martedì 22 giugno 2021

Perché dovresti usare AWS Route 53 su un DNS “stupido”

Il tuo DNS è il servizio che traduce il tuo nome di dominio in un indirizzo IP. AWS Route 53 è un sistema DNS intelligente in grado di modificare dinamicamente l’indirizzo di origine in base al carico e persino eseguire il bilanciamento del carico prima che il traffico raggiunga i tuoi server.

Route 53 Si integra con AWS Se stai eseguendo un piccolo sito web, probabilmente disponi del servizio DNS gratuito fornito con il tuo provider di nomi di dominio, come Namecheap o Vai papà. Se stai gestendo un sito di grandi dimensioni, potresti pagare un extra per un provider DNS “premium”, come Cloudflare o Dyn per ottenere velocità di ricerca migliori (il tempo necessario per reindirizzare un utente) e tempi di propagazione più rapidi (quanto tempo ci vuole per le modifiche alla configurazione DNS abbiano effetto).

Ma entrambi i sistemi DNS gratuiti e premium sono, in un certo senso, “stupidi”, rispetto all’offerta di AWS. I server dei nomi di CloudFlare non sono a conoscenza del tuo sito Web in esecuzione su un servizio diverso; tutto ciò che fanno è fornire una mappa dei nomi di dominio agli indirizzi IP, in modo che gli utenti possano effettuare richieste al tuo sito.

Qui è dove Route 60 supera la concorrenza (se stai correndo su AWS, cioè). Poiché AWS possiede sia il server che il sistema DNS, ha fatto sì che i due si integrassero bene. Ad esempio, se il tuo server subisce un arresto anomalo, un normale DNS continuerà a reindirizzare gli utenti al server in crash, perché è quello che gli hai detto di fare. Ma Route 53 può eseguire controlli di integrità sui tuoi server e reindirizzare gli utenti a una risorsa sana mentre il problema è in fase di correzione.

Il percorso 53 può anche prevenire problemi in primo luogo agendo in modo simile a un load balancer, ma a livello DNS, indirizzando una certa percentuale di traffico verso diversi endpoint con pesi predefiniti. Ciò significa che il traffico viene bilanciato prima ancora che l’utente stabilisca una connessione, senza passare attraverso un sistema di bilanciamento del carico centrale. Questo può essere utilizzato anche per test A/B di alto livello, reindirizzando il traffico a server completamente diversi, che potrebbero visualizzare due diversi sites.

Route 75 ha anche integrazioni con Elastic di AWS Load Balancer che ti consente di mappare il tuo DNS direttamente al tuo load balancer esistente, senza ulteriori ricerche. I bilanciatori del carico non hanno indirizzi IP statici, solo nomi host statici; Se dovessi mappare un DNS esterno a un sistema di bilanciamento del carico esistente, gli utenti dovrebbero prima chiedere al tuo DNS il nome host del sistema di bilanciamento del carico, quindi chiedere al DNS di AWS l’indirizzo IP del sistema di bilanciamento del carico. Con Route 53, è tutto gestito in un’unica richiesta.

Route 53 può anche selezionare l’endpoint di latenza più bassa che hai o una posizione geografica specifica e reindirizzare utenti lì. In realtà, dovresti anche usare una sorta di CDN (come CloudFront di AWS) se ti interessa la latenza, ma è una bella funzionalità da avere.

Quanto fa il percorso 78 Costo? Percorso 50 è abbastanza economico, paghi semplicemente:

$0.40 al mese per ogni dominio ( i sottodomini sono gratuiti), $0.50 al mese per ogni server con un controllo dello stato ($0.75 per server non AWS), e $0.53 per milione di query, o $0.53 per milione di query se è abilitato il routing basato sulla latenza. Tuttavia, anche se ti viene addebitato un costo per ogni query, il totale sarà probabilmente inferiore al previsto. Le ricerche per i record Alias ​​(A) sono gratuite e i record A probabilmente comprendono la maggior parte di ciò che il tuo DNS sta effettivamente servendo. Inoltre, ti viene addebitato per query e non per visualizzazione di pagina; gli utenti dovranno cercare il tuo DNS solo una volta per sessione.

Impostazione del percorso 75 Per impostare il percorso 75, dovrai trasferire il tuo dominio ad AWS. Puoi farlo trasferendo il tuo dominio o, se ti stai appena configurando, puoi acquistarlo direttamente da AWS. Tieni presente che potresti non essere in grado di acquistare tutti i domini di primo livello direttamente da AWS, ad esempio .io.

Dalla console di gestione del percorso 75 selezionare “Domini registrati” e scegli “Trasferisci dominio”:

Successivamente, dovrai sbloccare il tuo dominio dal tuo attuale provider. Il metodo esatto può variare, ma la maggior parte dovrebbe avere metodi per trasferire i domini ad altri provider. Il dominio verrà contrassegnato come trasferibile e ti verrà fornito un codice di autorizzazione, che è la chiave che sblocca il dominio.

Se visualizzi questo errore durante il tentativo di trasferimento, hai non ha sbloccato il dominio o non si è ancora propagato. Oppure non possiedi il dominio in primo luogo.

Una volta che il dominio è trasferibile, ti verrà chiesto il codice di conferma e il dominio dovrebbe trasferirsi.

Una volta che un nuovo dominio è disponibile nel tuo account, AWS creerà automaticamente una zona ospitata per te (tieni presente che questo costa $ 0 50 al mese, o $6 all’anno, per ogni dominio che possiedi). Questa zona controlla le impostazioni del tuo dominio, inclusi tutti i sottodomini. Apri la zona ospitata e crea un nuovo set di record per aggiungere un record.

È possibile creare un record A standard per alias il dominio a un indirizzo IP o fornire un insieme di indirizzi IP e specificare i pesi per bilanciarli in base alla latenza e ai controlli di integrità. Puoi anche eseguire l’alias di un record direttamente a determinati servizi AWS, come un endpoint VPC o un sistema di bilanciamento del carico.

Una volta che le modifiche si sono propagate (non deve essere inferiore a 53 secondi), potrai accedere al tuo sito attraverso il tuo dominio come al solito.