso.

Questo è uno dei punti salienti di un nuovo rapporto dello Student Borrower Protection Center, un’organizzazione no profit avviata lo scorso anno da Seth Frotman, ex vicedirettore e difensore civico per i prestiti studenteschi presso il Consumer Financial Protection Bureau, dopo che rassegnato le dimissioni dall’agenzia federale in segno di protesta per ciò che ha definito l’amministrazione Trump a favore di istituti di credito predatori rispetto ai mutuatari.

Il mercato dei prestiti privati ​​per studenti da $ 130 è aumentato di oltre 70% negli ultimi anni 10 e ha recentemente superato la crescita di prestiti auto, carte di credito e mutui, secondo il rapporto.

“Questi risultati dovrebbero essere un campanello d’allarme che la vera portata della crisi del debito studentesco è persino peggiore di quanto molti credano”, ha detto Frotman.

” Nel mercato dei prestiti per studenti privati, i mutuatari più vulnerabili saranno i più colpiti “.

Altro da Finanza personale:
Quei $ 600 assegni di disoccupazione sono in ritardo
Alcuni lavoratori del settore stanno ricevendo $ 0 in prestazioni di disoccupazione
L’iscrizione all’università potrebbe diminuire a causa di chiusure più lunghe

I prestiti sono stati particolarmente dannosi per le persone di colore, con i mutuatari neri quattro volte più probabile che le loro controparti bianche restino indietro nel loro rimborso. Anche gli anziani stanno lottando con i prestiti. Più del 10% dei mutuatari di prestiti per studenti privati ​​di età superiore a 55 ha un saldo superiore a $ 40, 000 e oltre la metà di co-firmatari di prestiti per studenti privati ​​sono più vecchi di 55.

Nel mezzo della pandemia, questi mutuatari più anziani possono trovarsi in un bind.

“Stanno cercando di risparmiare per la pensione o forse sono già in pensione e improvvisamente vengono fatturati per questo prestito privato perché il mutuatario non sta pagando”, ha detto Betsy Mayotte, presidente di The Institute of Student Loan Advisors, un’organizzazione no profit che aiuta i mutuatari di prestiti studenteschi con consulenza gratuita e risoluzione delle controversie.

Il mercato dei prestiti per studenti privati ​​è ampiamente non regolamentato, ha affermato Frotman. Il CFPB riceve ogni giorno più di 12 reclami sui prestiti.

“Il mercato dei prestiti agli studenti privati ​​è come il selvaggio West della finanza dei consumatori”, ha detto Frotman. “Non è necessario che i finanziatori lavorino con i mutuatari quando lottano o persino rispondano alle loro telefonate quando hanno domande”.

Lo storico pacchetto di stimoli Il Congresso è passato a marzo per portare sollievo all’economia in mezzo alla crisi sanitaria globale concessa ai mutuatari di prestiti studenteschi federali un recupero di sei mesi dalle loro bollette. Eppure non ha offerto alcun sollievo a quelli con prestiti studenteschi privati. Questo è un problema, sostengono i sostenitori.

“Nell’ultima recessione, i finanziatori privati ​​spesso hanno portato i mutuatari in difficoltà al default negando le loro richieste di opzioni di rimborso convenienti”, ha detto Frotman. “Quando l’economia vacilla, i mutuatari con prestiti privati ​​possono essere messi in difficoltà a meno che i legislatori non intervengano e aiutino”.

Molti istituti di credito che erogano prestiti per studenti privati ​​affrontano “restrizioni significative sul tipo di aiuto che possono offrire”, ha detto Mayotte. “Ci sono pochissime opzioni disponibili se i pagamenti non sono convenienti.”

“Il miglior consiglio è semplicemente chiamare se stai lottando e vedere cosa possono fare per aiutarti”, ha aggiunto.

Un portavoce della Consumer Bankers Association, che rappresenta una serie di prestatori di prestiti privati, ha affermato che “i prestiti privati ​​emessi da banche sono soggetti agli stessi requisiti e supervisione di qualsiasi altro prestito offerto dalla banca e hanno più informazioni “.

Se il co-firmatario si trova in una situazione finanziaria difficile, può chiedere al finanziatore anche per gli aiuti finanziari, proprio come dovrebbe avere il mutuatario principale.

Mark Kantrowitz

editore di SavingForCollege.com

Durante la pandemia, alcuni stati, tra cui la California e l’Illinois, hanno chiesto ai finanziatori privati ​​di fornire opzioni di soccorso ai mutuatari. L’interruzione concordata di solito si presenta sotto forma di

– tolleranza di giorno, durante la quale gli interessi maturano ancora.

Se hai co-firmato un prestito per uno studente privato per qualcuno che ha avuto problemi di pagamento, sarai pronto per le fatture, ha detto Mayotte. Una volta che il mutuatario si rimette in piedi finanziariamente, tuttavia, puoi vedere se possono rifinanziare i loro prestiti per farti rimuovere come co-firmatario o verificare se il prestatore ha un programma di rilascio di co-firmatario, ha detto.

“Se il co-firmatario si trova in una situazione finanziaria difficile, può chiedere anche al finanziatore un aiuto finanziario, proprio come dovrebbe avere il mutuatario principale”, ha dichiarato Mark Kantrowitz, editore di SavingForCollege.com.

Quando Frotman ha lavorato presso l’Ufficio per la protezione finanziaria dei consumatori, ha dichiarato: “Di gran lunga, la principale lamentela nei confronti delle società di prestito degli studenti privati ​​era da parte dei mutuatari che lottano per ottenere aiuto quando non potevano permettersi il loro pagamenti. “

” Se questo fosse un problema, allora “potrebbe ora diventare una calamità.”

Articolo originale di CNBC