lunedì 30 novembre 2020

Salta l’accordo tra Tiffany e Louis Vuitton

LVMH, il gruppo proprietario di marchi del lusso come Christian Dior, Bulgari, Fendi ed altri, non ha in programma di acquistare azioni Tiffany sul mercato, mettendo così a tacere le voci su una possibile revisione della sua offerta per il marchio di alta gioielleria.

LVMH (LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton SE) lo scorso anno ha raggiunto un accordo per l’acquisto di Tiffany per circa $ 14,7 miliardi. Il gruppo di casa Arnault avrebbe dovuto pagare  135 dollari per azione in contanti.

Tuttavia, anche a causa dell’impatto della pandemia di coronavirus, il prezzo delle azioni di Tiffany è sceso a meno di $ 115. Ciò ha spinto a speculare su una possibile revisione dell’offerta di acquisizione di Tiffany.

Mentre le prospettive di sviluppo per il settore del lusso sono oscurate dalla crisi economica negli Stati Uniti, la riunione del Consiglio di amministrazione di Louis Vuitton di LVMH Moet Hennessy di mercoledì si è concentrata in particolare sullo sviluppo della pandemia e sul suo potenziale impatto sui risultati e sul futuro di Tiffany con riferimento a un accordo di acquisizione tra i due gruppi.

Salta l’accordo tra Tiffany e Louis Vuitton

“Alla luce delle voci che circolano sul mercato, LVMH (MC.PA) conferma a questo proposito che non intende prendere in considerazione l’acquisto di azioni Tiffany sul mercato”, ha affermato il leader mondiale nel settore dei beni di lusso.

Nel marzo dello scorso anno, ha ricordato che, conformemente agli accordi conclusi con Tiffany nel novembre 2019, era vincolato dall’obbligo di non acquistare azioni Tiffany. LVMH è preoccupato per l’impatto della pandemia di coronavirus di Tiffany e delle proteste razziali in corso negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd.

Al momento, alcuni analisti si chiedono se LVMH voglia rivedere il prezzo di acquisto, ma il gruppo francese ha deciso di negare di voler acquistare azioni Tiffany sul mercato.