venerdì 30 ottobre 2020

Questi newyorkesi avrebbero dovuto aprire un ristorante a marzo, poi il colpo di pandemia del coronavirus

Dopo quasi tre anni di corsa con Yumpling, il famoso food truck di New York City, i fondatori Christopher Yu, Jeffrey Fann e Howard Jeon hanno deciso di espandere la propria attività e aprire un ristorante nel Queens, a New York, questa primavera.

Lo spot taiwanese-americano avrebbe dovuto aprire a novembre 2019, ma una battuta d’arresto durante la costruzione del ristorante ha spinto indietro la data di inizio a marzo 17, 2020.

“Fino alla fine di febbraio, eravamo piuttosto estasiati perché la nostra costruzione per il ristorante era finalmente terminata”, Jeon dice a CNBC Make It . Più si avvicinavano al giorno di apertura, tuttavia, più la pandemia di coronavirus si intensificava.

A marzo 12, il sindaco Bill de Blasio ha dichiarato stato di emergenza a New York, e bar e ristoranti sono stati incaricati di dimezzare la loro capienza. Entro marzo 15, De Blasio annunciò che i ristoranti sarebbero stati limitati al solo servizio di asporto e consegna.

I co-fondatori di Yumpling: Christopher Yu, Jeffrey Fann e Howard Jeon

Fonte: Yumpling

Più o meno allo stesso tempo, lo Yumpling co- i proprietari hanno visto un forte calo delle vendite dal loro camion di cibo, che serve il pranzo a Manhattan e Brooklyn da 11: 30 am to 2: 30 pm ogni giorno della settimana.

Prima della pandemia, passavano fino a 1, 800 e aiutavano circa 300 clienti durante il turno di tre ore. Venerdì, marzo 13, hanno venduto circa 150 gnocchi e servito meno di 50 clienti. I loro sei membri dello staff, che sono abituati a lavorare a tutta velocità per soddisfare gli ordini della fedele folla del pranzo, che si allineano costantemente per scodelle di manzo e sandwich di pollo fritto prima ancora che la finestra si apra, sono rimasti inattivi.

La recessione non è stata graduale, ricorda Jeon. “È stato abbastanza normale fino a venerdì – e poi è caduto come un matto”, dice. “Fino ad allora, non avevamo davvero idea di quanto fosse grave.”

Meno di una settimana dopo, hanno smesso di spedire il camion. Con la maggior parte dei newyorkesi che lavorano da casa, non avrebbero abbastanza clienti per stare al passo con le spese.

Era abbastanza normale fino a venerdì, marzo 13 – e poi è caduto come un matto. Fino ad allora, non avevamo davvero idea di quanto fosse grave.

Howard Jeon

Co-fondatore di Yumpling

Per quanto riguarda il ristorante, “il nostro tempismo era piuttosto terribile “, dice Jeon. “Il nostro build-out è completo, abbiamo investito denaro in inventario, abbiamo formato il nostro personale – ma ora non siamo in grado di aprire.”

A complicare ulteriormente la loro situazione è il tipo di cucina Yumpling serve, dice. “Una delle grandi cose negative per noi in questo momento è che siamo un ristorante taiwanese. Poiché il coronavirus è nato in Cina, molte persone sono diffidenti nei confronti del cibo asiatico e delle imprese asiatiche.”

Dopo aver eseguito i numeri, hanno deciso di non offrire asporto e consegna. “Probabilmente ci costerebbe più denaro per farlo che non fare assolutamente nulla perché dovremmo assumere almeno un personale parziale, oltre a dover pagare una commissione alle società di consegna”, afferma Jeon. “Questo, combinato con il fatto che siamo un ristorante asiatico, non siamo sicuri di poter raggiungere quel punto di pareggio proprio ora con questo clima.”

Yumpling parcheggiato su 49 th street tra 6th e 7th avenue in midtown Manhattan

Fonte: Yumpling

Attualmente non hanno clienti e molte spese, la più grande è l’affitto dello spazio del ristorante. Sono stati in grado di mantenere la maggior parte dei loro dipendenti sui salari fino alla fine di marzo, ma ora “tutti sono in disoccupazione fino a quando non potremo ricominciare da capo”, dice Jeon. Sta cercando di aiutare il suo staff il più possibile inviando loro informazioni sulle sovvenzioni per i lavoratori dell’industria alimentare e qualsiasi risorsa di assistenza finanziaria là fuori.

Nessuno dei tre co-fondatori sta guadagnando nulla , o. “Fino all’apertura del ristorante, noi tre siamo un po ‘senza lavoro”, afferma Jeon. “In questo momento stiamo vivendo dei risparmi personali.”

Fino all’apertura del ristorante, noi tre sono un po ‘senza lavoro. In questo momento stiamo semplicemente vivendo di risparmi personali.

Howard Jeon

Yumpling co-fondatore

Le loro opzioni sono desolate. “Abbiamo fatto domanda per tutto ciò che è attualmente offerto dal pacchetto di stimolo”, afferma Jeon, incluso il programma di protezione dello stipendio, che fornisce fino a $ 10 milioni di prestiti perdonabili alle piccole imprese colpite dai coronaviurs.

Tuttavia, come molte piccole imprese, Yumpling non ha ricevuto denaro dall’iniziale round di finanziamento del PPP, conclusosi ad aprile 16. Il Senato ha approvato un ulteriore $ 310 miliardi per il PPP, ma quel denaro è probabilmente già esaurito.

I co-fondatori di Yumpling hanno anche richiesto prestiti a basso interesse separati dai prestiti di incentivazione, ma non hanno avuto fortuna. “Quasi tutte le aziende chiedono prestiti in questo momento, quindi non ci resta che attendere che le banche tornino da noi”, afferma Jeon. “Ci vuole un’eternità per ottenere qualsiasi tipo di risposta dalle principali banche, principalmente perché sono incentivati ​​a dare la priorità ai loro maggiori clienti.”

Inoltre, il prestito a basso interesse è solo un’opzione per il camion del cibo, dice Jeon. “Per il nostro ristorante, non ci saranno finanziatori disposti a prestare denaro perché non è stato ancora aperto e non ha vendite da segnalare. Dal punto di vista del finanziatore, presterebbero denaro a un’azienda che ha solo debiti sui libri. Questo è probabilmente il caso di tutte le nuove imprese che avrebbero dovuto aprire all’inizio di quest’anno. “

Quasi tutte le aziende chiedono prestiti in questo momento, quindi non ci resta che attendere che le banche tornino da noi.

Howard Jeon

Co-fondatore di Yumpling

Se potrebbe tornare indietro e darsi un consiglio di affari prima della pandemia, sottolineerebbe l’importanza di avere un grosso cuscino di cassa: “Quando stai mettendo in bilancio i soldi per iniziare una nuova attività, una delle cose più importanti per le quali è il capitale circolante, vale a dire un po ‘di denaro messo da parte per i primi mesi di attività, quando gli affari dovrebbero essere lenti o in caso di ritardo. “

Nel ristorante ind di solito, il minimo assoluto che dovresti mettere da parte è di tre mesi di spese, dice. A un certo punto avevano abbastanza denaro per coprire le spese per sei mesi, ma hanno esaurito la maggior parte di quei soldi durante il ritardo di quattro mesi che hanno subito durante la ricostruzione.

Non fa mai male giocare al sicuro, dice Jeon. “Una cosa che avrei fatto diversamente sarebbe stata preventivata 12 mesi di capitale circolante prima di assumere questo progetto, quindi non saremmo in gravi difficoltà come lo siamo ora “, afferma.

Nel frattempo, lui e i suoi co-fondatori stanno cercando di rimanere positivi. “Finché possiamo sopravvivere a questa situazione in questo momento, siamo abbastanza fiduciosi che il ristorante andrà bene”, dice. “Se avremo un successo simile al successo che abbiamo avuto con il food truck, speriamo che andrà bene, ma è un grande se. Nessuno sa per quanto tempo continuerà.”

Da non perdere: Un giorno nella vita di un proprietario di camion di cibo di New York che è a 12: 30 sono per parcheggiare e dorme al posto di guida durante la notte

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbero farti guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Articolo originale di CNBC