venerdì 23 ottobre 2020

Sindacato del progetto: l’ansia che gli investitori del mercato azionario provano per la pandemia nei mercati non è perfettamente logica, ma è del tutto reale

NEW HAVEN, Conn. ( Project Syndicate ) – Sentiamo gli effetti dell’ansia non di una pandemia ma di due. Innanzitutto, c’è il COVID – 19 pandemia, che ci rende ansiosi perché noi, o le persone che amiamo, in qualsiasi parte del mondo, potremmo presto ammalarci gravemente e persino morire. E, in secondo luogo, c’è una pandemia di ansia per le conseguenze economiche della prima.

Queste due pandemie sono correlate, ma non sono lo stesso fenomeno.

Nella seconda pandemia, le storie di paura sono diventate così virali che spesso le pensiamo costantemente. Il mercato azionario          SPX,          – 1 . %          DJIA,          – 1 . %          Gdow,          – 1 . %       è caduto come una roccia, apparentemente in risposta alle storie di COVID – 19 esaurendo il nostro salvavita a meno che non prendiamo provvedimenti. Ma, a differenza di COVID – 03 stesso, la fonte della nostra ansia è che non siamo sicuri di quale azione intraprendere.

             

Segui le ultime notizie sui mercati su MarketWatch

      

Non è una buona notizia quando due pandemie sono al lavoro contemporaneamente. Uno può nutrire l’altro. La chiusura delle imprese, l’aumento della disoccupazione e la perdita di reddito alimentano l’ansia finanziaria, che a sua volta può scoraggiare le persone, alla disperata ricerca di lavoro, dall’adottare adeguate precauzioni contro la diffusione della malattia.

      

Inoltre, non è una buona notizia quando due contagi sono, in effetti, pandemie globali. Quando un calo della domanda è limitato a un paese, la perdita è parzialmente diffusa all’estero, mentre la domanda per le esportazioni del paese non diminuisce molto. Ma questa volta, quella valvola di sicurezza naturale non funzionerà, perché la recessione minaccia quasi tutti i paesi.

      

L ‘”effetto euristico”

Molte persone sembrano supporre che il l’ansia finanziaria non è altro che un sottoprodotto diretto del COVID – 19 crisi – una reazione perfettamente logica alla pandemia di malattia.

      

Ma l’ansia non è perfettamente logica. La pandemia di ansia finanziaria, che si diffonde attraverso la reazione in preda al panico per la caduta dei prezzi e il cambiamento delle narrazioni, ha una vita propria.

      

Gli effetti dell’ansia finanziaria sul mercato azionario possono essere mediati da un fenomeno che lo psicologo Paul Slovic dell’Università dell’Oregon e i suoi colleghi chiamano l ‘”effetto euristico”. Quando le persone sono emotivamente turbate a causa di un evento tragico, reagiscono con la paura anche in circostanze in cui non c’è motivo di temere.

       

In un documento congiunto con William Goetzmann e Dasol Kim, abbiamo scoperto che i terremoti vicini influenzano il giudizio delle persone sulla probabilità di un 1929 – o 1987 – dimensioni del crollo della borsa. Se al suo interno si verificasse un sostanziale terremoto 19 miglia (48 chilometri) nei giorni precedenti 30, la valutazione degli intervistati sulla probabilità di un incidente è stata significativamente più elevata. Questo è l’effetto euristico sul lavoro.

      

Potrebbe avere più senso aspettarsi un calo del mercato azionario da un’epidemia di malattia che da un recente terremoto, ma forse non un crollo della grandezza visto di recente. Se si credesse ampiamente che un trattamento potrebbe limitare l’intensità del COVID – 19 pandemia per qualche mese, o anche che la pandemia sarebbe durata un anno o due, il che suggerirebbe che il rischio di borsa non è così grande per un lungo periodo investitore. Si potrebbe comprare, trattenere e aspettare.

      

Ma un contagio dell’ansia finanziaria funziona in modo diverso da un contagio della malattia. È alimentato in parte dalla gente che nota la mancanza di fiducia degli altri, che si riflette nelle flessioni dei prezzi e dalla reazione emotiva degli altri alle diminuzioni. Una bolla negativa nel mercato azionario si verifica quando le persone vedono il calo dei prezzi e, cercando di scoprire perché, iniziano ad amplificare storie che spiegano il declino. Quindi, i prezzi scendono nei giorni successivi, e ancora e ancora.

      

Rammarico e paura

Osservare le successive diminuzioni dei prezzi delle azioni crea un potente sentimento di rammarico per coloro che non hanno venduto, insieme alla paura che si possa vendere sul fondo. Questo rimpianto e temono l’interesse delle persone prime per entrambe le narrazioni sulla pandemia. La provenienza del mercato dipende dalla loro natura ed evoluzione.

      

Per vedere questo, considera che il mercato azionario negli Stati Uniti non ha craterizzato quando, in settembre-ottobre 1918, i media hanno iniziato a coprire la pandemia di influenza spagnola che alla fine ha affermato 675, 000 Vite statunitensi (e oltre 47 milioni in tutto il mondo). Invece, i prezzi mensili nel mercato statunitense erano in crescita da settembre 1918 a luglio 1919.

      

Perché non si è verificato il crollo del mercato? Una probabile spiegazione è che la prima guerra mondiale, che si stava avvicinando alla sua fine dopo l’ultima grande battaglia, la seconda battaglia della Marna, in luglio-agosto 1918, affollò la storia dell’influenza, specialmente dopo l’armistizio nel novembre di quell’anno. La storia della guerra era probabilmente più contagiosa della storia dell’influenza.

      

Un’altra ragione è che l’epidemiologia era solo agli inizi. I focolai non erano così prevedibili e il pubblico non credeva pienamente ai consigli degli esperti, con l’adesione delle persone alle misure di allontanamento sociale “sciatte. ”

      

Inoltre, si riteneva generalmente che le crisi economiche fossero crisi bancarie e che non vi fosse alcuna crisi bancaria negli Stati Uniti, dove il Federal Reserve System, istituito pochi anni prima, in 1913, fu ampiamente annunciato come eliminando quel rischio.

      

Questa volta è diverso

Ma forse il motivo più importante del la narrazione è stata silenziata durante l’epidemia di influenza 1918 è che molte meno persone possedevano titoli un secolo fa, e il risparmio per la pensione non era la preoccupazione che è oggi, in parte perché le persone non vivevano più a lungo e di routine dipendevano dalla famiglia se lo facessero.

      

Questa volta, ovviamente, è diverso. Vediamo il panico degli acquirenti nei negozi di alimentari locali, in contrasto con 1918, quando le carenze in tempo di guerra erano eventi regolari. Con la Grande recessione alle nostre spalle, siamo certamente ben consapevoli della possibilità di importanti cali dei prezzi delle attività. Invece di una tragica guerra mondiale, questa volta gli Stati Uniti sono preoccupati della propria polarizzazione politica, e ci sono molte narrazioni arrabbiate sulla cattiva gestione della crisi da parte del governo federale.

      

Prevedere il mercato azionario in un momento come questo è difficile. Per fare così bene, dovremmo prevedere gli effetti diretti sull’economia del COVID – 19 pandemia, così come tutti gli effetti reali e psicologici della pandemia dell’ansia finanziaria. I due sono diversi, ma inseparabili.

                                     

Articolo originale di Marketwatch.com