domenica 01 novembre 2020

Perché il coronavirus sta causando un’enorme quantità di rifiuti alimentari

Il coronavirus ha sconvolto in modo massiccio la catena di approvvigionamento alimentare.

Prima della crisi, oltre la metà dei dollari americani di cibo venivano spesi fuori casa, presso ristoranti e altri punti di ristorazione. Ma con quell’industria in gran parte chiusa, molti agricoltori si sono trovati senza un mercato per le loro colture, anche se la domanda nei negozi di alimentari e nelle banche alimentari aumenta.

Mentre gli agricoltori vorrebbero vendere i loro prodotti in eccesso ai negozi di generi alimentari o donarli alle banche alimentari, si trovano ad affrontare una catena di approvvigionamento inflessibile specializzata per il cliente finale. Contratti di lunga durata tra agricoltori, ristoranti, scuole e negozi di alimentari determinano il modo in cui le colture saranno confezionate e trasformate. Quindi non è solo facile trovare nuovi mercati e creare nuovi canali di distribuzione.

Tutto ciò significa che cumuli di prodotti freschi vengono distrutti o lasciati marcire nei campi. E mentre la Casa Bianca ha annunciato un pacchetto di aiuti agricoli da $ 19 miliardi in aprile, molti agricoltori temono che non sarà abbastanza.

Articolo originale di CNBC