giovedì 06 maggio 2021

Record di fallimenti di Stato nel 2020, colpa del Covid

AGI – Nel 2020 sono sei i Paesi che hanno dichiarato fallimento soprattutto per ‘colpa’ del Covid. Si tratta di un livello record per le insolvenze sovrane. Lo rivela Standard & Poor’s Global Rating, secondo la quale è capitato sette volte l’anno scorso che un governo non è stato in grado di onorare i suoi debiti. A fare default sono stati Argentina, Ecuador, Libano, Zambia, Belize e Suriname (due volte).

Il precedente record delle insolvenze sovrane era stato raggiunto nel 2017, con sei fallimenti. Un default sovrano, a differenza di un fallimento privato, riguarda uno Stato e non una società. S&P nel 2020 ha decretato l’insolvenza sovrana 7 volte, a causa della pandemia e in parte anche per il crollo del prezzo delle materie prime, in primis il petrolio, che comunque sono effetti collaterali del coronavirus, che ha fatto crollare la domanda globale.     

Complessivamente S&P ha decretato 24 insolvenze sovrane nel corso della sua storia, metà delle quali riguardano Paesi che sono andati più volte in default. L’Argentina è fallita 5 volte, il Belize 4 volte, l’Ecuador 2 volte e il Libano, lo Zambia e il Suriname sono tutti falliti nel 2020 per la prima volta (anche se il Suriname ha esordito con una doppietta annuale).

Va anche ricordato che i tagli di rating sovrani da parte di S&P nel 2020 sono stati 26, pari al livello record del 2011 e che attualmente il 60% dei Paesi emergenti hanno un indebitamento a elevato livello di rischio, e cioè ‘non investment grade‘. Il che significa che il record di default sovrano raggiunto nel 2020 potrebbe essere già superato quest’anno.

Ecco nel dettaglio tutti i fallimenti dello scorso anno:

Il Libano è l’unico default non legato al Covid 

L’insolvenza sovrana più drammatica nel 2020 è stata quella del Libano, che poi è

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo