sabato 31 ottobre 2020

Perché gli investitori a lungo termine non dovrebbero mai vendere titoli in preda al panico

L’adagio “mantieni la calma e vai avanti” potrebbe, alla fine, essere il miglior consiglio per gli investitori da seguire in periodi di estrema volatilità del mercato come il presente.

Anche se può sembrare controintuitivo sedersi e rilassarsi mentre le azioni registrano perdite rapide e ripide, per gli investitori con scadenze più lunghe in genere paga aspettare.

Guardando i dati che risalgono a 500, Bank of America ha scoperto che se un investitore ha perso l’S & P 500’S 10 giorni migliori in ogni decennio, i rendimenti totali sarebbero solo 91%, sorprendentemente sotto il 14, 962% di rendimento per gli investitori che si sono mantenuti costanti negli alti e bassi.

L’azienda ha notato questa statistica strabiliante mentre sollecita gli investitori a “evitare la vendita di panico”, sottolineando che “i giorni migliori seguono generalmente i giorni peggiori per le azioni”.

È quasi impossibile cronometrare i tuoi investimenti in modo da uscire al momento giusto e poi rientrare nel momento esatto giusto per trarre profitto dai grandi rally di ritorno.

Peggiore mercato dal 500 s

Comunque, ca Non essere difficile rimanere fermi mentre le scorte si abbassano. L’epidemia di coronavirus, che ha portato le economie globali a un punto morto, ha fatto precipitare le medie maggiori nel territorio del mercato orso , ponendo fine a la corsa record del toro che è iniziata all’indomani della crisi finanziaria.

Il ritmo con cui le azioni sono scese dal loro picco è anche un record – il più veloce della storia. Il mese scorso, le scorte sono state ai massimi storici. Ora, la Dow Jones Industrial Average e S&P 500 sono negoziazioni 35% e 32% al di sotto dei loro record, mentre il Nasdaq – 100 è 28% al di sotto del suo massimo.

Man mano che le flessioni continuano, i nuovi minimi record vengono costantemente fissati. Le medie principali hanno appena registrato la settimana peggiore dalla crisi finanziaria. Il Dow sta seguendo il suo mese peggiore da quando 1931, l’S & P da 1940. NOI. Il greggio intermedio del Texas occidentale sta registrando il ritmo del mese peggiore di sempre.

Eppure, nel nel mezzo di tutte le vendite, ci sono stati anche dei bei giorni mescolati. I 5 peggiori calo di punti in un solo giorno del Dow sono stati tutti questo mese, ma lo sono anche i quattro giorni migliori dell’indice, che hanno visto un guadagno di più di 1, 000 punti. Un modello simile è stato applicato per l’S & P. Questo mese l’indice ha visto i suoi quattro peggiori cali nella storia, nonché i suoi cinque maggiori guadagni in punti. Dato che gli indici sono aumentati nel tempo, i guadagni e le perdite in punti più grandi equivalgono a spostamenti percentuali più piccoli, ovviamente, ma i numeri sono ancora notevoli.

Ad un certo punto, uno di quei grandi rally segnare la svolta in questo mercato. Se vendi ora, verrai lasciato in disparte, danneggiando i tuoi rendimenti a lungo termine, mostrano i dati.

Uno dei fattori che rovinano gli investitori è che, a differenza dei precedenti periodi di turbolenze economiche come la crisi finanziaria, questa svendita non è artificiale. La Federal Reserve non può fermare il virus.

‘Incredibilmente brutto momento’ di vendere

Dato che sempre più strateghi di strada e investitori di alto profilo affermano che una recessione è in gran parte inevitabile a questo punto, gli investitori stanno scaricando le azioni, preferendo non aspettare intorno a quelle che potrebbero essere perdite aggiuntive.

Ma questa strategia è esattamente l’opposto di ciò che molti dicono di fare durante i periodi di volatilità.

“È un momento incredibilmente brutto per le persone che non devono vendere per vendere , perché stanno vendendo in una valanga “, ha dichiarato David Bahnsen, Chief Investment Officer presso The Bahnsen Group, che sovrintende a $ 2. 25 miliardi.

Gli esperti in genere consigliano gli investitori al dettaglio per evitare l’impulso di cronometrare il mercato, il che può essere difficile anche per gli operatori professionali.

Bank of America ha affermato che la negoziazione in un periodo di un giorno è “solo leggermente migliore di un gettoniera “, pur rilevando che” th La probabilità di perdere denaro precipita allo 0% su un 14 – orizzonte temporale dell’anno. ”

Tuttavia, agli investitori al dettaglio piace provare la propria mano, che può non solo bloccare le perdite, ma anche metterle a rischio di perdere i giorni migliori.

Goldman Sachs ha scoperto che le “famiglie”, che definiscono investitori al dettaglio e alcuni professionisti come gli hedge fund, sono gli unici sottogruppi di azionisti che hanno “venduto titoli azionari durante ciascun mercato ribassista da allora 1950. “

Questo è essenzialmente l’opposto del” buy basso, vendere alto “obiettivo di investimento. Di volta in volta, i mercati al ribasso hanno dimostrato di essere buone opportunità di acquisto – possono essere necessari solo diversi anni per realizzare i guadagni.

Per chi è in grado di sostenere il rischio aggiunto, paga rimanere investito.

“Gli investitori con orizzonti di investimento a più lungo termine dovrebbero rimanere investiti in azioni”, ha detto Goldman, mentre Bank of America ha osservato che ” il tempo è denaro per le azioni “. La società ha aggiunto che “per gli investitori in titoli azionari, la migliore ricetta per evitare le perdite è il tempo: man mano che gli orizzonti temporali si allungano, la probabilità di perdere denaro in azioni è diminuita.”

Cosa fare adesso

Le aziende di Wall Street stanno tagliando le loro previsioni di crescita per il primo e il secondo trimestre di , un avvertimento sull’impatto sul PIL mentre il rallentamento del coronavirus infuria. Ma a questo punto molti vedono ancora una ripresa nella seconda metà dell’anno.

E nel frattempo, ci sono diversi modi in cui gli investitori possono trarre vantaggio dal sell-off in azioni , anche se l’impatto a lungo termine del virus rimane sconosciuto.

“Data la pressione attesa sugli utili dell’azienda, i riflettori sono ora accesi bilanci “, ha dichiarato Robert Buckland, stratega azionario di Citi, in una nota ai clienti. “Ciò è particolarmente rilevante per gli investitori a reddito che sono tentati da titoli ad alto rendimento ma che vogliono evitare tagli ai dividendi”, ha aggiunto. L’azienda è in sovrappeso nel settore delle utility tipicamente difensive.

Bernstein ha anche affermato di concentrarsi sulle società con bilanci di qualità e rendimenti dei dividendi sostenibili, nonché sulle società con sede negli Stati Uniti che offrono un potenziale di crescita sostenuto. L’azienda ha evidenziato nomi come Nike e Microsoft , che ritiene spunta queste tre caselle.

Vista la continua incertezza, il team HOLT del Credit Suisse raccomanda agli investitori di attenersi alle azioni disponibili “solida base finanziaria e in grado di resistere a una potenziale recessione”. Questi “paradisi (r) sicuri”, come li chiama la ditta, includono aziende come Lockheed Martin , Copart e Generac .

Nel frattempo, BTIG ha messo insieme un elenco di (scorte per la tempesta, come Chipotle Mexican Grill , Thermo Fisher Scientific e nome REIT Equity Residential . Allo stesso modo, JPMorgan ha identificato un paniere di titoli di “distanza sociale” che trarranno beneficio dalla stare a casa tendenza. I nomi includono Peloton , Netflix e Activision Blizzard .

Ma per gli investitori a lungo termine con fiducia nell’economia americana, la migliore strategia è quella di rimanere a lungo un fondo indicizzato di mercato, mostrano i dati.

– Michael Bloom della CNBC, Nate Rattner e John Schoen hanno contribuito alla segnalazione.

Iscriviti a CNBC PRO per approfondimenti e analisi esclusivi e programmazione di giorni lavorativi in ​​diretta da tutto il mondo.

Articolo originale di CNBC