lunedì 08 marzo 2021

Purezza del diamante e sua importanza nella determinazione del valore della gemma

La parola “chiarezza” significa chiarezza o traslucenza nella vita di tutti i giorni, ma assume una lucentezza aggiuntiva quando viene utilizzata nel commercio dei diamanti. Quando si valutano i diamanti, anche i dilettanti sanno che le “quattro C” sono i fattori principali da considerare: caratura, colore, taglio e, naturalmente, chiarezza. Il carato si riferisce al peso e alle dimensioni della pietra, il colore è autoesplicativo e il taglio si riferisce alla forma in cui è stata tagliata la pietra, di solito per mascherare eventuali difetti o per migliorare la qualità eccezionale. Ma cos’è la purezza del diamante che lo rende così importante?

Come viene accertata la purezza?

Ci sono scale di purezza con i diamanti, ma il le differenze tra una pietra e l’altra possono essere così sottili che un profano farebbe fatica a dire perché un campione è valutato molto più di un altro. Le pietre vengono classificate in base a un attento esame da parte di un gioielliere a dieci ingrandimenti.

Poiché spesso un’incastonatura può mascherare i difetti di una pietra, l’esame sarà solitamente effettuato sul diamante sciolto, che è posto, a faccia in giù (su quale sarebbe la ‘cima’ quando il diamante è montato ad anello) su un foglio di carta bianca pura. Questo aiuta anche ad accertare la vera gradazione del colore. Puoi saperne di più leggendo questa guida imparziale e chiara sulla chiarezza dei diamanti sul forum dei diamanti e dei gioielli di Pricecope.

Classificazione

Se viene trovato un diamante per non avere difetti visibili all’ingrandimento x 10, si può dire che sia Internally Flawless / Flawless, che è abbreviato nel settore a IF / F. L’ingrandimento aumenterà man mano che il gioielliere cerca di scoprire quanto è buono il diamante, con IF / F forse sostituito con il successivo gradino verso il basso se viene individuato anche il più piccolo difetto.

Migliore è la purezza, maggiore è il valore del diamante

Il prossimo passo verso il basso è che un diamante venga etichettato come VVS1 – Very Very Small Inclusion (primo grado). Queste pietre sembrano perfette con ingrandimento x 10, ma i piccoli difetti vengono visualizzati con un ingrandimento leggermente maggiore.

Poi viene, VVS2 – Very Very Small Inclusion (secondo grado). Questi diamanti sembrano ancora perfetti ad occhio nudo, ma il gioielliere potrebbe quasi essere in grado di vedere che c’è qualcosa con la x 10 ingrandimento che richiede un attento esame. Se sono visibili con un ingrandimento x 10, sono molto piccoli e difficili da individuare, richiedono un attento controllo e un aumento dell’ingrandimento per confermare la classificazione.

Le inclusioni molto piccole (primo grado) (VS1) sono molto simili a quest’ultimo, ma sono più facili da trovare, sebbene richiedano ancora diversi secondi di attenta lettura, e un aumento dell’ingrandimento per confermare.

Le inclusioni molto piccole (secondo grado) (VS2) hanno inclusioni che sono abbastanza evidenti per il gioielliere in x 10 ingrandimento. Le inclusioni possono essere piuttosto difficili da individuare anche per un gioielliere esperto, a seconda dell’abilità del tagliatore.

I diamanti Small Inclusions (primo grado) o SI1 hanno inclusioni o difetti facilmente distinguibili a zero ingrandimento, a meno che la pietra non sia stata tagliata in un disegno a taglio quadrato, come Emerald o Asscher Cut, nel qual caso il gioielliere potrebbe impiegare un momento per individuare i problemi ad occhio nudo.

SI2 (Small Inclusion – secondo grado) i diamanti sono simili ai precedenti, con l’eccezione che i difetti sono chiaramente visibili ad occhio nudo, anche se mascherati con un taglio lusinghiero.

Successivamente, c’è Incluso (primo grado) o diamanti I1 che contengono difetti o inclusioni che sono abbastanza chiaramente visibili ad occhio nudo, e i riflessi di luce proiettati dalla pietra sulla carta possono essere visibilmente deformati dall’inclusione / inclusioni.

Le pietre sono classificate in base a un attento esame da parte di un ebreo eller a dieci ingrandimenti

Infine, ci sono pietre classificate in Incluso (secondo grado) e Incluso (terzo grado) I2 e I3, in cui i difetti sono chiaramente visibili ad occhio nudo e sono spesso antiestetici. Questi diamanti generalmente non sono disponibili per la vendita. Questi diamanti hanno un alto rischio di rottura a causa dei difetti interni, e quindi non sono un buon investimento né come forma di valuta (a causa del loro valore relativamente basso e del rischio di scissione o scheggiatura) né come pietra preziosa.

Allora perché la chiarezza è così importante?

Può sembrare che non ci sia molta differenza tra le gradazioni, tranne, forse, per quella inferiore o due classificazioni in cui i diamanti sono visibilmente imperfetti o soggetti a debolezza, ma in effetti migliore è la purezza, maggiore è il valore del diamante.

Se stai acquistando un diamante perché ne hai sempre desiderato uno e lo incastonerai in una cornice colorata (ad esempio, l’oro giallo, invece del bianco consigliato) puoi optare per un diamante perfetto. Ma se stai investendo in diamanti e vuoi assicurarti che il tuo investimento resista alla prova del tempo, la soluzione migliore è scegliere diamanti ad alta purezza, preferibilmente classificati in base alle specifiche del GIA e dell’AGS.

Il GIA è il Gemological Institute of America, e ha elaborato le quattro C di classificazione dei diamanti, mentre l’AGS è l’American Gem Society che stabilisce gli standard a cui ci si aspetta che i rivenditori di diamanti aderiscano . Trovare un diamante certificato da una o entrambe queste istituzioni garantirà di aver trovato una pietra rispettabile.