martedì 15 giugno 2021

Scienza strana: la ricerca mostra che le persone si adattano facilmente a un terzo pollice robotico

Pensi che potresti abituarti a un terzo pollice funzionante? Come in un secondo pollice su una delle tue mani. L’idea sembra assurda, vero? I ricercatori hanno creato una protesi del terzo pollice appendice e ha scoperto rapidamente che il nostro cervello cambia effettivamente per adattarsi ad esso. È selvaggio.

La designer Dani Clode ha originariamente sviluppato il dispositivo del terzo pollice come parte di un progetto di laurea per riformulare il modo in cui le persone vedono le appendici protesiche. Piuttosto che concentrarsi sulla perdita di una parte del corpo umano, il Terzo Pollice rivolge un occhio all’aumento del corpo.

Il professor Tamar Makin, che guida un team di neuroscienziati dell’UCL che studia come il cervello può adattarsi all’aumento del corpo, ha preso nota del dispositivo del terzo pollice e ha chiesto a Clode di unirsi al progetto. Per diversi giorni, i ricercatori hanno addestrato le persone a indossare e utilizzare il terzo pollice per le attività quotidiane, come raccogliere oggetti. Altre persone agivano come gruppo di controllo e indossavano una versione statica del pollice.

Il terzo pollice è un’appendice stampata in 3D che l’utente indossa lateralmente del mignolo; può essere regolato per funzionare con entrambe le mani. Gli utenti controllano il pollice con due sensori sensibili alla pressione collegati alla parte inferiore degli alluci. I sensori si collegano al pollice in modalità wireless e livelli di pressione variabili consentono movimenti diversi.

Con il terzo pollice, i soggetti del test sono stati in grado di svolgere compiti come tenere una tazza con il pollice mentre si mescolava il caffè con la stessa mano. O portare più occhiali di quanti ne avrebbero senza il pollice. Gli utenti hanno imparato rapidamente le attività di base sia nei test di laboratorio che in natura. I soggetti del test hanno anche svolto compiti mentre erano distratti, come spostare i blocchi di costruzione mentre facevano problemi di matematica o indossare una benda.

Sappiamo dalle scansioni che il cervello costruisce una rappresentazione delle singole dita di una mano. I ricercatori hanno scansionato alcuni utenti prima e dopo aver vissuto con il pollice in più, anche confrontando la mano con il pollice con la mano senza. Durante la fMRI, i partecipanti hanno mosso le dita, sebbene non potessero indossare il terzo pollice per motivi di sicurezza.

I ricercatori hanno scoperto che la percezione del cervello di quelle dita cambiava dopo aver indossato e usato il pollice abbastanza a lungo. Mentre prima dell’inizio dello studio, l’attività cerebrale dei soggetti mostrava rappresentazioni distinte delle singole dita, dopo aver lavorato con il terzo pollice quelle rappresentazioni cominciavano a sfocarsi. Dopo una settimana senza il terzo pollice, l’attività cerebrale torna alla normalità, suggerendo che il cambiamento potrebbe essere permanente. Ma senza test a lungo termine, non è chiaro per quanto tempo il cervello potrebbe conservare i cambiamenti.

Inoltre non è chiaro cosa significhi a lungo -aumento del termine dei corpi. Lo studio mostra che il cervello è cambiato e si è adattato a una nuova appendice e in un modo che non vediamo quando si usa un cacciavite o un altro strumento. Ciò potrebbe cambiare il modo in cui affrontiamo le protesi intese a sostituire un arto e solleva domande per l’aumento.

Come il documento di studio ha affermato: “È importante sottolineare, tuttavia, che tale integrazione uomo-robot di successo può avere conseguenze su alcuni aspetti della rappresentazione del corpo e del controllo motorio che devono essere considerati ed esplorati ulteriormente”.

Fonte: Plasticity Lab