martedì 19 ottobre 2021

Privacy: le dichiarazioni di Agostino Ghiglia

Agostino Ghiglia del Garante per la protezione dei dati personali afferma: “La privacy non è un appesantimento burocratico o solo una terza firma su un modulo”

Agostino Ghiglia,  partecipando al 64° congresso nazionale Federpol, ci invita a riflettere sull’importanza della privacy, un tema che dovrebbe essere importante nelle nostre vite e che troppo spesso viene sottovalutato: “Noi dobbiamo avere una cognizione della privacy moderna. La privacy non è un appesantimento burocratico o la terza firma su un modulo, tutti dobbiamo avere questa consapevolezza. E’ una percezione modulare che si accompagna allo sviluppo di una giornata, se abito in un quartiere mal frequentato la sera invoco più telecamere, io cittadino normale sono infastidito e spaventato che un Comune acquisti telecamere emozionali che mi studiano la dilatazione della pupilla, da cui si può presumere se si è intenzionato nei confronti di un terzo. Queste sono le due percezioni che si hanno della privacy”. 

Dal meeting in corso al Grand Hotel Villa Torretta Milan Sesto, Ghiglia ci invita a vedere la privacy non come un insieme di regole che hanno lo scopo di limitare le persone bensì: “regole ponderanti perché dobbiamo avere un equilibrio che continui ad assicurare a 360 gradi la nostra libertà. Se noi ad un presunto grande fratello pubblico aggiungiamo un milioni di grandi fratellini quotidiani che filmano tutto il futuro ci sarà un grande caos”.

Il convegno si conclude con un invito a tutti gli italiani  di modificare le loro impressioni nei confronti della privacy e di vederla nell’ottica della difesa della libertà: “A volte si ha un approccio settoriale e corporativo facendoci perdere di vista il nostro interesse collettivo supremo ovvero la libertà. Parlo di sicurezza perché la telecamera o il drone che ha la telecamera non può essere quella che viene sulla spiaggia a misurarmi la temperatura da remoto”.