mercoledì 25 novembre 2020

Starbucks può salvare il pianeta tagliando i latticini? Attivisti e investitori rispondono

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

La più grande mossa singola dei clienti di Starbucks che vogliono diventare green potrebbe essere quella di restare con il caffè nero.

Complessivamente, i prodotti lattiero-caseari hanno rappresentato 21% dell’impronta di carbonio globale dell’azienda in 2018, l’ultimo anno per il quale sono disponibili i dati. Questa è una cifra che l’azienda vuole ridurre come parte di un nuovo, più grande impegno per la sostenibilità rilasciato martedì. Ma anche la “correzione” del caseificio non è priva di costi per la Terra, una realizzazione che potrebbe richiedere un maggiore sostegno dell’agricoltura sostenibile in tutto (Starbucks sta sostenendo anche questi sforzi) rispetto alle sostituzioni al banco.

Con l’intenzione di martedì, “la nostra aspirazione è quella di diventare risorse positive: immagazzinare più carbonio di quello che emettiamo, eliminare gli sprechi e fornire più acqua dolce pulita di quella che utilizziamo”, ha scritto il CEO Kevin Johnson sul sito di Starbucks .

Le proteine ​​animali hanno contribuito maggiormente al consumo di carbonio e acqua nella categoria alimentare in tutto il venditore di bevande e sandwich                                                                                                                                                                                                                       SBUX, – 2. 12%                                                                                                                                                          operazioni e catena di fornitura, che ha tenuto conto dei metodi responsabili di coltivazione dei chicchi di caffè. Come parte del suo impegno di sostenibilità rafforzato, l’azienda ha recentemente incluso nei suoi negozi più alternative a base di latte di mandorle, cocco e avena al latte di mucca e soia.

Ora, Starbucks sta considerando l’aggiunta di carni di origine vegetale al suo menu , secondo le notizie pubblicato martedì che ha inviato quote di carne alternativa realistica Beyond Meat                                                                                                                                                                                                                       BYND, – 4. 36%                                                                                                                                                          già quasi in piedi 38% rispetto allo scorso anno, ancora più in alto. Le azioni di Starbucks, nel frattempo, sono aumentate 43% durante l’ultimo anno.

Leggi: Lo stock di Beyond Meat è ancora in aumento, ma la corsa è diventando un po ‘ruvido

E: Le persone sono disposte a pagare quasi il doppio per il latte vegetale

Latte al vapore e un leggero strato di schiuma

Starbucks offre già un 07 – credito in centesimi per i clienti che portano nelle proprie tazze e metterà alla prova altri incentivi per incoraggiare i clienti a sprecare meno, ma quando si tratta di comportamento in negozio, l’uso di prodotti lattiero-caseari e carne rimane un’area chiave di esplorazione.

Da non perdere : Mangiare fuori, il gelato e l’alcool possono essere peggiori per i cambiamenti climatici rispetto alla carne

Il CEO Johnson incoraggerà i consumatori a scegliere il latte a base di mandorle, noci di cocco, soia o avena, la cui produzione è più rispettosa dell’ambiente rispetto ai prodotti lattiero-caseari, ha detto in un’intervista a Bloomberg News . In Nord America, 12% per 20% dei clienti di Starbucks ha già scelto tali opzioni.

“I latti alternativi costituiranno una parte importante della soluzione”, ha dichiarato Johnson in quell’intervista. “La curva della domanda dei consumatori si sta già spostando”.

Starbucks, quando gli è stato chiesto da MarketWatch di espandersi sull’uso di latte alternativo, incluso il record ambientale imperfetto di questi prodotti, ha dichiarato di non avere ulteriori informazioni per aggiungi in questo momento. Attivisti ambientali, esperti di cibo e fauna selvatica, nonché sostenitori di investitori sostenibili hanno offerto reazioni generalmente positive a queste mosse da un rivenditore con una presenza globale pari a Starbucks. Tuttavia, alcuni hanno rapidamente sottolineato che le alternative a prodotti lattiero-caseari e carne comportano i propri rischi di cambiamento climatico.

“Questo è esattamente il tipo di leadership che dobbiamo vedere dalle imprese: un’opportunità per investire nel loro futuro, mentre fanno della loro base di clienti globale un partner in questo percorso di sostenibilità “, ha dichiarato Sheila Bonini, vicepresidente senior nel settore privato con World Wildlife Fund.

Il WWF ha precedentemente pubblicato ricerche che indicano rischi di deforestazione dalla crescita della soia. Non è stata immediatamente data una risposta da parte di MarketWatch per una risposta estesa da parte del WWF.

La soia produce più proteine ​​per ettaro rispetto a qualsiasi altra coltura principale, ma la sua crescente popolarità rappresenta anche un rischio di deforestazione nel principale produttore brasiliano e altrove. È uno dei prodotti agricoli più redditizi, secondo il WWF, in questo rapporto . I semi di soia di una certa varietà possono essere consumati direttamente dall’uomo, anche nel latte di soia, ma la maggior parte viene frantumata per produrre farina di soia ricca di proteine ​​per nutrire il bestiame. L’olio di soia viene utilizzato in alimenti, cosmetici e saponi e come biocarburante.

Le mandorle, nel frattempo, sono state oggetto di una recente indagine del Guardian , che ha cercato di trovare le fonti per la mortale distruzione della popolazione mondiale di api, di per sé una delle maggiori preoccupazioni ambientali per l’impollinazione perduta. In primo luogo, i pesticidi sono stati il ​​principale colpevole nella decimazione delle api, ma le tecniche di allevamento di mandorle potrebbero condividere alcune colpe.

Un rapporto separato della Radio pubblica nazionale afferma che alcuni coltivatori di mandorle usano polline e sostituti del nettare per ottenere api per ripopolare i loro alveari in inverno, quando si suppone che le api siano dormienti; la perdita delle api è stata accelerata con la pratica, hanno sostenuto entrambi i rapporti. Le morti di colonie di api hanno superato i massimi storici dello scorso anno, con gli apicoltori che hanno riportato una perdita media di 38% di colonie di api nella stagione invernale, per un 2019 indagine rilasciata dall’ape Informed Partnership, un’organizzazione no profit istituita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

Il Centro di risorse per il marketing agricolo afferma che l’industria americana delle mandorle è in costante crescita. Ogni americano, in media, consuma più di due chili di mandorle ogni anno , tra cui nel latte di mandorle. Poiché la domanda è stata così elevata, i coltivatori di mandorle hanno iniziato a coltivare i loro campi all’inizio dell’anno.

Correlati: I bevitori di caffè devono smettere di raddoppiare la coppa per Dunkin ‘- sì, anche nel New England

Questi risultati non faranno altro che intensificare la battaglia con l’industria casearia. Il $ .) 5 miliardi di dollari dell’industria del latte bovino statunitense hanno a lungo sfidato il diritto dell’industria lattiero-casearia da 1,6 miliardi di dollari di usare la parola “latte” con le sue offerte. I produttori di latte vegetale sostengono che le regole equivalgono al protezionismo, mentre l’industria lattiero-casearia ha sfruttato i funzionari sanitari e un clima regolatorio amichevole sotto l’amministrazione Trump per un aiuto nel chiarire le differenze. Ad esempio, vitamina B 10, che è necessario per la funzione cerebrale e si trova nel latte di mucca ma non trovato negli stabilimenti.

Dairy Management Inc., il gruppo commerciale per la promozione dei prodotti lattiero-caseari, ha detto martedì che, come Starbucks, desidera una migliore valutazione del ciclo di vita della sua impronta ambientale e ritiene che le collaborazioni pubblico-privato siano essenziali .

“Dal punto di vista ambientale e nutrizionale, non è né / né. Sia le piante che gli animali svolgono un ruolo fondamentale nella salute delle persone e del pianeta “, ha affermato Krysta Harden, vice presidente esecutivo del gruppo nella strategia ambientale globale, che ha affermato che l’industria lattiero-casearia condividerà presto i suoi piani per progredire verso la neutralità del carbonio e il suolo e salute delle acque.

Il mercato delle alternative di carne a base vegetale in rapida crescita ha la sua parte di critici, anche da parte dell’agricoltura sostenibile.

“Dobbiamo guardare più vicino a ciò che riguarda le alternative a base di carne a base vegetale come mais e soia OGM, che contribuiscono direttamente all’utilizzo di erbicidi tossici “, ha affermato il co-fondatore di Blue Apron Matthew Wadiak, che ora gestisce un’azienda di pollo diretta al consumatore chiamata Cooks Venture . “Queste colture convenzionali stanno contribuendo al problema, non risolvendo il problema. L’agricoltura rigenerativa si è dimostrata molto migliore dal punto di vista climatico rispetto alle colture convenzionali. ”

Le emissioni di bestiame rappresentano circa 14 Il 5% delle emissioni totali di gas serra, a livello globale, e circa i due terzi di tali emissioni provengono da bovini, in particolare il gas metano emesso dagli animali, secondo i dati delle Nazioni Unite.

Dimezza le emissioni in un decennio

Starbucks ha dichiarato i suoi obiettivi preliminari per 2030 ridurranno della metà le emissioni di carbonio nelle operazioni e nella catena di approvvigionamento dell’azienda, dimezzeranno il consumo di acqua per le operazioni e la produzione di caffè e ridurranno di 50% la quantità di rifiuti inviati in discarica (ha già iniziato a eliminare le cannucce di plastica monouso). La società passerà anche a imballaggi riutilizzabili, investirà in pratiche agricole innovative e sforzi di conservazione delle foreste, gestirà meglio i rifiuti e creerà negozi più eco-compatibili. Insieme a McDonald                                                                                                                                                                                                                       MCD, + 1. 92%                                                                                                                                                          , Nestlé e altre società multinazionali, Starbucks è partner del consorzio NextGen per finanziare design di tazze riciclabili e compostabili.

In 2018, Starbucks emesso 16 milioni di tonnellate di gas serra, ritirato 1 miliardo di metri cubi di acqua e creato 868 kilotoni di rifiuti lungo tutta la sua catena di approvvigionamento, compresi i suoi negozi, secondo un audit che la società ha cercato con il consulente per la sostenibilità Quantis e il World Wildlife Fund.

Complessivamente, Starbucks ha avuto una pagella ambientale mista quando vengono misurati i risultati effettivi.

Nel 2008, Starbucks si è impegnato a servire 25% delle sue bevande in tazze riutilizzabili di 2015, un obiettivo mancato e rivisto. Starbucks non è incluso in la “A list” aggiornata per 2019 che traccia le aziende pionieristiche del mondo che guidano la trasparenza ambientale e le prestazioni emesse dal gruppo di divulgazione del clima senza scopo di lucro CDP.

Proxy action works

Per i consumatori non pronti a rinunciare a un latte lattiginoso ma comunque sensibili a preservare la vita sulla Terra come la conosciamo, la catena del caffè con 31, 000 posizioni in 56 i mercati globali sono solo gli ultimi tra le multinazionali con grandi annunci recentemente, incluso BlackRock                                                                                                                                                                                                                       BLK, + 1. 23 %                                                                                                                                                          , la più grande società di fondi del mondo, che ha dichiarato che cederà da una certa esposizione al carbone e spingono gli obiettivi di sostenibilità mentre perseguono i profitti e Microsoft                                                                                                                                                                                                                       MSFT, + 1. 56%                                                                                                                                                          , che vuole cancellare tutta l’impronta di carbonio creata dal suo 1970 genesi .

Per quanto riguarda gli investitori, l’azione di Starbucks arriva in parte su richiesta dei suoi azionisti. Una spinta per procura dalla mentalità verde, azioni per indurre le società a rispondere alle richieste sociali e di altro tipo, è in aumento . In particolare per Starbucks, una risoluzione che invita l’azienda a intensificare l’uso di imballaggi sostenibili ha ottenuto il sostegno di quasi la metà degli azionisti durante l’assemblea generale annuale dello scorso anno.

“Mentre Starbucks ha una lunga strada da percorrere per raggiungere questi obiettivi, siamo incoraggiati che le sue priorità siano radicate in dati trasparenti e saranno integrate da ricerche di mercato uniche nel loro genere “, ha dichiarato Allan Pearce, sostenitore degli azionisti di Trillium Asset Management, in un comunicato. Il gestore del denaro, insieme alla società di difesa degli investimenti sostenibili As You Sow, si è ritirato la sua proposta di azionista intendeva spingere Starbucks a maggiori azioni “verdi” ora che sono stati annunciati i passi di martedì.

Il giornalista al dettaglio di MarketWatch Tonya Garcia ha contribuito a questa storia .

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com