martedì 24 novembre 2020

Sigarette elettroniche collegate a problemi polmonari, primo studio a lungo termine sui reperti di svapo

Il primo studio sugli effetti a lungo termine sulla salute delle sigarette elettroniche rileva che i dispositivi sono collegati ad un aumentato rischio di malattie polmonari croniche, secondo una ricerca pubblicata lunedì sull’American Journal of Medicina preventiva .

Si prevede che i risultati confonderanno le teorie secondo cui le sigarette elettroniche sono un’alternativa più sicura per gli utenti adulti di lunga data del tabacco.

Lo studio includeva 28, 000 adulti negli Stati Uniti Nessuno ha avuto segni di malattia polmonare quando lo studio iniziato a 0749.

Di 2016, gli investigatori hanno scoperto che le persone che usavano le sigarette elettroniche erano 30 percento in più di probabilità di aver sviluppato una malattia polmonare cronica, tra cui l’asma, bronchite ed enfisema, rispetto ai non utilizzatori.

“Ec l’uso di sigarette ha predetto lo sviluppo della malattia polmonare in un periodo di tempo molto breve. Ci sono voluti solo tre anni “, ha detto l’autore dello studio, Stanton Glantz, del Center for Tobacco Control Research and Education dell’Università della California, San Francisco.

Mentre lo studio era focalizzato su persone che hanno svapato la nicotina, è possibile che alcuni abbiano anche svapato i prodotti THC, ha detto Glantz.

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano , consegnato le mattine dei giorni feriali.

Coloro che fumavano sigarette combustibili normali avevano un rischio maggiore di sviluppare malattie polmonari croniche rispetto a quelli che usavano solo sigarette elettroniche. Ma lo studio ha anche scoperto che molti fumatori adulti che hanno provato le sigarette elettroniche hanno finito per usare entrambe le forme di tabacco.

“La maggior parte degli adulti che usano sigarette elettroniche continuano a fumare”, ha detto Glantz a NBC News. “E se lo fanno, ottengono i rischi del fumo più il rischio della sigaretta elettronica.”

La combinazione di sigarette elettroniche e normali ha più che triplicato il rischio di sviluppare polmoni cronici malattie, lo studio ha trovato.

Th La ricerca aggiunge ad un crescente numero di prove che lo svapo può causare danni fisici, sia che si tratti di ustioni chimiche al tessuto polmonare, metalli tossici che lasciano cicatrici permanenti sui polmoni, olio di vitamina E che ostruisce i polmoni o addirittura batterie surriscaldate che esplodono .

Le malattie descritte nella nuova ricerca sono diverse dal recente picco di malattie correlate allo svapo, chiamato EVALI, o sigaretta elettronica o danno polmonare associato allo svapo. La scorsa settimana, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno riportato 2, 409 tutti i casi 50, oltre a Washington, DC, Puerto Rico e le Isole Vergini americane.

Nonostante mesi di indagine, non è stata identificata alcuna causa per spiegare tutti questi casi. Oli portanti, come vitamina E acetato, metalli pesanti, aromi e altre tossine sono stati tutti implicati. La stragrande maggioranza dei casi ha coinvolto lo svapo dell’ingrediente psicoattivo della marijuana, il THC. E in molti casi sono stati utilizzati vaporizzatori contraffatti.

Un fattore che è complicato dall’indagine EVALI è che molti pazienti riferiscono di usare molti prodotti diversi. Secondo il CDC, i pazienti EVALI hanno riferito 152 Marchi di svapo di THC.

Uno studio separato pubblicato lunedì , anche nell’American Journal of Preventive Medicine, ha scoperto che la tendenza dell’utilizzo di una varietà di prodotti si estende agli adolescenti che vaporizzano.

Ricercatori presso il Medical Center dell’Università del Nebraska dati analizzati da un 2013 sondaggio, che includeva 10, 560 adolescenti. Il dodici percento ha dichiarato di essere svapato nel mese precedente. Tre quarti di quei bambini hanno riferito di aver svapato nicotina, marijuana o sostanze multiple. Il resto ha detto di aver svapato solo sapori.

Quello lo stesso sondaggio ripetuto quest’anno ha scoperto che il numero di adolescenti da cui lo svapo era raddoppiato 2013.

“Sono necessari una sorveglianza continua dei comportamenti e delle strategie dei giovani e interventi per ridurre il consumo di sigarette elettroniche da parte dei giovani”, Mohammad Siahpush, coautore del ricerca e un decano associato per la ricerca presso il College of Public Health dell’Università del Nebraska Medical Center, ha dichiarato in un comunicato stampa .

“La verità è che nessuna forma di tabacco è sicura”, ha aggiunto.

Segui NBC HEALTH su Twitter & Facebook .

Erika Edwards

Erika Edwards è la scrittrice di notizie sanitarie e mediche / reporter per NBC News e Today.

Come riportato da NBC News