mercoledì 28 ottobre 2020

Queste sono le tre grandi cose su cui concentrarsi dall’OPEC e dalle riunioni del G-20 nelle prossime 48 ore

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman Al-Saud e il ministro russo dell’energia, Alexander Novak, all’inizio di un OPEC e NON- Riunione OPEC a Vienna, Austria, 6 dicembre 2019.

Leonhard Foeger | Reuters

Ci sono tre grandi cose su cui concentrarsi dall’OPEC e dal G – 20 incontri nel prossimo 48 ore: 1) taglio totale della produzione globale, 2) livelli di produzione di riferimento per tali tagli e 3) la durata di qualsiasi accordo formale.

The Cut Math

Il mondo dovrebbe tagliare un modello senza precedenti 12 milioni a 15 milioni di barili di petrolio al giorno dalla produzione globale. Supponendo che i colloqui non si interrompano, ecco una ripartizione molto semplicistica di come si svolgono i tagli raccolti da una varietà di ricerche:

  • OPEC=da 5 milioni a 6 milioni di barili al giorno
  • Russia=1,5 milioni di barili al giorno
  • US=1,5 barili al giorno, entro pochi mesi
  • Brasile, Canada, Messico=1,2 milioni a 1,5 milioni di barili al giorno
  • Norvegia=250, barili al giorno
  • Altri=1 milione di barili al giorno

Quindi a fine venerdì potrebbe essere presa una varietà di accordi per rimuovere quasi 12 milioni di barili di petrolio dal mercato globale quotidiano.

Ma come ogni cosa con la politica energetica globale, non è così semplice.

Benchmark e quote

Un importante punto critico di qualsiasi accordo OPEC + Russia è da quale livello di produzione hanno origine i tagli sauditi.

La produzione saudita è aumentata negli ultimi due mesi con l’avvio della quota di mercato e della guerra dei prezzi. I sauditi sono disposti a tagliare più di ogni singolo produttore, ma la Russia e l’Iran hanno reso abbastanza chiaro che qualunque taglio provenga dal Regno deve provenire dai livelli di aumento pre-produzione, non dalla produzione attuale. In altre parole, se i sauditi tagliassero, diciamo, 3 milioni di barili al giorno, ciò dovrebbe uscire dal 10 cifra dell’output di milioni, non il più nuovo 12 .5 milioni di livello, perché allora è stato davvero un grosso taglio? Questo dibattito di riferimento sarà probabilmente la chiave all’interno della stanza virtuale.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, tieni presente che non abbiamo un produttore nazionale americano né un OPEC, quindi non c’è modo per noi di assicurare l’OPEC o la G – 20 che qualsiasi taglio può essere garantito. In questo momento è ogni azienda a sé stante nel bacino del Permiano.

Ma ci sono due grandi cose che i leader dell’OPEC guarderanno qui: in primo luogo, il livello di riduzione della spesa in conto capitale di Exxon , Chevron, Occidentale e altri importanti attori sono stati considerevoli, quindi il gruppo sa che la produzione americana cadrà per logoramento naturale e mancanza di nuovi pozzi di perforazione.

Inoltre, la Texas Railroad Commission, l’oscuro tre- organizzazione di persone che regola la produzione petrolifera di quello stato, potrebbe votare aprile 21 per imporre quote di produzione o caps. È un argomento caldo per un altro giorno, ma se l’OPEC ritiene che la commissione voterà per le quote, potrebbe richiedere un altro milione o più di barili dal mercato globale.

Per quanto tempo

Forse anche più vitale delle dimensioni del taglio di output è la lunghezza di qualsiasi affare fatto. Il mondo è sovralimentato da 25 milioni a 30 milioni di barili al giorno di petrolio. Quindi qualunque cosa accada all’OPEC e alla G – 20 non sarà sufficiente per bilanciare mercato. L’obiettivo è solo quello di ridurre al minimo il danno fino a quando il mondo può rimettersi in piedi economico.

Un extra 30 milioni di barili di petrolio galleggiante in tutto il mondo (letteralmente, ora, sulle navi) potrebbe crescere fino a 2,7 miliardi di barili nei prossimi tre mesi. Ciò sopraffarrebbe completamente lo stoccaggio globale e il petrolio potrebbe rapidamente scivolare a prezzi a una cifra.

Prendere 15 milioni di barili al giorno da quella fornitura taglia 1. 35 miliardi di barili da quei totali nei prossimi giorni 90 e rende un po ‘più semplice la gestione di tale archiviazione, con la speranza che le economie di tutto il mondo inizino a riprendersi prima o poi e la domanda riprenda a salire. Più a lungo un affare, meglio o i mercati possono semplicemente decidere che il percorso di minor resistenza per i prezzi è nuovamente in calo.

Articolo originale di CNBC