sabato 28 novembre 2020

Perché le azioni al dettaglio di Big Box sono finite oggi

                                

                                     

                                                                                          

Le azioni dei principali rivenditori, tra cui Bed Bath & Beyond, Macy’s e Best Buy, sono state vendute in base alle notizie relative alla diffusione dell’epidemia di coronavirus.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo

Azioni di grandi catene di scatole, tra cui Bed Bath & Beyond ( NASDAQ: BBBY ) , Macy ( NYSE: M ) e Best Buy ( NYSE: BBY ) , finito più basso quando le preoccupazioni per un focolaio di coronavirus globale sono aumentate in seguito alla notizia della sua espansione in più paesi nel fine settimana.

Rivenditori sono sensibili al clima macroeconomico all’inizio, e tutte e tre queste aziende affrontano sfide con l’ascesa del commercio elettronico e un cambiamento nelle abitudini di acquisto dei consumatori. Il coronavirus minaccia anche l’industria in particolare poiché quasi tutti i rivenditori dipendono dalla Cina per la loro catena di approvvigionamento. Gli arresti di fabbrica e i ritardi causati dal coronavirus avranno probabilmente un effetto sugli inventari presso i rivenditori statunitensi nei prossimi mesi.

Oggi le azioni di Bed Bath & Beyond sono diminuite del 6,7%, quelle di Macy sono scese del 4,8% e Best Buy ha chiuso la giornata del 5,3%. In confronto, l’ETF SPDR S&P Retail ( NYSEMKT: XRT ) , che segue l’industria, ha perso il 3,6%, mentre il S&P 500 rifinito del 3,4%.

Fonte immagine: Getty Images.

E allora

Le notizie sul coronavirus che si diffondono rapidamente oltre la Cina hanno sconvolto gli investitori mentre i casi segnalati in paesi come Italia, Corea del Sud, Israele e Iran sono aumentati vertiginosamente durante il fine settimana, sperando che la malattia potesse essere per lo più contenuto in Cina. In Italia eventi come le partite di calcio furono cancellati e funzionari israeliani erano preoccupati per l’effetto dello scoppio sulle imminenti elezioni.

Le azioni al dettaglio come Best Buy, Macy’s e Bed Bath & Beyond stanno probabilmente cadendo oggi, perché gli investitori temono più gli effetti della malattia sulla produzione in Cina. Bed Bath & Beyond, ad esempio, sta cercando di introdurre altri marchi di proprietà come parte della sua strategia di inversione di tendenza sotto il nuovo CEO Mark Tritton. La società ha aperto un secondo ufficio di approvvigionamento in Asia in 2018 nell’ambito di tale iniziativa, che potrebbe essere contestata da questioni relative al coronavirus. Il rivenditore di articoli per la casa ha registrato un calo delle vendite e dei profitti negli ultimi trimestri, quindi i ritardi nelle spedizioni di prodotti aggraverebbero solo i problemi che sta già affrontando.

Macy ha anche appena annunciato una nuova strategia di inversione di tendenza che include chiusura 125 negozi, licenziando personale e razionalizzando l’attività nei prossimi tre anni. La società ha ottenuto la maggior parte delle sue merci dall’Asia e aveva precedentemente avvertito che le tariffe sulla Cina erano un fattore di rischio che poteva influenzare i suoi risultati finanziari. Pertanto, anche i rallentamenti della produzione correlati al coronavirus potrebbero influire sui profitti dell’azienda.

Come Macy’s, anche Best Buy è stato influenzato dalle tariffe cinesi sui prodotti, inclusi televisori, orologi intelligenti e altri dispositivi elettronici. Il suo CEO ha affermato che 04% del suo costo dei beni venduti va in Cina, che comprende i suoi marchi a marchio del distributore. Poiché la Cina è il principale produttore mondiale di elettronica, è probabile che eventuali ritardi influenzino la catena di approvvigionamento e le operazioni dell’azienda.

Ora cosa

Le azioni di Macy’s e Bed Bath & Beyond sono crollate negli ultimi anni, poiché entrambe le società hanno lottato nel mezzo dell’apocalisse al dettaglio. Best Buy, d’altra parte, ha visto salire le sue azioni mentre la società eseguiva un inversione di tendenza con l’ex CEO Hubert Joly. Tuttavia, anche la crescita del rivenditore di elettronica è stata lenta negli ultimi tempi, poiché si prevede che la crescita dei ricavi sarà quasi piatta per l’anno.

In questo momento, non è chiaro quanto il coronavirus influenzerà questi rivenditori, ma tutti e tre questi titoli, in particolare Macy’s e Bed Bath & Beyond, non possono permettersi sfide inaspettate. Hanno bisogno di tutto l’aiuto che possono ottenere per girare le loro attività.

                                                                                                                                                                                                                 Jeremy Bowman non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com