lunedì 26 luglio 2021

Questo è ciò che gli investitori ricchi stavano facendo con i loro contanti mentre il mercato precipitava

Gli investitori ultra facoltosi erano grandi acquirenti e venditori di titoli a fine marzo e inizio aprile, suggerendo che le oscillazioni del mercato selvaggio causate da la pandemia di coronavirus hanno creato opportunità per coloro che hanno contanti pronti.

Investitori con almeno $ 15 milioni di attività investibili erano quattro o cinque volte più probabilità rispetto ad altri investitori di acquistare e vendere azioni tra metà marzo e la prima settimana di aprile, secondo un sondaggio di Spectrem Group, una società di ricerca patrimoniale.

Completamente 37% di ricchi gli investitori hanno acquistato azioni durante il periodo di tre settimane che includeva il fondo del mercato più recente a marzo 23. Quasi la metà – o 48% – scorte vendute nello stesso periodo.

Di confronto, solo il 7% degli investitori meno abbienti – quelli con $ 100, 000 a $ 500, 000 in attività investibili – azioni acquistate durante il periodo di tre settimane. E solo il 9% ha venduto azioni, mentre 80% non ha apportato alcuna modifica.

Il trading attivo, e in particolare l’acquisto, da parte dei ricchi fa eco a una delle più grandi lezioni di investimento della crisi 2009. Mentre molti investitori individuali hanno venduto titoli azionari in 2008 e all’inizio 2009 perché non potevano più sopportare le perdite, gli investitori più ricchi sono stati scambiati molto più attivamente, con molti acquisti da inizio a metà – 2009 a seguito di stimoli monetari e fiscali. Di conseguenza, i ricchi investitori che hanno mantenuto o aumentato la propria esposizione ai titoli hanno finito per recuperare la propria ricchezza molto più rapidamente di quelli che si erano salvati dal mercato.

“Simile al azioni di investimento intraprese durante la crisi economica, gli investitori più ricchi considerano l’attuale volatilità del mercato come un’opportunità per trarre vantaggio dai livelli di mercato più bassi per acquistare azioni “, ha affermato George Walper, presidente di Spectrem.

Nell’attuale crisi, la pandemia di coronavirus ha messo a dura prova l’economia mentre le persone si rifugiano sul posto per aiutare a prevenire la diffusione di Covid – 19. A livello globale, ci sono stati più di 2,4 milioni di casi, con almeno 168, 500 morti , secondo i dati compilati dalla Johns Hopkins University.

Rischiando di più, i ricchi può anche perdere di più, almeno a breve termine. Completamente 30% di investitori con $ 15 milioni o più hanno dichiarato di aver “perso una quantità significativa” del loro patrimonio netto e 44% ha dichiarato di aver perso “un discreto importo”. Tra gli investitori benestanti – o quelli con tra $ 100, 000 e $ 500, 000 – solo 22% ha dichiarato di aver perso “importi significativi” e 27% perso “un importo equo. “

Anche gli investitori ricchi e ricchi stanno caricando in contanti. Investitori con $ 100, 000 o più in attività investibili ora hanno 32% dei loro portafogli in contanti – il livello più alto dal 2009, ha detto Walper. Gli investitori con $ 15 milioni o più hanno le loro maggiori disponibilità liquide dal 2008.

Walper ha detto che le forti disponibilità in contanti suggeriscono probabilmente che gli investitori si aspettano un altro downmarket per prezzi di acquisto più interessanti – o che semplicemente desidera un maggiore cuscinetto in contanti per un mercato prolungato e una recessione economica.

La maggior parte degli investitori con $ 100, 000 o più si aspettano che i mercati non si riprendano prima della crisi livelli prima delle elezioni di novembre, secondo il sondaggio.

Correzione. George Walper è presidente del gruppo Spectrem. Una versione precedente ha errato il suo nome.

Articolo originale di CNBC