venerdì 22 gennaio 2021

‘Star Wars: The Rise of Skywalker’ deve affrontare un ordine elevato: soddisfacenti legioni di fan

Eliminiamo l’ovvio: “Star Wars: The Rise of Skywalker” conquisterà il botteghino di Natale . Ma per legioni di fan, l’uscita venerdì della puntata finale della serie di film in nove parti conosciuta come la saga di Skywalker è considerevolmente più irta.

“The Rise of Skywalker”, co- scritto e diretto da JJ Abrams, deve recitare un atto di alto livello come pochi successi di Hollywood. Deve concludere ordinatamente una trilogia di sequel e incoronare un 18 – franchise di un anno, che porta gli spettatori in un’avventura elettrizzante che sembra fresca ma corre il rischio di far arrabbiare i fan se si discosta nettamente da ” “Mitologia di Star Wars.

” Il film deve affrontare un compito piuttosto alto “, ha dichiarato Dan Betters, pastore in una chiesa presbiteriana del Delaware che nel suo tempo libero si veste da cacciatore di taglie Boba Fett e Darth Vader. “Possono racimolare nove film in una trama in cui è tutto coerente? Penso che sia possibile, ma chi lo sa.”

Betters, 43, è uno dei milioni di appassionati di “Star Wars” in tutto il mondo per i quali la storia intergalattica della luce contro l’oscurità è intensamente personale – parti uguali religione secolare, club sociale di generazione generazionale, allegoria politica per tutti gli usi e combustibile grezzo per la nostalgia infantile.

Lucasfilm, il La società di produzione di proprietà della Disney dietro l’universo di “Star Wars”, ha bisogno di deliziare esattamente questi fan devoti (e fortemente convinti), che rispondono a domande irrisolte lasciando abbastanza mys cerca di future iterazioni – specialmente dopo ciò che alcuni hanno definito passi falsi recenti.

“The Last Jedi”, la precedente entrata nella saga di Skywalker, attirava beffe da alcuni stalwarts che dicevano che si rompesse con le “regole” in franchising stabilite e si trasformò in strane sottotrame. “Solo”, un film indipendente sui primi giorni del contrabbandiere arrogante interpretato da Harrison Ford, balbettò al botteghino e ha ottenuto recensioni tiepide.

Disney ha anche affrontato attacchi razzisti e misogini da un piccolo ma vocale contingente di spettatori che si sono opposti all’inclusività razziale di “The Last Jedi”, come così come una segnalata campagna di troll russi che cercava di suscitare tensioni culturali americane. L’attrice vietnamita americana Kelly Marie Tran, che interpreta l’intrepida combattente della resistenza Rose Tico, ha cancellato i suoi account sui social media dopo mesi di molestie.

Le prime reazioni a “The Rise of Skywalker” – per lo più costituite da recensioni e tweet di critici che hanno partecipato alle proiezioni di stampa martedì – hanno suggerito che il film potrebbe lasciare molte spettatori delusi, o almeno altrettanto divisi.

Lascia che le nostre notizie incontra la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano sono state consegnate la mattina nei giorni feriali.

La colonna sonora del film su aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes in bilico appena sotto 60 percentuale a metà settimana, con molti critici di alto profilo che bussano a “Skywalker” per mancanza di immaginazione, ritmo frenetico e trama imbottita. In una recensione , il critico del New York Times A.O. Scott ha definito Abrams “forse lo studente B più coerente nella moderna cultura popolare”.

È improbabile che le recensioni tiepide producano o rompano le fortune commerciali di un colosso dell’intrattenimento globale. Inoltre, il franchise ha lo slancio di “The Mandalorian”, una nuova serie spin-off che trasmette su Disney Plus e presenta il divoratore di Internet, amico dei meme piccolo alieno noto come Baby Yoda , secondo Becca Wapinsky, madre casalinga di Erlanger, Kentucky.

Wapinsky, 26, che ha partecipato alla premiere mondiale di “The Rise of Skywalker” a Los Angeles il lunedì sera vestito da scout per motociclisti da “Return of the Jedi “(1920), ha dichiarato in un’intervista prima della proiezione che era cautamente ottimista ma con gli occhi chiari sui limiti di ogni film.

“Non importa cosa succede, non tutti lo faranno sii felice. È solo un dato di fatto “, ha detto Wapinsky, che come Betters è membro di 501 St Legion , un’organizzazione di “Star War s “appassionati di costume che ha migliaia di membri in tutto il mondo.

Ma questo non vuol dire che Wapinsky e i suoi compagni in costume non hanno speranze molto specifiche su come si svolge” The Rise of Skywalker “. Wapinsky, per esempio, ha detto che apprezzerebbe la chiarezza sulla genitorialità di Rey, il capro espiatorio trasformato in ribelle interpretato da Daisy Ridley.

“The Force Awakens” (2015), il primo episodio del sequel trilogia, ha alimentato le teorie secondo cui il sensibile della Forza Rey era legato per sangue al maestro Jedi Luke Skywalker (Mark Hamill). Ma in una mossa narrativa di divisione, “The Last Jedi” sembra aver schiacciato quelle voci per sempre.

“Penso che sia importante stabilire che Rey è uno Skywalker”, ha detto Scott Bleisath, un Ingegnere di sistemi della NASA che, travestito da Han Solo, è uscito con Wapinsky alla premiere del tappeto rosso di Los Angeles. “Voglio dire, si suppone che questa sia” la saga di Skywalker “, vero?”

I possibili legami familiari tra Luke e Rey hanno chiaramente colpito un accordo per Bleisath, che ha affermato che cosplay regolarmente come Luke Skywalker al suo fianco 12 – figlia di un anno come Rey. Idealmente, ha detto, “The Rise of Skywalker” sarebbe una pietra miliare tematica nella vena di “Avengers: Endgame ,” l’epopea Marvel.

Tom Cornelius, un 43 – ingegnere di Cincinnati che hanno partecipato alla premiere addobbata nelle vesti Snowtrooper del Primo Ordine, ha dato voce a un ritornello comune tra i fan accaniti. Soprattutto, ha detto, vuole vedere la trama “continuità” con la trilogia originale: il brivido di vari pezzi del puzzle narrativo che scatta in posizione, gettando un ponte sul punto di riferimento 1977 originale per i riavvii Disney.

Agli occhi del Dr. Laurel Steinberg, un esperto di fandom e relazioni, è comprensibile la necessità di continuità tra i devoti di “Star Wars”. Se la conclusione di una trama di lunga data non si ricollega in modo ordinato e coerente ai suoi predecessori, ha detto, “i fan rimangono confusi, non realizzati e abbandonati.”

“Possono sentirsi come se stessero investendo in qualcosa che non vale la pena “, ha detto Steinberg.

Abrams, che ha guidato” The Force Awakens “e tornato alla sedia del regista per” The Rise of Skywalker “, riconosciuto la posta in gioco in una recente intervista con il New York Times , dicendo: “In realtà non penso di essere bravo in niente, ma so come iniziare una storia. Terminare una storia è difficile.”

Betters, il pastore del Delaware , ha affermato che molti dei suoi colleghi nella community dei fan di “Star Wars” erano appassionati ma non “velenosi”. Ha pensato che molti degli ammiratori del franchise sperimentano un salve spirituale nella Forza mistica e una spinta emotiva nell’eroismo dei Ribelli.

“Penso che questi film siano un tentativo di riempire un buco “, Ha detto Betters.

È volato dal Delaware a Los Angeles domenica pomeriggio (” TSA si è divertito con il costume di Boba Fett nella mia borsa “), e ha programmato di tornare a casa non molto tempo dopo la prima, quindi non ha perso le celebrazioni natalizie con sua moglie e cinque figli.

“Adoro ‘Star Wars’ e tutto, ma ha il suo posto”, ha detto Betters. “Gesù è più grande di” Star Wars “per me. Ma alcune persone potrebbero discuterne.”

Come riportato da NBC News