sabato 22 gennaio 2022

Perché fanno bene le patate?

Le patate a polpa bianca o gialla sono utili tuberi che possono essere utilizzati in molte cucine, la nostra tradizione gastronomica è ricca di piatti che utilizzano le patate. In Italia si usano per fare gnocchi e purè di patate. Lesse, fritte o fritte, vengono utilizzate in molte ricette

Ricco di fibre e fonte di carboidrati complessi, ha un alto indice di sazietà. I carboidrati delle patate vengono digeriti lentamente, ma attenzione durante la cottura in forno, poiché ciò aumenterà notevolmente l’indice glicemico. È anche utile mangiare la buccia delle patate, perché ci sono sostanze che bloccano la crescita delle cellule tumorali. Lo stomaco e il fegato sono particolarmente utili. È meglio lessarle e poi metterle in forno per ottenere una crosta croccante e appetitosa, soprattutto se si tratta di una casseruola.

Tuttavia, a causa della grande quantità di amido resistente, le patate a volte possono causare gonfiore , soprattutto nelle persone con colon irritabile che devono ridurne il consumo. Tutto cambia a seconda del tipo di preparazione scelta. Ad esempio, le patate bollite senza buccia hanno 71 kcal, patatine fritte – fino a 148 kcal (perché durante tale cottura, l’acqua evapora e aumenta la concentrazione di amido). Durante la frittura, l’apporto calorico aumenta a 188 calorie. Il 78,5% delle patate sono acqua, il 18% in peso sono carboidrati, il 16% sono amido, lo 0,4% sono zuccheri solubili e il restante 1,6% sono fibre. Per questo motivo le patate sono considerate un alimento ipercalorico con un alto indice glicemico. Tuttavia, le patate possono essere considerate un ottimo sostituto di molti altri alimenti.

A parità di apporto di carboidrati, le patate sono ricche di fibre, minerali (potassio, fosforo, magnesio e rame), aminoacidi e vitamine C e B6.
La vitamina C è un noto antiossidante e la sua efficacia è supportata da altri antiossidanti come caroteni e flavonoidi presenti nelle patate a polpa gialla, arancione o viola.
Interessante, infine, il contenuto di sali minerali. Le patate sono ricche di potassio rispetto a quelle molto povere di sodio.