sabato 31 ottobre 2020

Questo veterano gestore degli investimenti si sta preparando per una recessione indotta dal coronavirus. Ecco il suo piano di gioco

Gli Stati Uniti dal 4 marzo hanno 148 casi confermati di coronavirus COVID- 19, ma perché le persone possono ospitare il virus per settimane senza mostrare sintomi e poiché i test statunitensi sono stati inadeguati, esiste un rischio sostanziale che il virus si stia già diffondendo ampiamente in tutto il paese.

Tuttavia gli Stati Uniti e il resto del mondo sono tutt’altro che inadempienti il virus. I governi stanno limitando i viaggi da paesi colpiti da virus e mettendo in quarantena persone che potrebbero essere state esposte. Le aziende stanno limitando i viaggi d’affari. Le persone rimandano le vacanze. Sospetto che inizieremo a vedere le cancellazioni di grandi eventi pubblici. A differenza della Cina, gli Stati Uniti hanno avuto un tempo di anticipo per consentire al nostro governo e al sistema sanitario di preparare una risposta.

Chiaramente, il coronavirus renderà la nostra vita tutt’altro che normale per un periodo di tempo, e i media amplificheranno questo. Questo ci porta a un’economia non così normale.

      

Hit economico

Cominciamo con la Cina, l’epicentro della crisi. L’impatto della Cina sarà duplice, in quanto consumatore di beni di fabbricazione americana e produttore nel mondo. Il consumo cinese di beni esteri diminuirà sicuramente, influenzando alcune aziende più di altre (ad esempio, le vendite di auto sono diminuite 92% a febbraio). Da un punto di vista generale, le esportazioni statunitensi verso la Cina ammontano a ($ circa $ 100 miliardo – un brufolo sul $ 21 trilioni di economie statunitensi che potrebbero radere alcuni punti base della crescita del PIL USA.

             

Un impatto maggiore si avvertirà dall’interruzione della produzione cinese. Le città in quarantena, le fabbriche chiuse e le restrizioni sui viaggi hanno avuto un impatto sulla produzione cinese. La Cina ha riportato uno dei peggiori numeri di produzione di febbraio nella storia di questo numero che viene raccolto in Cina – anche peggio che nelle profondità del Grande Recessione. Gli Stati Uniti importano circa $ 350 miliardi di beni dalla Cina, che da sola è non un numero paralizzante. Ma gran parte di questa cifra commerciale riflette i componenti che la Cina produce per i prodotti di consumo. Se ti manca un componente $ 10 che va in macchina, non puoi vendere $ 30, 000 macchina.

      

La catena di approvvigionamento globale è stata ottimizzata per l’efficienza just-in-time (ovvero i costi), non per la resilienza (shock). Se la crisi del coronavirus continua per un periodo di tempo prolungato, colpirà sicuramente l’economia globale a medio termine e la Cina a lungo termine. Il governo cinese deve fare una scelta: mantenere il blocco e contenere il virus ma minare il suo status di produttore nel mondo, rischiando un esodo a lungo termine della produzione. O revoca le restrizioni di viaggio e rimanda le persone al lavoro, rischiando un’ulteriore diffusione del virus, portando a più persone malate, più arresti e più vite perse. Nel bene e nel male, quest’ultimo percorso sembra essere quello che il governo cinese sta prendendo ora – le persone stanno tornando al lavoro.

      

È difficile conoscere l’impatto delle interruzioni dell’offerta, ma da sole potrebbero rallentare ulteriormente la crescita economica degli Stati Uniti e forse anche mandare il paese in una leggera recessione. Sarei sorpreso se le aziende non aumentassero semipermanentemente i livelli di inventario e diversificassero le catene di approvvigionamento dalla Cina. L’aumento delle scorte in realtà aumenterà, almeno temporaneamente, la crescita del PIL degli Stati Uniti. Inoltre, le perdite cinesi sono un’opportunità per altri paesi di fornire la necessaria diversità della catena di approvvigionamento: il Vietnam; L’India e anche gli Stati Uniti, per esempio.

      

Ora che il coronavirus è arrivato nel resto del mondo, i governi e le persone stanno reagendo in modo esagerato. Va bene in risposta a un virus altamente contagioso che si diffonde con una progressione geometrica. Vuoi che le persone reagiscano in modo eccessivo e reagiscano in modo precoce – il costo della reazione insufficiente è semplicemente troppo grande. Meno persone interagiscono tra loro, meno si diffonde il virus. La prima e più ovvia vittima sarà l’industria dei viaggi – compagnie aeree, hotel, agenzie di viaggio – e quindi avrà un impatto su ristoranti, concerti e eventi sportivi. Le persone telelavoreranno di più.

      

Non so per quanto tempo persisterà questo virus, ma si estinguono naturalmente. Ma se gli Stati Uniti entrano in un blocco, sarà solo una questione di tempo prima che entriamo in recessione. In verità, l’economia degli Stati Uniti è in ritardo per la recessione; non ce n’è stato uno in 11 anni . Le recessioni non sono la fine del mondo; sono un processo naturale, proprio come un incendio boschivo che pulisce il legno morto. Le recessioni sono positive per l’economia a lungo termine, sebbene a breve termine sia doloroso, non solo per gli investitori ma anche per le persone che vengono licenziate. Ma come il virus che l’ha causato, le recessioni terminano e il mondo continua.

      

Come investire

Non pensiamo che il coronavirus ci riporti all’età della pietra. Pensiamo che il coronavirus sia molto probabilmente un virus che induce la recessione, con le sue caratteristiche uniche e titoli extra-spaventosi. Ma nonostante tutta l’incertezza e la sofferenza umana, è probabile che le conseguenze finanziarie assomiglino a quelle di una recessione moderata (maggiore disoccupazione, minori guadagni).

      

Leggere: Perché la Fed ha tagliato: il coronavirus punta alla spesa dei consumatori, il cuore dell’economia americana

      

Leggi anche: Le aziende rivolte ai consumatori saranno i primi a colpire se il coronavirus si diffonde negli Stati Uniti

      

Non so cosa farei se possedessi un sacco di fondi di indici azionari. Il mercato è costoso e la strada da percorrere per uno stock medio (sopravvalutato) è tutt’altro che eccitante. Per i nostri clienti abbiamo creato un portafoglio per tutti i terreni di aziende di qualità con bilanci solidi, fossati protettivi, parte superiore gestione e ricavi ricorrenti. Molte delle nostre società pagano dividendi significativi e la maggior parte sono non cicliche (non saranno influenzate dalla recessione). Sopravviveranno e si adopereranno indipendentemente da ciò che il virus gli lancia. Abbiamo molti soldi e abbiamo messo siepi sui portafogli dove è possibile.

      

In effetti, questo è un buon momento per te per rivisitare i “Sei comandamenti dell’investimento di valore”, un capitolo del libro su cui mi piacerebbe lavorare ma non lo sono. Descrive i principi dell’investimento di valore e fornisce una panoramica del nostro processo di investimento. Puoi leggerlo qui o puoi ascoltarlo Qui. Inoltre, ricorda che i prezzi quotati che vedi per le tue azioni non sono un giudizio definitivo del loro valore, ma un parere temporaneo di Mr. Market.

      

Infine, mi è stato chiesto se la mia azienda ha fatto o farà qualcosa di diverso a causa del coronavirus. Ecco l’unica cosa che abbiamo fatto: quando era evidente che il virus sarebbe arrivato negli Stati Uniti, abbiamo venduto alcuni titoli (in alcuni conti) che erano molto vicini al loro valore equo. Questo è stato.

      

Non ci sentiamo spinti a fare altro. Più siamo razionali, migliori saranno le decisioni che prenderemo; quindi continueremo a seguire il nostro processo. Continueremo a identificare spassionatamente le aziende di alta qualità, a valutarle e a capire di quale margine di sicurezza (sconto) abbiamo bisogno. Potremmo apportare piccole modifiche tattiche al nostro processo di acquisto. Compreremo in piccoli incrementi. Invece di costruire una posizione attraverso uno o due acquisti, acquisteremo in dimensioni inferiori, poiché l’incertezza indotta dal virus può comportare una maggiore volatilità e quindi migliori occasioni.

      

Durante le crisi di mercato e i crolli, le emozioni possono iniziare a influire sul tuo orizzonte temporale – è molto umano. Durante uno scioglimento del mercato, l’orizzonte temporale si estende da cinque anni a 02 a per sempre, mentre durante i crolli si riduce a mesi e poi settimane. Con ogni decisione di investimento che prendiamo, cerchiamo cinque 10 anni fuori. Questo orizzonte temporale è profondamente integrato nel nostro processo di investimento e riteniamo che questo sia l’unico modo per investire. Quando guardiamo oltre la (eventualmente) conseguente recessione, la visione è incredibilmente liberatoria.

      

È possibile e persino probabile che i titoli peggiorino prima che migliorino, ma qualsiasi crisi economica negli Stati Uniti probabilmente non assomiglierà in alcun modo alla Cina e questo virus alla fine si estinguerà. Questo è ciò che fanno i virus.

      

Il nostro obiettivo finale è continuare a tenere sotto controllo le nostre emozioni (paura e avidità) e rimanere il più razionali possibile, anche quando il mondo che ci circonda è tutt’altro.

      

Ultime notizie: Ricevi le ultime notizie su coronavirus qui.

      

Quindi, come si fa a investire in questo mercato sopravvalutato? La nostra strategia è spiegata in questo articolo abbastanza lungo.

      

Vitaliy Katsenelson è Chief Investment Officer presso Investment Management Associates a Denver. È autore di “The Little Book of Sideways Markets” (Wiley).

      

Leggere: Ecco cosa dice la storia sull’andamento del mercato azionario in casi passati in cui la Fed offre un taglio di tasso di interesse di emergenza

      

Di Più: I dirigenti stanno acquistando le scorte delle loro stesse società – ecco nove con grandi acquisti

              

Articolo originale di Marketwatch.com