Entra in contatto con noi

Mercati americani

Prospettive sane per le terapie

Pubblicato

il

25 gennaio 2023 03:36 ETBBH, IBB, XLV, PPH, IYH, VHT, PBE, PJP, BBC, XBI, IHE, IHF, IHI, XPH, RYH, FBT, PTH, FXH, XHE, BBP, XHS, PSCH, HTEC, FHLC, ARKG, SBIO, CNCR, LNGR, BTEC, FTXH, GNOM, IDNA, GERME, HELX, EDOC, BMED, WDNA, IBBQ, MDEV, AGNG, HART, PILLOLA, IXJ, ROSA, APXH

Riepilogo

  • Anche nella sua condizione malconcia, il sottosettore terapeutico rappresenta ancora il 9,1% dell’indice Russell 2000 Growth.
  • L’attività di fusione e acquisizione continua a scaldarsi mentre i grandi attori, attualmente a corto di liquidità, cercano di guidare la crescita riempiendo le loro pipeline di sviluppo.
  • A nostro avviso, questa confluenza di fattori potrebbe rappresentare una significativa opportunità di investimento.

TETYANA LYAPI/iStock via Getty Images

Di Jennifer Blachford

Con Big Pharma relativamente ben capitalizzata e in vena di fare affari, vediamo il potenziale per un rimbalzo per i titoli a piccola e media capitalizzazione in questo innovativo sottosettore.

Scorte terapeutiche: sotto il tempo per due anni in cui i venti contrari macroeconomici hanno penalizzato gli investimenti di durata più lunga, ora sembrano pronti per una potenziale ripresa.

Advertisement

Riteniamo che quello terapeutico sia un settore diversificato e dinamico, ricco di modelli di business intriganti e catalizzatori sottovalutati in grado di generare un alfa significativo. Ecco solo alcune tendenze che potrebbero presto far oscillare lo slancio a favore degli investitori:

  • Le valutazioni si sono ampiamente resettate in questo settore di crescita cruciale: L’ETF SPDR S&P Biotech (XBI) è sceso del -20% nel 2021 e di un altro -26% nel 2022.1 Anche nella sua condizione malconcia, il sottosettore terapeutico, comprese le società che forniscono farmaci biologici e farmaceutici destinati a trattare una serie di condizioni, da l’influenza comune agli stati di malattia rara, rappresenta ancora il 9,1% dell’indice di crescita Russell 2000 (in calo rispetto al 19,1% di appena due anni fa).2
  • La pompa dell’innovazione è innescata: Oltre 437.000 studi clinici sono attualmente in corso in 221 paesi, di cui quasi 159.000 negli Stati Uniti3
  • La FDA è sotto una nuova leadership: Prevediamo un miglioramento del personale e dell’efficienza complessiva presso l’amministrazione nel 2023.
  • Big Pharma è pronta a trattare: L’attività di fusione e acquisizione continua a scaldarsi mentre i grandi attori, attualmente a corto di liquidità, cercano di guidare la crescita riempiendo le loro pipeline di sviluppo. Dopo aver registrato 109 offerte4 nel 2022, il settore terapeutico sembra pronto per un’attività ancora maggiore nel prossimo anno.
  • La forza di bilancio esiste: La solvibilità del sottosettore, a nostro avviso, non è così grave come suggerisce il sentiment generale. Sebbene l’accesso al capitale sia diventato più ristretto, stimiamo che circa il 70% delle società terapeutiche a piccola e media capitalizzazione (con capitalizzazioni di mercato comprese tra $ 100 milioni e $ 30 miliardi) disponga di liquidità sufficiente per durare almeno 18 mesi. La sfida, e l’opportunità, per i gestori patrimoniali è riuscire a distinguere tra chi ha e chi non ha.

A nostro avviso, questa confluenza di fattori potrebbe rappresentare un’importante opportunità di investimento, soprattutto per i gestori attivi con l’esperienza necessaria per destreggiarsi in un sottosettore così complesso e in rapida evoluzione.

1Stella del mattino

2Set di fatti

3Clinicaltrials.gov

Advertisement

4thepharmaletter.com

Questo materiale è fornito solo a scopo informativo e nulla qui costituisce consulenza di investimento, legale, contabile o fiscale. Questo materiale è di natura generale e non è diretto a nessuna categoria di investitori e non deve essere considerato come personalizzato, una raccomandazione, un consiglio di investimento o un suggerimento per impegnarsi o astenersi da qualsiasi linea di condotta relativa agli investimenti. Le decisioni di investimento e l’adeguatezza di questo materiale dovrebbero essere prese sulla base degli obiettivi e delle circostanze individuali di un investitore e in consultazione con i suoi consulenti. Le informazioni sono ottenute da fonti ritenute affidabili, ma non vi è alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza, completezza o affidabilità. Tutte le informazioni sono aggiornate alla data di questo materiale e sono soggette a modifiche senza preavviso. L’azienda, i suoi dipendenti e i conti di consulenza possono ricoprire posizioni di qualsiasi società discussa. Eventuali opinioni o opinioni espresse potrebbero non riflettere quelle dell’azienda nel suo insieme. I prodotti e i servizi Neuberger Berman potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni o per tutti i tipi di clienti. Questo materiale può includere stime, prospettive, proiezioni e altre “dichiarazioni previsionali”. A causa di una varietà di fattori, gli eventi reali o il comportamento del mercato possono differire in modo significativo da qualsiasi opinione espressa.

Questo materiale non è inteso come un rapporto di ricerca formale e non dovrebbe essere considerato come base per prendere una decisione di investimento. L’azienda, i suoi dipendenti e i conti di consulenza possono ricoprire posizioni di qualsiasi società discussa. I titoli specifici identificati e descritti non rappresentano tutti i titoli acquistati, venduti o raccomandati per i clienti di consulenza. Non si deve presumere che eventuali investimenti in titoli, società, settori o mercati individuati e descritti siano stati o saranno redditizi.

L’investimento comporta dei rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Gli investimenti in hedge fund e private equity sono speculativi e comportano un grado di rischio più elevato rispetto agli investimenti più tradizionali. Gli investimenti in hedge fund e private equity sono destinati esclusivamente a investitori sofisticati. Gli indici non sono gestiti e non sono disponibili per investimenti diretti. La performance passata non è garanzia di risultati futuri.

Advertisement

Questo materiale viene pubblicato su base limitata attraverso varie sussidiarie e affiliate globali di Neuberger Berman Group LLC. Per favore visita www.nb.com/disclosure-global-communications per le entità specifiche e limitazioni e restrizioni giurisdizionali.

Il nome e il logo “Neuberger Berman” sono marchi di servizio registrati di Neuberger Berman Group LLC.

© 2009-2023 Neuberger Berman Group LLC. Tutti i diritti riservati.

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Neuberger Berman, fondata nel 1939, è un gestore di investimenti privato, indipendente, di proprietà dei dipendenti. L’azienda gestisce una gamma di strategie, tra cui azioni, reddito fisso, classi quantitative e multi-asset, private equity e hedge fund, per conto di istituzioni, consulenti e singoli investitori a livello globale. Con uffici in 23 paesi, il team di Neuberger Berman è composto da oltre 2.100 professionisti. Per cinque anni consecutivi, l’azienda è stata nominata prima o seconda nel sondaggio Pensions & Investments Best Places to Work in Money Management (tra quelli con 1.000 o più dipendenti). Di ruolo, stabile e focalizzata sul lungo termine, l’azienda ha creato un team eterogeneo di persone unite nel loro impegno a fornire risultati di investimento convincenti per i nostri clienti a lungo termine. Tale impegno include la considerazione attiva dei fattori ambientali, sociali e di governance. L’azienda gestisce 323 miliardi di dollari di asset dei clienti al 31 marzo 2019. Per ulteriori informazioni, visitare il nostro sito Web all’indirizzo www.nb.com. Per informazioni importanti: https://www.nb.com/disclosure-global-communications Noi: Advisor Solutions (877) 628-2583 advisor@nb.com RIA e Family Office (888) 556-9030 riadesk@nb.com

Raccomandato per te

Advertisement
Advertisement

Trending