lunedì 20 settembre 2021

Quando gli Stati riapriranno, gli acquirenti di case torneranno di corsa, ma i venditori resteranno in disparte

La famiglia Graubart visita una casa aperta ad Atlanta con l’agente immobiliare Ben Hirsh.

Foto: Nate Silverman

A un sabato, aperto per due ore ad Atlanta, circa una dozzina di famiglie in gran parte mascherate hanno visitato la casa di nuova costruzione con sei camere da letto, sei bagni, al prezzo di poco più di $ 3 milioni. Noah Graubart e sua moglie stavano cercando qualcosa vicino alla nuova scuola elementare dei loro figli.

“Sembra che il numero di case sul mercato sia stato in qualche modo sospeso”, ha detto Graubart, che ha girato la casa con sua moglie e sua figlia. Indossavano tutti delle maschere, come precauzione contro il coronavirus, e si rallegrarono che l’open house non fosse esattamente pieno. “Finché non è affollato. Avrei aspettato che altre persone uscissero”. del mercato a causa della pandemia. Per la settimana terminata il 2 maggio, le quotazioni totali sono diminuite 19% ogni anno e le nuove quotazioni sono diminuite 39%, secondo realtor.com.

“Abbiamo avuto acquirenti pronti, disponibili e abili, e i venditori sono stati quelli che hanno ritirato le loro case, cambiato idea “, ha detto Ben Hirsh, agente immobiliare per la casa di Atlanta. “È probabilmente un ostacolo più grande superare, mettere la tua casa sul mercato e invitare le persone piuttosto che andare a cercare casa come un acquirente.”

Hirsh ha detto che hanno avuto due venditori nell’ultima settimana che stavano per elencare le loro case, completamente fotografati, pronti per partire, e poi hanno appena deciso di restare.

“Non vedo la mancanza di inventario, che era già un problema prima che ciò accadesse, di certo non vedo che si allenterà presto, “ha aggiunto.

Questo potrebbe essere il motivo per cui i costruttori di case della nazione stanno assistendo a un improvviso aumento della domanda. Semplicemente non c’è abbastanza offerta domestica esistente. I costruttori di case tendono anche a costruire in periferia ed periferia, più lontano dai nuclei urbani. Mentre la vita urbana era incredibilmente popolare tra i millennial, la cultura del coronavirus casalingo potrebbe già aver invertito questa tendenza. Le persone vogliono più spazio dentro e fuori le loro case.

Anche se non ci sono ancora dati concreti, aneddoticamente, gli agenti immobiliari affermano che stanno vedendo più affittuari che ora cercano la casa unifamiliare le case. Laddove esiste tale offerta, la domanda non è esattamente diminuita, ma solo posticipata.

Compass, una società di intermediazione immobiliare, ha dichiarato che il numero medio delle sue inserzioni oggetto di contratto ha toccato il fondo ad aprile 12 e erano giù 40% dalla media prima dell’inizio degli ordini di ricovero sul posto a marzo. Ad aprile 20, Compass ha visto il numero medio di contratti tornare al punto in cui si trovavano prima della chiusura. Entro la fine di aprile, i contratti erano 24% più alti rispetto a prima della chiusura e in aumento 64 % dal fondo di aprile 12 .

Molti potenziali acquirenti hanno fatto acquisti online, utilizzando la nuova tecnologia virtuale. Gli agenti immobiliari hanno offerto proiezioni “dal vivo”, dove cammineranno per la casa mentre l’acquirente guarda e fa domande su uno smartphone o un tablet. Alcuni agenti hanno offerto mostre personali di case vuote, dando all’acquirente un codice per aprire la cassetta di sicurezza. Con la riapertura degli stati, tuttavia, un numero sempre maggiore di acquirenti è chiaramente pronto a uscire. Mike Elmers, che è andato in tournée a casa di Atlanta con sua moglie Anna. “Non puoi avere un’impressione da una macchina fotografica, come questa casa è davvero bella, e ci sono così tanti aspetti che non ti renderesti conto se non stessi effettivamente visualizzando la casa di persona.”

Anna ha aggiunto, “Stiamo facendo i passi giusti per indossare maschere e sicuramente distanza sociale.”

Articolo originale di CNBC