Entra in contatto con noi

Lifestyle

Sigarette e bambini: povera materia grigia letteralmente in fumo

Pubblicato

il

I dati di uno studio su bambini americani che hanno iniziato a fumare tra i 9 ei 10 anni sono stati appena pubblicati su Jama Network.

Uno studio scientifico per spiegare i danni

I dati di 11.729 partecipanti (età media 9,9 anni, 52,1% maschi, 52,1% bianchi non ispanici) sono stati raccolti da ottobre 2016 a ottobre 2018, seguiti da un follow-up di 2 anni. Lo studio ha scoperto che l’inizio del consumo di tabacco nella tarda infanzia era associato a una cognizione inferiore e a strutture cerebrali più piccole dopo un periodo di follow-up di soli 2 anni.

L’uso del tabacco è stato valutato utilizzando domande su sigarette elettroniche, sigarette, sigari, tabacco senza fumo, narghilè, pipa e uso sostitutivo della nicotina. I partecipanti che hanno risposto affermativamente a una di queste domande sono stati classificati come utenti abituali.

I consumatori di tabacco molto giovani hanno anche meno vocabolario rispetto ai non utilizzatori, con punteggi significativamente più bassi nel test del vocabolario illustrato sia al basale che al follow-up a 2 anni.

Advertisement

Compromesse anche alcune abilità di apprendimento

Anche i punteggi compositi dell’intelligenza cristallizzata (l’insieme di abilità, strategie e conoscenze che costituiscono il grado di sviluppo cognitivo raggiunto attraverso la storia di apprendimento di una persona) erano significativamente più bassi tra gli utenti al basale e nei 2 anni successivi.

Inoltre, la risonanza magnetica strutturale ha mostrato che i punteggi dell’intero cervello nelle aree corticali erano significativamente più bassi nei forti fumatori.

Il declino dell’area corticale (che continua a crescere nella prima adolescenza) nella corteccia temporale laterale può essere associato a una ridotta funzione del fascicolo  (una connessione neurale nel cervello) e quindi a una ridotta capacità di linguaggio nei bambini consumatori di tabacco.

Studi futuri a lungo termine devono determinare se queste ridotte abilità linguistiche possono essere superate o se sono conseguenze irreversibili del consumo precoce di tabacco.

Advertisement

Fasi di crescita del cervello

I risultati sono clinicamente importanti perché l’infanzia e la prima adolescenza sono una finestra critica per lo sviluppo del cervello.

Diverse parti del cervello umano hanno velocità di sviluppo diverse durante la vita: il volume della materia grigia (il corpo dei neuroni), la sostanza bianca (principalmente le connessioni dei neuroni) o lo spessore della corteccia hanno curve diverse. aumento.

La corteccia prefrontale, ed in particolare la corteccia dorsolaterale, è l’ultima area della corteccia a raggiungere il suo spessore finale intorno ai 30 anni.

Il volume della materia grigia, ad esempio, raggiunge il picco intorno ai sei anni, mentre il volume della sostanza bianca continua ad aumentare fino all’età di 29 anni, dopodiché diminuisce, accelerando (verso il basso) dopo i 50 anni.

Advertisement

Ma in entrambi il tasso di crescita è massimo ben prima dei primi mesi di vita e intorno ai due anni, rispettivamente.

I ricercatori osservano che intorno ai primi mesi di vita (sette), anche il tasso di crescita del volume totale del cervello è massimo, raggiungendo il picco nell’adolescenza (intorno ai 12 anni), in coincidenza con un tasso massimo di aumento di peso e altezza. Mentre lo spessore della crosta è massimo già in 1,7 anni.

Advertisement