venerdì 18 giugno 2021

SOS Laghi, manca sempre più l’ossigeno

Il Riscaldamento globale potrebbe portare danni alla biodiversità a causa della carenza di ossigeno

Le acque dei laghi stanno perdendo ossigeno  e molto più velocemente degli oceani: un fenomeno che si sta verificando in tutto il mondo a causa del riscaldamento globale. Questo fenomeno mette a rischio sia la biodiversità che la qualità d’acqua potabile. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista scientifica americana Nature. Lo studio targato made in Usa, viene dal Rensselaer Polytechnic Institute di Troy ed è stata coordinata da Kevin Rose e Stephen F. Jane.

Lo studio ha analizzato i laghi nelle zone temperate e ha riscontrato un calo del 5,5% dei livelli di ossigeno in superficie e un calo del 18,6% in acque profonde dal 1980. In un ampio sottogruppo di laghi contaminati da nutrienti, l’ossigeno in superficie ha registrato livelli sono aumentati quando la temperatura dell’acqua ha superato la soglia che favoriva i cianobatteri, che possono creare tossine quando prosperano sotto forma di alghe nocive.

Tutto il complesso della vita dipende dall’ossigeno – afferma il coordinatore dello studio Kevin Rose – Quando si inizia a perderlo, si ha un impoverimento potenziale di specie. I laghi stanno perdendo ossigeno 2,75-9,3 volte più in fretta degli oceani. Un calo che può  avere un impatto sull’ecosistema. I ricercatori hanno analizzato oltre 45.000 profili di ossigeno dissolto e temperature dal 1941 su 400 laghi nel mondo. Anche se i laghi rappresentano solo il 3% della superficie terrestre, contengono un’enorme concentrazione di biodiversità” .

“I laghi sono delle sentinelle del cambiamento ambientale e di potenziali minacce, perché rispondono ai segnali atmosferici e dell’ambiente circostante.  – afferma l’altro coordinatore dello studio Stephen F. Jane – Se questa loro maggiore biodiversità sta cambiando così rapidamente, vuol dire che i cambiamenti atmosferici hanno già influito sugli ecosistemi”, aggiunge Jane.

Le concentrazioni di ossigeno sono importanti anche per la qualità dell’acqua: quando diminuiscono, aumentano i batteri capaci di vivere senza ossigeno e di produrre gas serra. Causa di questo è che i laghi potrebbe rilasciare  più metano nell’atmosfera.