sabato 02 luglio 2022

Prurito localizzato sulla schiena, da un sollo lato e più in basso rispetto alla spalla: scopri come trattarlo

La notalgia parestetica è un’ansia che produce prurito locale alla schiena, da un lato e al di sotto della spalla (bordo mediale della scapola inferiore), la cui causa è sconosciuta (si sospettano alcuni nervi). La malattia è stata descritta per la prima volta dal neurologo russo Mikhail Astvazaturov nel 1934 ed è solitamente benigna, ma può ancora influenzare negativamente la qualità della vita di un paziente.

Le donne anziane sono più interessanti. Non si osservano danni alla pelle, ad eccezione di possibili graffi causati da graffi. La diagnosi è generalmente clinica, cioè formulata sulla base dell’anamnesi (raccolta di informazioni sui fattori di rischio, anamnesi,…) e dell’osservazione della pelle, e solo in rare occasioni sono necessari approfondimenti con immagini.

Sfortunatamente, la patologia può durare da diversi mesi a diversi anni e le opzioni di trattamento rimangono deludenti fino ad oggi; I farmaci di prima scelta sono modulatori neurologici come il gabapentin, che originariamente era un farmaco antiepilettico ma ha trovato impiego negli anni in diverse patologie neurologiche (p. es., nel trattamento del dolore neuropatico). La notalgia parestetica è una condizione caratterizzata da una sensazione di prurito cronico e intermittente (cioè persistente nel tempo, eventualmente con periodi di sollievo) che interessa la parte della schiena sotto la scapola. Tipica malattia unilaterale che provoca prurito solo su un lato della schiena, in molti casi sul lato opposto al braccio dominante, anche se a volte può interessare entrambi i lati contemporaneamente.

Alcuni pazienti lamentano anche altri cambiamenti nella sensibilità cutanea, percepiti come sensazioni di dolore, calore, freddo, presenza di un corpo estraneo, formicolio e intorpidimento. Non è possibile identificare alcun focus che sia la fonte del prurito. Scegliendo un approccio indipendente, la notalgia parestetica è una condizione che solo raramente può regredire completamente, ma è comunque possibile ottenere un sufficiente controllo dei sintomi in una buona percentuale di casi (ciò è stato indicato da diversi autori come una semplice spiegazione benigna di gli irrequieti mi fanno notare il sollievo). L’approccio di prima scelta consiste in una tipologia ottenuta mediante somministrazione orale piuttosto che farmacologica di gabapentin, che viene utilizzato come agente antiepilettico e generale che si è dimostrato efficace in numerose malattie neuropatiche.

I farmaci antistaminici, in generale, apprxio dielecyone per quasi-forma di prurito, purtropon non hanno un singolo effetto pronunciato, ma sedativi delle molecole di prima generazione (ad esempio, idrossizina, Atarax®), se possono essere rintracciati, e graffiti Fa non girare.

Tra gli approcci:

cortisone, perso solo occasionalmente,
anestesia locale, che nella migliore delle ipotesi fornisce un sollievo temporaneo
capsaicina, un principio attivo estratto dai peperoncini, che può fornire un sollievo immediato ma a breve termine (importante per evitare il contatto e il contatto visivo accidentale),

Un approccio simile si ottiene con l’uso di canfora o mentolo (che, invece di sentirsi caldo, provoca una sensazione di freschezza).
Ci sono segnalazioni in letteratura di tentata somministrazione di tossina botulinica (botulinum), ma in questo caso i risultati sono variabili e ridotti, come nel caso della TENS (apparentemente più utile nei pazienti che lamentano un complesso di alterazioni della percezione, non prurito solitario).

Infine, alcuni pazienti hanno beneficiato della terapia fisica per rafforzare i muscoli coinvolti (e i muscoli circostanti, come i pettorali), poiché può modificare l’angolo con cui i nervi scorrono lungo i muscoli. Gli approcci non dermatologici includono anche possibili risvegli, che dovrebbero essere eliminati:

manipolazione spinale,
collari di chelo uterini,
massaggio,
traiettoria cervicale.