martedì 20 ottobre 2020

Perché lo stock di energia Diamondback è precipitato quasi del 17% a febbraio

                

Fai clic qui per le risorse di The Motley Fool su Coronavirus e il mercato.

                                     

                                     

                                                                                          

Le buone notizie dello stock petrolifero non sono state sufficienti per superare le turbolenze nel mercato petrolifero.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo

Azioni di Diamondback Energy ( NASDAQ: FANG ) burattato 16. 7 % a febbraio, secondo i dati forniti da S&P Global Market Intelligence . Mentre il produttore di petrolio ha pubblicato eccellenti numeri del quarto trimestre, ciò non era abbastanza per compensare una svendita nel mercato petrolifero.

E allora

Energia Diamondback riportata risultati del quarto trimestre migliori del previsto a metà febbraio. Il produttore di petrolio e gas ha generato $ 1. 50 per azione di utili rettificati, che hanno battuto la stima del consenso degli analisti di $ 0. 11 per azione. Inoltre, ha raddoppiato il suo dividendo .

Fonte immagine: Getty Images.

Quel rapporto inizialmente aumentava le quote del compagnia energetica . Tuttavia, i prezzi del greggio sono crollati durante l’ultima settimana di febbraio. Nel complesso, il benchmark petrolifero statunitense, WTI, è diminuito 13% per il mese, chiudendo sotto $ 50 una canna. La ponderazione del prezzo del petrolio era la preoccupazione che il COVID – 19 l’epidemia di coronavirus avrebbe un impatto negativo sulla domanda di petrolio.

Diamondback Energy è in una posizione migliore rispetto alla maggior parte dei trapani per gestire i prezzi del petrolio più bassi. Questo perché può finanziare il suo piano di capitale 2020 e il suo dividendo sui flussi di cassa può produrre se il greggio è in media $ 47. 50 un barile, che è proprio attorno al prezzo attuale. Tuttavia, la società puntava su prezzi del petrolio più alti quest’anno in modo da poter generare liquidità in eccesso per riacquistare azioni. A $ 47 olio, che è intorno dove doveva iniziare l’anno, Diamondback può produrre $ 600 milioni in contanti in eccesso. Sono abbastanza soldi per riacquistare il 6% delle sue azioni in circolazione al prezzo attuale.

Ora che cosa

Come produttore di petrolio, Diamondback Energy ha un’esposizione diretta ai prezzi delle materie prime e un calo di tali prezzi ha un impatto su il flusso di cassa dell’azienda. Tuttavia, grazie ai suoi costi operativi inferiori, Diamondback è in una posizione migliore per gestire i prezzi del petrolio più bassi, il che dovrebbe consentirgli di affrontare le attuali sfide del mercato. Nel frattempo, ha un sacco di rialzo se il petrolio rimbalza indietro, dal momento che potrebbe produrre una quantità di denaro gratuito da utilizzare per il riacquisto delle sue azioni a basso costo.

                                                                                                                                                                                                                 Matthew DiLallo non ha alcuna posizione in nessuno degli stock citati, il Motley Fool non ha posizione in uno qualsiasi degli stock citati. Il Motley Fool ha una politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com