giovedì 06 maggio 2021

Quando le piattaforme combattono per l'accesso, i consumatori sono quelli che perdono

Cosa succede quando l’hardware di streaming più popolare perde l’accesso al secondo servizio di streaming TV più popolare? Tutti perdono. Ed è esattamente quello che sta succedendo in questo momento con Google e Roku nell’attuale battibecco su YouTube TV.

Se hai seguito insieme alle notizie dell’ultima settimana, probabilmente hai sentito che Roku e Google hanno litigato per l’accesso a YouTube TV. A partire da ora, le due società non sono in grado di raggiungere un accordo e YouTube TV non è più nel Roku Store. Questo fa schifo.

Al momento della scrittura, Roku è il gadget di streaming più popolare negli Stati Uniti e noi non parliamo nemmeno dei numeri dei bambini qui. Secondo uno studio 2019, Roku è stato installato su 41 milioni di dispositivi, che sostanzialmente fanno impallidire i suoi concorrenti, inclusi Google, Apple e Amazon. Questo probabilmente ha molto a che fare con il numero di TV Roku in circolazione, soprattutto perché è probabilmente la migliore piattaforma integrata che puoi ottenere in una nuova TV oggi.

Anche se la quota di mercato di Roku negli Stati Uniti potrebbe non sorprenderti, il conteggio degli abbonati di YouTube TV potrebbe. Secondo WhatToWatch, YouTube TV è il secondo servizio di streaming TV più popolare con 3 milioni di abbonati attivi a ottobre 2020. È solo secondo a Hulu con Live TV, che ha circa 4 milioni di abbonati attivi.

Perché Roku e Google non sembrano per concordare i termini, Roku ha già rimosso YouTube TV dal suo app store. È importante notare che al momento della scrittura degli abbonati esistenti, ovvero quelli che già pagano per YouTube TVe hanno l’app installata sul proprio Roku -hanno ancora accesso, ma potrebbe anche cambiare.

Ecco dove iniziano le cose per diventare interessante. Come con la maggior parte di questi tipi di discussioni, Google incolpa Roku e Roku incolpa Google. È tutto un mucchio di spazzatura, e alla fine della giornata gli abbonati sono i bambini rimasti sulla scia dei continui battibecchi dei loro genitori.

Certo, può essere drammatico, ma è vero. Roku ha gettato ombra su Google, definendo la società “monopolistica”, “ingiusta” e “anticoncorrenziale”. Google ha risposto rilanciandolo subito a Roku, accusando la società di utilizzare “questi tipi di tattiche nei loro negoziati”, riferendosi a Roku che ha reso pubblica la discussione (e incolpando Google) prima che potesse essere raggiunto un accordo finale.

Questo tipo di faide pubbliche tra aziende non si addice.

Ciò che è buono per l’oca non è sempre buono per il papero Finora ci sono stati più (abbastanza pubblici) avanti e indietro tra le società, e probabilmente non è finita. Roku afferma che Google potrebbe chiedere che tutti gli accessi a YouTube TV vengano rimossi dai dispositivi Roku, il che significa che gli abbonati esistenti non avrebbero nemmeno accesso. Google afferma che “incoraggia Roku a non rimuovere l’app YouTube TV in modo che gli utenti esistenti possano continuare a usufruire del servizio”.

Che casino. Tutti puntano il dito, nessuno sa chi sia davvero la “colpa” qui, e siamo quelli rimasti a chiedersi se avremo accesso al servizio che paghiamo alla fine della giornata.

Ma entrambe le società affermano che una cosa è al centro delle trattative: ciò che è meglio per i loro clienti. Giusto.

Non si tratta di clienti. Si tratta di leva finanziaria, denaro e chi può battere il petto più duramente. Google vuole mostrare i suoi muscoli, come, sai, Google. Ma Roku è un gigante nel suo regno, quindi non si tirerà indietro. A nessuna delle due società frega niente di me o di te, soprattutto perché in entrambi i casi ci resta poca scelta.

Se viene il peggio nel peggiore dei casi e se vuoi mantenere YouTube TV, puoi acquistare tutto il nuovo hardware, il che ti fa schifo. Se vuoi mantenere il tuo hardware, potresti dover trovare un nuovo servizio di streaming, che fa schifo per te. È molto probabile che tu sia atterrato (e bloccato) su YouTube TV a causa di una selezione di canali specifica, che potresti non essere in grado di trovare altrove. E anche se puoi, quanto tempo ci vorrà prima che quel servizio perda l’accesso ai canali perché non riesce a concludere un accordo con una rete? Chissà.

E questo non copre nemmeno le questioni assolutamente stupide che i futuri clienti devono affrontare immediatamente secondo le regole come sono oggi. Stai acquistando un nuovo dispositivo di streaming come abbonato a YouTube TV? Bene, oggi ti perdi alcuni dei migliori streamer di valore.

O sei un utente Roku alla ricerca di un nuovo servizio di streaming TV? È meglio leggere le scritte in piccolo sull’elenco di compatibilità di ogni provider prima di iscriverti.

È solo un sacco di noiosa spazzatura che è rimasta sul cliente.

Un utente su Twitter mi ha fatto notare che Google potrebbe risolvere questo problema “facilmente” offrendo un Chromecast gratuito a abbonati esistenti (sto parafrasando qui). Ma questa è una soluzione TV per un problema molto più grande. Per non parlare del fatto che molti utenti scelgono il proprio hardware e hanno selezionato Roku, potrebbero non voler passare a Chromecast.

In fin dei conti, questa è un’attività ostile agli utenti e rende la scelta tra servizi e dispositivi molto più complicata di quanto dovrebbe essere. Ma non è la prima volta che succede qualcosa del genere, e di certo non sarà l’ultima. Tuttavia, ogni volta, il risultato è sempre lo stesso: il cliente è colui che deve affrontare la ricaduta, ed è semplicemente estenuante.