giovedì 25 febbraio 2021

Ray Dalio sull’effetto Covid-19: riconsidereremo come “dividere la torta” e “ci sono ragioni per cui non andrà bene per i capitalisti”

Il presidente Donald Trump e la sua amministrazione sono fiduciosi che l’economia americana rimbalzerà rapidamente dopo che la pandemia di coronavirus è contenuta – ma alcuni esperti non ne sono così sicuri.

Conta il miliardario Ray Dalio degli hedge fund tra gli scettici. “Non torneremo alla normalità”, Dalio dice a CNBC Make It.

Ma ha anche speranza. “Presto riconsidereremo come divideremo la torta e ci sono ragioni per cui non andrà bene per i capitalisti”, dice Dalio.

Il parallelo più vicino è la Grande Depressione

Dalio vede il parallelo più vicino all’attuale situazione economica mondiale come la Grande Depressione, che è durata da 1929 anche nella 1930 s, ed è considerata la peggiore crisi economica della storia americana.

Proprio come con la Grande Depressione, Dalio prevede che l’imminente recessione richiederà un periodo di recupero che potrebbe durare diversi anni, anche fino a cinque anni, dice.

“Pensa al virus come a uno tsunami che entra”, dice Dalio. “E se scompare completamente e non lo vediamo mai più, produrrà comunque danni, danni finanziari … redditi persi, bilanci feriti, ristrutturazioni che devono aver luogo. In modo da impedire il recupero “.

Dalio stava effettivamente suonando l’allarme sulla traiettoria dell’economia molto prima che l’attuale pandemia scuotesse i mercati globali e mettesse senza lavoro decine di milioni di persone. Dalio ha avvertito di un’imminente recessione in 2020 già a gennaio 2019 e, a quel tempo, indicò varie bandiere rosse economiche che crede ancora ricordino il periodo che includeva la Grande Depressione e il 1930 s.

Ci sono “circostanze che esistevano prima di questa crisi che esisteva [then]”, dice Dalio, che ha reso l’economia particolarmente vulnerabile. Tali circostanze includono i grandi debiti del paese, la grande ricchezza e le lacune politiche e il conflitto degli Stati Uniti con la Cina come potenza emergente, solo per citarne alcuni.

“Se non ci fosse questo [pandemic] ci sarebbe stata una recessione ad un certo punto”, dice.

Primo, punti Dalio al fatto che gli Stati Uniti avevano già tassi di interesse molto bassi. Poiché la Federal Reserve non è in grado di abbassare molto di più i tassi di interesse, l’efficacia della banca centrale è stata limitata in termini di rilancio dell’economia come nelle recessioni precedenti, tra cui 2008, dice Dalio.

Quella relativa inefficacia della Fed ricorda la Grande Depressione, dice Dalio, quando molti economisti ritengono che la banca centrale non sia riuscita a contrastare il diffuso collasso bancario che è seguito al crollo del mercato azionario 1929. Invece, la conseguente stretta creditizia ha reso quasi impossibile per le aziende e gli imprenditori prendere in prestito denaro e la recessione ha continuato a diventare una vera e propria depressione.

Dalio vede anche somiglianze tra il crescente carico di debito degli Stati Uniti e anche la 1930, quando il passaggio del presidente Franklin D Il New Deal di Roosevelt ha aiutato a gonfiare il debito del paese per raggiungere livelli record durante il decennio che ha preceduto la seconda guerra mondiale.

Ha anche paragonato le azioni di Roosevelt in 1933 alla decisione del governo USA dello scorso aprile di inviare controlli di stimolo ai cittadini, nonché il piano della Fed a iniettare fino a $ 2,3 trilioni nell’economia attraverso programmi di prestiti alle imprese e piani di acquisto di obbligazioni societarie.

“Il governo ha annunciato che avrebbe dato quegli assegni a tutte quelle persone. E la banca centrale ha annunciato che avrebbe stampato denaro e acquistato beni finanziari. Ed è lo stesso tipo di mossa [as 1933] “, dice Dalio.

(Per quel che vale, un gruppo di economisti della Harvard Business Review sostiene che l’iniezione di capitale nell’economia sotto forma di mosse della Fed e del CARES Act, come al contrario di quello che la banca centrale fece negli anni ’30, eviterà di affondare il paese in un depressione.)

Non è un caso che Dalio veda delle somiglianze tra il sorgere livelli di debito negli Stati Uniti e nel debito post-depressione dell’era, tuttavia. Con gli Stati Uniti che prenderanno in prestito un record di $ 3 trilioni di dollari in questo trimestre per aiutare l’economia, il debito nazionale arriva a circa $ 25 trilioni, che hanno spinto il deficit federale a livelli non visti dalla seconda guerra mondiale.

Gli economisti hanno avvertito che tale ingenti livelli di debito renderanno solo più difficile per il Paese uscire da una recessione.

Nel frattempo, l’impatto stimato della chiusura del coronavirus sull’economia americana sta diventando più chiara man mano che vengono rivelati nuovi dati economici. Ad aprile, gli economisti di JPMorgan hanno pubblicato una terribile previsione che prevede un calo 40% del prodotto interno lordo degli Stati Uniti per l’attuale trimestre, che ricorderebbe anche la Grande Depressione, quando il PIL è diminuito di quasi 30 %.

Altre stime prevedono che l’economia americana potrebbe perdere 47 milioni di posti di lavoro, portando il tasso di disoccupazione a 32% (il tasso raggiunto il picco a quasi 25% durante la Grande Depressione, e intorno 10% durante l’ultima recessione, in 2009). Il tasso di disoccupazione del paese è già salito a 14. 7% ad aprile e disoccupati settimanali affermazioni mostrano che più di 36 milioni di americani hanno già presentato domanda di assicurazione di disoccupazione nelle ultime otto settimane.

Quanto potrebbe andare male

Mentre la Grande Depressione è durata per diversi anni, Dalio ha sostenuto che l’attuale recessione potrebbe essere “relativamente breve” in confronto, ma la ripresa periodo – quanto tempo impiega l’economia a ritornare alla sua traiettoria di crescita precedente – potrebbe richiedere “tre, quattro o cinque anni”, afferma.

E ci sono ancora motivi per essere ottimisti sul fatto che gli effetti di questa recessione sull’individuo medio non saranno così terribili come durante la Grande Depressione, gli economisti hanno notato, quando la vista di linee di pane piene di persone affamate era comune e familiare accampamenti eless, alias “Hoovervilles”, spuntarono in tutto il paese.

Ad esempio, anche con il numero di disoccupazione impennata, alcune aziende e industrie hanno imperniato per continuare a lavorare e settori come la salute e il commercio elettronico stanno ancora assumendo e le agenzie di personale si aspettano che più aziende inizieranno ad aggiungere nuovi posti di lavoro una volta che la produzione inizierà a riaprire in tutto il paese.

Forse, soprattutto, ci sono numerosi programmi di reti di sicurezza sociale che esistono oggi, per quanto imperfetti, come l’assicurazione contro la disoccupazione, buoni alimentari e previdenza sociale, che non esistevano ancora durante la Grande Depressione e che dovrebbero aiutare molti americani rimangono a galla anche durante una grave recessione. (E alcuni esperti di politica hanno sostenuto che l’attuale crisi offre l’opportunità di rafforzare ulteriormente alcuni di quei programmi esistenti.) L’ex presidente della Federal Reserve Ben Bernanke ha dichiarato al Wall Street Journal che, sebbene l’attuale crisi possa essere dolorosa, dovrebbe essere più breve della Grande Depressione.

“Molte persone soffrono ora e l’economia non si riprenderà in solo un quarto o due” Bernanke ha detto. “Ma se siamo in grado di ottenere un ragionevole controllo del virus, l’economia si riprenderà sostanzialmente e questa recessione dovrebbe essere molto più breve della Grande Depressione.”

Un catalizzatore per il cambiamento

Nel frattempo, Dalio è ottimista per il futuro.

Ha detto che questa recessione si tradurrà in una grande ristrutturazione del economia, simile a ciò che accadde dopo la Grande Depressione, quando l’americano come superpotenza si alzò sulla scia della seconda guerra mondiale e il New Deal di Roosevelt contribuì a distribuire la ricchezza in modo più equo.

Sulla scia dell’attuale recessione, Dalio, che ha scritto un libro imminente su questo argomento intitolato “L’ordine mondiale mutevole”, si aspetta un “riordino” che vedrà una maggiore conversazione e azione su questioni come affrontare la ricchezza gap, tasse sulle società, assistenza sanitaria e persino le relazioni statunitensi con potenze emergenti come la Cina.

Come risultato di questa esperienza, oon “stiamo per dire: ‘Come dividi la ricchezza? Chi deve quale parte del conto? Che cosa significherà per l’assistenza sanitaria? Che cosa significherà per le tasse? “” Dalio dice.

“Mi aspetterei che molti dei fattori che supportano i prezzi non lo faranno essere intorno. Ad esempio, mi aspetto di vedere aumentare le tasse sulle società e diminuire i riacquisti e le acquisizioni delle società. “

Mentre ciò che effettivamente accadrà su questi fronti probabilmente dipenderà in gran parte sul clima politico in America e su quali leader sono al potere in seguito alla crisi del coronavirus, Dalio almeno sente che la recessione alimenterà una conversazione più solida che potrebbe benissimo portare a costi sanitari più bassi, salari più alti e tasse più alte per le società.

Dalio ha anche affermato di ritenere che le persone dovrebbero essere “molto entusiaste del nuovo futuro”, sostenendo che la ristrutturazione e la “riflessione” forzate da questo la recessione porterà anche all’innovazione in settori come la tecnologia e la rivoluzione digitale, anche in termini di come le persone lavorano e interagiscono.

“Ogni settore è essere interrotto “, dice Dalio.

Dice che l’intelligenza artificiale e la rivoluzione dei dati, in particolare, creeranno molte opportunità future, sia per gli innovatori wh o può trovare nuovi modi per implementare quella tecnologia, così come i leader del settore che sono pronti ad abbracciare la nuova tecnologia.

“Siamo nelle prime fasi di una rivoluzione del pensiero “, dice a CNBC Make It.

Il prossimo processo di ristrutturazione sarà difficile, dice Dalio, ma quello il mondo ha già attraversato periodi simili in precedenza.

Nel lungo periodo, questa recessione finirà per essere poco più che un blip rispetto al complesso crescita economica nel corso di decenni, dice. Tuttavia, molte persone dovrebbero soffrire per un lungo periodo in cui potrebbe essere difficile trovare un lavoro e i salari potrebbero cadere, prima che l’economia si riprenda completamente.

“Quando guardi il PIL pro capite nel tempo, sembra quasi una linea retta. E, tutti questi grandi [downturns] che stiamo guardando da vicino in realtà difficilmente si presentano in quella linea, perché la forza maggiore è l’adattabilità umana e l’inventiva “, ha aggiunto Dalio.

“Sono infelici, [but] li superiamo in un certo numero di anni.”

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbero farti guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Da non perdere:

Ray Dalio predice una depressione coronavirus: ‘Questo è più grande di quello che è successo in 2008 ‘

Il miliardario Ray Dalio dice coronavirus segna l’inizio di un “nuovo futuro”

Ti piace questa storia ? Iscriviti a CNBC Make It su YouTube!

Articolo originale di Cnbc.com