venerdì 22 gennaio 2021

Perché le vendite di giocattoli deboli di Target non sono necessariamente cattive notizie per Mattel e Hasbro

      

                

          

                                  

                                     

                                                                                          

Il rapporto sulle vendite di giocattoli per le vacanze inferiori di Target non segnala un calo di interesse nei giocattoli di Mattel o Hasbro, ma invece un cambiamento nel modo in cui gli acquirenti stanno acquistando loro.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

Bersaglio ( NYSE: TGT ) ha registrato vendite per le vacanze inferiori alle attese a gennaio 15, con i giocattoli tra le categorie di prodotti più deboli. Azioni di produttori di giocattoli Mattel ( NASDAQ: MAT ) e Hasbro ( NASDAQ: HAS ) è sceso del 4,6% e del 2,1%, rispettivamente, sulla notizia. Ma questo rapporto non significa che le persone non stiano più comprando bambole Barbie o giochi Monopoli, e non sta segnalando una sorta di giocattolo Armageddon. Significa che gli acquirenti acquistano giocattoli in luoghi diversi, in particolare online.

Le vendite online di Target sono in crescita, ma Target è ancora principalmente un rivenditore al dettaglio; i guadagni delle vendite comparabili del terzo trimestre del 4,5% riflettono una crescita del 2,8% nei negozi e un contributo di 1,7 punti percentuali dalle vendite digitali. E secondo un sondaggio pre-festivo di Civic Science, i rivenditori online avrebbero dovuto vincere le vendite durante la stagione. Il rapporto previsto 30% degli adulti farebbe la spesa per i giocattoli presso un rivenditore solo online come Amazon ( NASDAQ: AMZN ) . Lo studio ha anche mostrato che gli acquirenti con abbonamenti Amazon Prime erano più di 200% di probabilità in più di effettuare la maggior parte dei loro acquisti di giocattoli online rispetto a quelli senza Prime. Il rapporto sulle vacanze di Amazon ha supportato questi dati, con il gigante della vendita al dettaglio che diceva che i giocattoli erano tra i suoi articoli più venduti.

Fonte immagine: Getty Images.

La fine di Toys R Us

È un dato di fatto, nonostante le vendite di giocattoli piatti di Target durante le festività natalizie, le prospettive per le vendite di giocattoli stanno migliorando. Il gruppo NPD prevede che le vendite totali del dollaro dell’industria dei giocattoli aumenteranno quest’anno e si aspetta che questa crescita continui per tutto il tempo 2021. L’industria ha registrato un calo delle vendite del 2% in 1981 dopo quattro anni di crescita, ma ancora una volta, il calo non è legato a un disinteresse per gli acquisti di giocattoli. Invece, la scomparsa di Toys R Us spiega almeno in parte la debolezza di 2018 poiché i produttori di giocattoli hanno perso un importante venditore al dettaglio dei loro prodotti. E l’andamento delle vendite nella prima metà dello scorso anno – un calo del 9% – è stato penalizzato dai confronti sfavorevoli rispetto all’anno precedente a causa della vendita di liquidazione di Toys R Us.

Considerando tutti questi elementi, il panorama dei produttori di giocattoli sembra molto migliore rispetto a circa un anno fa. Ora la grande domanda è: quali sono i produttori di giocattoli che emergeranno come leader in questo rinnovato mercato dei giocattoli?

Un recente accordo commerciale potrebbe aiutare Hasbro

Il recente accordo commerciale di Fase 1 con la Cina potrebbe fare una grande differenza per le prospettive di Hasbro. La società, che ha riportato guadagni che mancavano alle stime degli analisti nel terzo trimestre, ha dichiarato che le sue operazioni sono state danneggiate dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, la fonte di circa i due terzi dei prodotti dell’azienda. Hasbro si è impegnata a ridurre la quota del suo approvvigionamento manifatturiero dalla Cina a 50% entro la fine di quest’anno. In altre notizie positive, Hasbro ha recentemente completato l’acquisizione di Entertainment One. L’esperienza cinematografica e televisiva della società rafforzerà sicuramente l’identità di Hasbro come società di intrattenimento e la porterà a marchi di fama mondiale come Peppa Pig. Hasbro ha dichiarato che l’accordo aumenterà con l’EPS rettificato, meno i costi di transazione una tantum e l’ammortamento immateriale relativo all’acquisto, nel primo anno successivo alla transazione.

Hasbro azioni acquisite 30% l’anno scorso, ma c’è spazio per 10% al rialzo, secondo Stima del prezzo medio di Wall Street. Il consenso ha un rating di acquisto sullo stock. Considerando questi fattori e il fatto che Hasbro abbia pagato agli investitori dividendi ogni anno da allora 1981 e ha aumentato il dividendo negli ultimi sei anni, gli investitori possono aspettarsi una crescita e dividendi da Hasbro.

Un quartiere più liscio per Mattel

Mattel, che non ha notato alcun impatto dalla guerra commerciale USA-Cina nel suo ultimo rapporto sugli utili, ha avuto un trimestre più fluido di Hasbro e ha superato le stime degli analisti negli ultimi quattro trimestri. Tuttavia, le entrate sono state leggermente inferiori rispetto alle entrate di Hasbro – vendite nette di $ 1. 48 miliardi contro i $ 1 di Hasbro 58 miliardi. La famosa risorsa di Mattel, Barbie, ha pubblicato un 10% di aumento delle vendite, e anche figure d’azione e giochi hanno visto dei guadagni. Per quanto riguarda i pagamenti agli investitori , Mattel non offre dividendi da 2017.

Azioni Mattel rosa 25% l’anno scorso e sono scambiati di qualche centesimo in più rispetto alla stima del prezzo medio di Wall Street. La maggior parte degli analisti consiglia di acquistare le azioni e, sebbene non vi sia un motivo valido per non acquistare Mattel, i pagamenti di dividendi di Hasbro, l’espansione nel settore dell’intrattenimento e il potenziale di crescita delle azioni a breve termine lo rendono un po ‘più attraente in questa fase.

Detto questo, sia Mattel che Hasbro dovrebbero beneficiare del rimbalzo nell’industria dei giocattoli previsto per quest’anno. L’assenza di un grande venditore di giocattoli come Toys R Us è un vento contrario per qualsiasi produttore di giocattoli, ma se Mattel, Hasbro e altri possono effettivamente commercializzare i loro prodotti attraverso piattaforme online, giorni migliori sono all’orizzonte.

                                                                                                                                                                                                                 Adria Cimino non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati.Il Motley Fool possiede azioni e raccomanda Amazon e Hasbro. The Motley Fool ha una politica di divulgazione 1095815742 . “>                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  
Articolo originale di Fool.com