lunedì 30 novembre 2020

SoFi acquisirà la società di software di pagamento Galileo per $ 1,2 miliardi

Anthony Noto, CEO di SoFi

Adam Jeffery | CNBC

Start-up di finanza personale SoFi ha ha accettato di acquistare la società di software di pagamento Galileo per 1,2 miliardi di dollari.

L’accordo cash-and-stock aiuterà le società a lanciare nuovi prodotti, espandersi a livello internazionale e trarre vantaggio dal passaggio dei consumatori alla finanza digitale , secondo i CEO di entrambe le società.

Il CEO di SoFi, Anthony Noto, ha affermato che il passaggio al digitale è stato accelerato dalla chiusura del coronavirus poiché le persone perdono l’accesso alle filiali fisiche delle banche.

“È il momento giusto per fare qualcosa del genere – siamo sul precipizio di una transizione dal digitale alla finanza fisica”, ha detto Noto in un’intervista telefonica a CNBC. “Servirà le persone in questo ambiente e la necessità di servizi finanziari mobili sta solo accelerando.”

Galileo è in circolazione da un decennio in più rispetto al suo acquirente. La società di software con sede a Salt Lake City, Utah, collega le banche ai processori di carte di credito tramite API o software di interfaccia di programmazione delle applicazioni. Le due società hanno iniziato a lavorare insieme all’inizio dello scorso anno, quando SoFi ha iniziato a utilizzare Galileo come processore di pagamenti per SoFi Money.

Le conversazioni sui contratti sono iniziate prima che “le cose diventassero difficili” a causa del coronavirus, ma sono stati in grado di continuare nonostante l’attuale rallentamento dell’economia, secondo il CEO di Noto e Galileo Clay Wilkes.

I clienti di Galileo sono la concorrenza di SoFi

Galileo lavora anche con molti dei concorrenti di SoFi, tra cui Robinhood, Chime, Monzo, Revolut, Varo e TransferWise.

Wilkes, che rimarrà come CEO di Galileo, e Noto ha dichiarato che le società opereranno in modo indipendente. Ma è possibile che alcuni colleghi fintech si oppongano a un concorrente che possiede il proprio partner software. Tuttavia, i CEO hanno affermato che l’accordo andrà probabilmente a beneficio dei clienti Galileo aiutandoli a espandersi in nuove linee di prodotti, come i prestiti.

“Vediamo roadmap di prodotti che presentano grandi lacune in quelli che possono essere facilmente riempiti con i prodotti sviluppati da SoFi “, ha dichiarato Wilkes. “Ora è un buon momento per farlo.”

SoFi – valutato per $ 4,8 miliardi – ha attirato investimenti da Softbank, Qatar Investment Authority, investitore in capitale di rischio Peter Thiel e Silver Lake , tra gli altri. È stato lanciato in 2011 con il rifinanziamento di prestiti studenteschi e da allora si è esteso a prestiti personali e ipotecari, rifinanziamenti, gestione patrimoniale, nonché una carta di credito e un conto in contanti, e negoziazione di azioni e criptovaluta.

L’accordo comprende $ 75 milioni in contanti, $

milioni di debito di finanziamento del venditore e $ 875 milioni di azioni della società, secondo le persone che hanno familiarità con le negoziazioni che ha chiesto di non essere nominato perché i dettagli non sono stati divulgati.

Altrove nella Silicon Valley, il flusso degli affari sembra rallentare. Gli investitori di capitali di rischio multipli stanno dicendo alle società di portafoglio di allentare le cinture e “sopravvivere” all’attuale rallentamento economico. Più di 12, 000 start-up i dipendenti sono stati licenziati da marzo 11, secondo un tracker in tempo reale .

Noto, ex direttore generale di Twitter ed ex amministratore delegato di Goldman Sachs, ha affermato che i due fintech sono “stabili e ben funzionanti” durante un periodo senza precedenti per gli Stati Uniti

“Ogni settore sta subendo un impatto e sta ferendo ogni persona negli Stati Uniti in questo momento: hanno bisogno di accedere a denaro e servizi finanziari ora più che mai”, ha detto Noto. “Entrambe le società stanno andando molto bene nonostante l’ambiente difficile.”

Articolo originale di CNBC