Entra in contatto con noi

Mondo del Lavoro

Prima di scegliere lo smart working si pensa al costo delle bollette

Pubblicato

il

Per oltre la metà dei dipendenti (55,3%), la principale criticità del lavoro flessibile è proprio l’aumento dei costi fissi

Solo il 20% dei dipendenti sarebbe disposto a guadagnare meno per lavorare in modo più intelligente.

In pratica, la semplice equazione “risparmio aziendale sui servizi d’ufficio = risparmio di carburante dei dipendenti in movimento” non funziona più.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Pertanto, in relazione al rinnovo dei contratti individuali, molti dipendenti alzano la mano chiedendo un risarcimento per le ulteriori spese sostenute, nonché per non consegnare buoni pasto lasciati alla discrezionalità dell’azienda nell’ambito delle attività previdenziali.

Bollette costose penalizzano lo smart working

L’aumento delle bollette di luce e gas sta vanificando gran parte dei vantaggi legati a un modo di lavorare flessibile, con l’unico vantaggio di risparmiare sul costo del gas per raggiungere l’ufficio, mentre le tariffe sono sempre più alte per il riscaldamento o l’aria condizionata domestici, nonché il costo di un abbonamento a Internet a banda larga, pongono serie sfide per i lavoratori a distanza.

Diffuso a macchia d’olio dopo l’emergenza sanitaria, lo smart working (senza accordo individuale fino al 31 dicembre 2022) ha finora risposto all’esigenza di distanza e flessibilità da parte di aziende e dipendenti, mentre ora si registra un aumento spropositato della spesa per servizi domestici e altri costi aggiuntivi. (illuminazione, alimentazione PC, connettività ADSL o fibra ottica, pasti all’ora di pranzo, riscaldamento o aria condizionata, ecc.) rendono insostenibile il lavoro da casa per gran parte dei lavoratori.

Advertisement

Cresce, quindi, il numero dei dipendenti della campagna, sia nelle aziende pubbliche che in quelle private, insieme al costo dell’energia elettrica, dove i contratti non prevedono il rimborso dei costi legati alle utenze o ai costi di allacciamento.

Per non parlare dei buoni pasto, facoltativi per l’azienda se lavori da casa

Non sono solo i sindacati a causare disordini, ma anche i lavoratori stessi, quindi ci sono meno persone disposte a trovare salari più bassi solo per lavorare da casa. A questo senso ha accennato l’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche) nel corso del convegno “Usi e prospettive dello Smart Work. Lezioni apprese e domande aperte dopo la fase di emergenza pandemica.

Advertisement

Trending