Entra in contatto con noi

Lifestyle

Prime indiscrezioni su Sanremo 2022

Pubblicato

il

Con l’annuncio dei 22 Big di Sanremo 2022, si annuncia un’edizione competitiva e interessante

Amadeus prosegue la sua ricetta per una formula festivaliera, all’insegna di Generazione Z e grandi ritorni. Il cast dei Big è composto in gran parte da artisti giovani, beniamini dei millennials e campioni su Spotify, da Blanco in coppia con Mahmood ad Aka7even, da Sangiovanni a Rkomi.

Discorso a parte merita il ritorno di Achille Lauro per il quarto anno consecutivo all’Ariston, capace di produrre successi, ma anche di garantire momenti di grande spettacolo e una certa polemica per averlo messo in scena all’insegna della dissacrazione e dell'”eccesso”. Tornato anche Irama, costretto a partecipare al video solo lo scorso anno nella fase finale del festival a causa della quarantena, dopo un caso di umore positivo nella sua squadra. Inoltre, c’è il pop squisito di Michele Bravi, il pop latino della spagnola Ana Mena (ex regina delle classifiche italiane in coppia con Rocco Hunt), il compositore indipendente Giovanni Truppi, il rap di Dargen D’Amico e il rap di Hysnoba in coppia con Hu.

Ma il regista e art director fa concessioni anche a un pubblico meno giovane, il pubblico principale di Rai1, con il ritorno in concorso Massimo Ranieri (assente dalla Grande Corsa dal 1997) Iva Zanicchi (10 partecipanti attivi), l’ultima nel 2009 e tre vittorie), Gianni Morandi (50 anni dopo la sua prima volta nel 1972 con Vado al lavoro) e Donatella Rettore. Gli artisti, però, sono disposti a prendere piede in partita, se è vero che Morandi probabilmente si sfiderà con l’opera di Giovanotti (aspettandosi il bis per il successo de L’allegria di quest’estate) e del Rettore con i giovani . L’artista romana Ditonellapiaga, nello stato civile di Margherita Carducci.

Non mancano gli artisti che sono entrati nella storia del festival negli ultimi anni, da Eliza (vincitrice con Lucy vent’anni fa nel 2001) a Emma (vincitrice nel 2012), da Noemi a Fabrizio Moro (vincitrice del concorso, coppia con Ermal Meta nel 2018), Juzi Ferreri. Infine, le band, dall’alternative rock Le Vibrazioni al sofisticato pop di The List Representant.

L’aggiornamento Amadeus prevede anche la rimozione della categoria Nuove Offerte dal Festival di Febbraio: i due cantanti che vinceranno Sanremo Giovani il 15 dicembre si sfideranno con Big al Teatro Ariston. D’altra parte, sarebbe difficile creare una categoria rookie con una formazione Bolshoi che, già nei primi 22 nomi annunciati stasera, è piena di artisti ventenni e ventenni e idoli della Generazione Z.

Nel tentativo di non sminuire l’appeal della finale di Sanremo Giovani del 15 dicembre, Amadeus ha annunciato oggi 22 artisti, ma non ha nominato i brani. A caratterizzarli saranno gli interessati diretti alla diretta di Rai1, che individueranno altri due membri del cast, portando a 24 il numero totale degli artisti in concorso. Escluse le aggiunte dell’ultimo minuto. “Il grande Pippo Baudo sarà con me la notte del 15 dicembre”, ha annunciato Amadeus.