Entra in contatto con noi

Mercati americani

Perché le azioni QuantumScape, Freyr e Plug Power sono appena cadute

Pubblicato

il


Cosa è successo

È una mattina infelice sul Nasdaq mentre l’indice pesantemente tecnologico è crollato del 2% fino alle 10:20 ET di mercoledì. Purtroppo per investitori in energie rinnovabilile loro azioni stanno subendo alcuni dei danni peggiori e una nota della banca d’investimento Morgan Stanley è uno dei motivi.

QuantumScape (D.S -3,62%)che sta sviluppando uno stato solido batteria per l’alimentazione di veicoli elettrici (EV)è sceso del 5,1% e produttore di batterie agli ioni di litio Batteria di Frey (FREY -12,62%) stava andando anche peggio, in calo del 13,9%. Pioniere delle celle a combustibile a idrogeno Spina di alimentazione (TAPPO -4,57%) neanche stamattina sembra molto in salute (anche se per motivi diversi), poiché le sue azioni sono crollate del 7%.

E allora

Allora, quali sono le scorte di veicoli elettrici in difficoltà questa mattina? Morgan Stanley sembra essere l’inizio dei loro guai. L’osservatore delle valutazioni The Fly riferisce di aver declassato Freyr stamattina a parità di peso (hold), riducendo della metà il suo obiettivo di prezzo sul titolo della batteria a $ 13 per azione. La banca ha anche tagliato il suo obiettivo di prezzo su QuantumScape, che era già sottoponderato (vendere) — del 25%, a $ 3 per azione.

I tagli agli obiettivi di prezzo (e al rating complessivo di Freyr) arrivano in risposta a un più ampio ridimensionamento dei titoli dei veicoli elettrici che Morgan Stanley sta vedendo e fanno parte di un “ripristino” delle valutazioni nel settore. Esortare gli investitori a ridurre la loro esposizione a azioni EV in generale, la banca ha affermato che gli investitori potrebbero iniziare a perdere la pazienza con le aziende che non sono in grado di fornire rapidamente i prodotti sul mercato.

Advertisement

Questa potrebbe essere una brutta notizia per QuantumScape, che deve ancora generare entrate e non dovrebbe avere prodotti pronti per il mercato prima del 2026 circa.

La posizione di Freyr è leggermente migliore: ha iniziato a generare entrate lo scorso anno e potrebbe portare centinaia di milioni di dollari di vendite entro il 2024. I profitti effettivi, tuttavia, non dovrebbero ancora arrivare prima del 2031, secondo le stime raccolte di S&P Global Market Intelligence. E potrebbe essere troppo lungo per chiedere agli investitori di aspettare.

Ora cosa

Questo per quanto riguarda le aziende di batterie. Ma che dire di Plug Power, che concentra i suoi sforzi sulle energie rinnovabili in una direzione leggermente diversa? Corre idrogeno attraverso membrane a scambio protonico per generare elettricità per alimentare i veicoli.

Morgan Stanley non ha parlato di Plug oggi. Ma la società stessa avrebbe dovuto fare alcuni annunci più tardi mercoledì, quando fornirà il suo aggiornamento annuale dopo la chiusura delle negoziazioni sul Nasdaq.

Advertisement

Plug non ha lasciato alcun accenno su ciò che rivelerà quando ha annunciato l’evento la scorsa settimana. Indipendentemente da ciò, Wall Street è ottimista sul fatto che Plug raddoppierà più che le sue vendite nel trimestre in corso e aumenterà le vendite dell’80% nel prossimo trimestre, il tutto riducendo le perdite.

A lungo termine, le vendite dovrebbero raggiungere gli 825 milioni di dollari quest’anno, per poi crescere del 66% a 1,4 miliardi di dollari l’anno prossimo, in rotta verso 5 miliardi di dollari entro il 2030.

Tutto quanto sopra sembra una buona notizia e non è una buona ragione per cui le azioni Plug Power si stanno vendendo prima dell’aggiornamento. Gli investitori potrebbero vendere le azioni ora per prepararsi a una delusione.

Ma penso che sia un errore: il 2030 è molto lontano e non c’è motivo per Plug di abbassare le aspettative questa sera, per qualcosa che potrebbe o non potrebbe accadere tra sette anni.

Advertisement

La mia impressione: le dichiarazioni di Plug saranno opportunamente ottimistiche questa sera, e le eventuali perdite che il titolo subirà oggi saranno rapidamente recuperate giovedì mattina.

Rich Smith non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. The Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno dei titoli menzionati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending