domenica 28 novembre 2021

Progetto UPPER lanciato dal Comune di Latina

Il progetto UPPER, vincitore del concorso European Urban Innovative Action (UIA) sul tema dell’ “Uso sostenibile del suolo”.

Lanciato il 1 settembre 2019 con il comune di Latina come main partner, questo progetto, si propone di implementare Nature-Based Solutions (NBS) ovvero la coltivazione di piante e alberi in grado di combattere problemi ambientali come l‘aumento delle temperature, l’inquinamento dell’acqua e dell’aria e il dissesto idrogeologico.

Il progetto prevede la riabilitazione di tre aree urbane, che verranno convertite in parchi industriali e poi ampliate ad altri otto siti dimostrativi individuati nel comune di Latina.

ENGIE effettuerà l’analisi, il monitoraggio e la visualizzazione dei dati ambientali nell’ambito del progetto per seguire l’evoluzione ed evidenziare i principali risultati delle attività relative a UPPER (https://upper.aws.engie.it/ relative all’ambiente ).

A tal fine, ENGIE ha sviluppato una piattaforma digitale dedicata “UPPER ENGIE” per fornire alle amministrazioni dati ambientali in tempo reale (come temperatura, qualità dell’aria e livelli di umidità) nelle aree di intervento del progetto.

La piattaforma è collegata ad una rete di otto stazioni di monitoraggio installate nell’area di progetto. Alle stazioni sono collegati 16 sensori per la verifica degli inquinanti atmosferici e dei parametri climatici. Il monitoraggio e l’analisi di questi parametri, nonché il confronto con i dati storici, permetteranno di verificare i risultati delle attività di riciclo pianificate.

Questo progetto rappresenta quindi un percorso congiunto con il Comune per far sì che Latina diventi una città sempre più “sostenibile”.

L’impegno di ENGIE è completato dal percorso virtuoso di cooperazione e promozione della sostenibilità ambientale, già avviato con il Comune di Latina. ENGIE, infatti, è già vicina al comune di Latina nell’ambito della gestione dell’illuminazione pubblica e dei parcheggi regolamentati.

ENGIE sta modernizzando l’intera rete di illuminazione pubblica con lampade a LED di ultima generazione, evitando l’emissione in atmosfera di oltre 30.000 tonnellate di CO2. La gestione della sosta controllata punta anche sulla mobilità sostenibile attraverso una gestione intelligente del traffico urbano, che comprende: sistemi digitali a disposizione della polizia municipale, applicazioni per gli utenti e monitoraggio continuo dei dati di traffico.

“Siamo orgogliosi di continuare a far parte del comune di Latina per fare di questa città un esempio virtuoso di buon governo pubblico, sostenibilità ambientale e resilienza. – afferma Claudio Galli, Direttore Regionale di ENGIE Italia nel Lazio – Il territorio è associato a molti problemi legati all’urbanizzazione, all’inquinamento atmosferico, all’uso delle risorse naturali e, di conseguenza, alla fragilità dell’ecosistema nelle nostre aree urbane. ENGIE contribuisce con il proprio know-how per dare un contributo concreto al miglioramento della qualità dell’aria e al benessere dei cittadini. Progetti come questo dimostrano l’importanza della collaborazione tra amministrazioni e imprese per superare le attuali sfide ambientali, ridurre efficacemente le emissioni di CO2 e contribuire a un’economia locale e globale sempre più carbon neutral”.

“Prosegue grazie a questi progetti il ​​percorso verso la completa sostenibilità ambientale della nostra città. – afferma il sindaco di Latina Damiano Coletta, – Latina cerca un ruolo di leadership non solo a livello nazionale ma anche a livello europeo in termini di comfort per la vita, rispetto per l’ambiente e capacità di attrarre risorse e creare futuro. La collaborazione con ENGIE nel progetto UPPER va in questa direzione e integra altre attività già svolte congiuntamente, ad esempio nel campo dell’efficienza energetica, che fanno della nostra città un degno esempio di sostenibilità. È la capacità di creare connessioni, anche tra i settori pubblico e privato, che è fondamentale per affrontare le grandi sfide che riguardano il nostro futuro e il futuro delle giovani generazioni. “