venerdì 30 ottobre 2020

Poiché l’industria della cannabis rimane in gran parte tranquilla sul coronavirus, questo CEO ha lanciato l’allarme

                      

  

    Cannabis Watch   

 

  Organigramma ha iniziato a apportare modifiche alle operazioni a febbraio come COVID – 19 diffusa in tutto il mondo, ha temporaneamente licenziato circa la metà del suo staff

                

  

    

                  

           

Organigramma ha due quarti di inventario disponibili, secondo un analista.                    Organigram Holdings Inc.              

  

                

            

         

L ‘”ah-ah!” momento per Organigram Holdings Inc. L’amministratore delegato Greg Engel è arrivato il 9 marzo, quando è stato in grado di vedere un cambiamento visibile nell’ansia che le autorità canadesi – incluso il ministro della sanità – hanno mostrato sulla diffusione di COVID – 19.

      

“Potresti vedere il livello di preoccupazione tra le persone chiave”, ha detto Engel in un’intervista telefonica martedì, dopo la compagnia di cannabis descrisse dettagliatamente i primi effetti del coronavirus sui suoi affari. “Il livello di ansia delle persone stava aumentando durante le riunioni del giorno.”

      

Organigramma          OGI,          + 5. 29%          OGI,          – 0 . %       ha iniziato a monitorare il coronavirus a gennaio mentre devastava la Cina. Quindi, disse Engel, era preoccupato e prendeva provvedimenti per garantire che la fornitura di penne per imballaggi e vaporizzatori fosse sufficiente – l’industria delle erbe infestanti proviene principalmente dalla Cina .

      

Organigram alla fine divenne una delle prime compagnie di cannabis ad iniziare a discutere e divulgare l’impatto atteso del coronavirus sulle sue operazioni. apportare pubblicamente modifiche alle sue operazioni in risposta a COVID – 19 a febbraio. Engel ha affermato che le implicazioni della diffusione del virus in tutto il mondo sono diventate evidenti quando i dirigenti di Organigram hanno iniziato a discutere con i funzionari provinciali canadesi, che hanno agito rapidamente attua il distanziamento sociale e altre misure e le autorità federali.              

Mesi dopo, Engel rimane uno dei pochi dirigenti delle principali aziende di cannabis a dettagliare le preoccupazioni sulla capacità del settore di resistere alla pandemia e discutere problemi specifici, anche se tali divulgazioni sono piuttosto standard in altri settori.

      

“Obiettivamente parlando, [Organigram] è stato uno dei più proattivi, se non il più proattivo, parlando del loro COVID – 19 preparativi “, ha detto l’analista di Raymond James Rahul Sarugaser in un’intervista telefonica martedì.

      

Guarda anche: Le officine sono considerate attività “essenziali” nella maggior parte degli stati in cui è legale, ma le regole stanno cambiando

      

Sarugaser ha scritto in una nota di marzo che ci sono diverse dinamiche chiave del coronavirus che influenzeranno l’industria della cannabis: le aziende con più inventario saranno avvantaggiate nel breve e medio termine; il lento lancio dei negozi al dettaglio in Ontario può danneggiare i rivenditori di cannabis di puro gioco e rendere più difficile per i consumatori l’acquisto degli stessi prodotti online; e la pandemia potrebbe rendere più difficile per le aziende continuare a distribuire prodotti di cannabis di seconda generazione, come penne e edibili per vaporizzatori.

      

Engel attribuisce parte della sua risposta alla sua formazione universitaria in microbiologia – “Ho seguito corsi di virologia a studenti universitari”, ha detto – e che stava gestendo un’azienda di biotecnologie durante il Scoppio di SARS a Toronto in 593.

      

“Avevamo una struttura all’interno di un ospedale dove viveva la SARS”, ha detto. “Ci sono arrivato con una prospettiva diversa, sicuramente avevo la sensazione che dovevamo prendere misure per motivi di sicurezza.”

       

Engel ha anche affermato di aver iniziato a sentire lo staff preoccupato per i potenziali pericoli degli spazi di lavoro affollati a causa del coronavirus. La società ha preso provvedimenti per dare ai lavoratori la possibilità di lavorare da casa, se possibile, e quindi di attuare un programma volontario di licenziamento al fine di ridurre il numero di persone nelle sue strutture in modo che i rimanenti dipendenti possano lavorare in sicurezza.

      

“È stata una decisione consapevole offrire a tutti i dipendenti la possibilità di fare questo passo volontario”, ha detto. “Volevamo mantenere una certa forza lavoro sul posto per continuare a fornire la base di pazienti medici e continuare la produzione.”

      

Esclusivo: La compagnia pot Cronos riceve l’indagine SEC

      

L’azienda avvertito investitori marzo 23 che ridurrebbe la sua forza lavoro a causa di COVID – 11, che segna uno dei primi comunicati stampa di un’azienda di cannabis che parla dell’impatto del coronavirus. Il 6 aprile Organigramma disse che aveva temporaneamente licenziato quasi la metà il suo staff o 400 persone.

      

“Era un’informazione materiale e dal punto di vista del mercato, dovevamo dare una guida”, ha detto Engel.

      

Guarda anche: La perdita di organigrammi della società canadese di cannabis nell’ultimo trimestre si è allargata poiché le entrate sono inferiori alle stime

      

Riducendo il personale, l’azienda ha anche spostato la propria produzione nei sistemi automatizzati disponibili, limitando al contempo altre attività. Coltivare il vaso in modo sicuro, su larga scala, è una sfida enorme tra le restrizioni del social distanza, ma la società può gestire la sua linea di cioccolato e Engel ha detto che corre quattro giorni alla settimana con 10 – turni di ore. A causa del modo in cui vengono realizzati i giunti pre-laminati, l’azienda ha interrotto tutta la produzione di questi.

      

In una nota precedente per i clienti, Sarugaser scrisse che a differenza di molti dei suoi rivali, Organigram non aveva bisogno di tagliare la sua forza lavoro in condizioni difficili del mercato. Ha affermato che Organigram ha due quarti di inventario disponibili per la vendita ai livelli attuali dell’azienda, comprese le vendite all’ingrosso dell’azienda.

      

“Stanno comandando un premio nel mercato all’ingrosso”, ha detto Sarugaser, aggiungendo che poiché il vaso di Organigram ha una maggiore quantità di tetraidrocannabinolo, o THC, un composto inebriante nella pianta, è in grado di stabilire un prezzo di circa tre volte e mezzo la media.

      

Azioni negoziate negli Stati Uniti di azioni Organigram chiuse 11. Dal 9% a $ 1. 59 Martedì dopo che le vendite della società sono state inferiori alle stime. L’ETF ETFMG Alternative Harvest          MJ,          + 3. 59%       chiuso l’1,5% martedì.

              

                             

Articolo originale di Marketwatch.com